10 modi per migliorare il riciclaggio

12

Il riciclaggio ha avuto inizio quasi quattro decenni fa, quando un'azienda cartaria statunitense voleva un simbolo per comunicare ai clienti il ​​contenuto riciclato dei suoi prodotti. Il concorso di design che hanno indetto è stato vinto da Gary Anderson, un giovane grafico della University of Southern California. Il suo ingresso, basato sulla striscia di Mobius (una forma con un solo lato e senza fine) è ormai universalmente riconosciuto come il simbolo del riciclaggio.

Per molte persone, il riciclaggio evoca i bidoni di plastica blu e le unità per bottiglie. Parte del problema è che le grandi aziende come i grandi imbottigliatori di birra e bevande analcoliche utilizzano il riciclaggio per scrollarsi di dosso la responsabilità di occuparsi degli imballaggi prodotti. Ma il riciclaggio è un principio di progettazione, una legge di natura, una fonte di creatività e una fonte di prosperità. Per tutti coloro che cercano di evitare il riciclaggio sponsorizzato dall'azienda e sperano di rendere il riciclaggio una parte più integrante della propria vita, questa guida è una panoramica del lavoro di base e di alcuni dei concetti più fini e avanzati emersi negli ultimi anni.

Vale a dire: "Il riciclaggio di una tonnellata di 'rifiuti' ha il doppio dell'impatto economico di seppellirli nel terreno. Inoltre, riciclare una tonnellata in più di rifiuti pagherà $ 101 in più in stipendi e salari, produrrà $ 275 in più in beni e servizi e generare 135 dollari in più di vendite rispetto allo smaltimento in discarica ".

Ripensare al riciclaggio di Margaret Badore su Vimeo.

I migliori consigli per il riciclaggio

Continua a leggere per saperne di più su come il riciclaggio è verde e su come puoi rendere il tuo riciclaggio più verde.

1. Le basi: ridurre, riutilizzare, riciclare

L'aforisma è così stanco che potrebbe quasi sembrare che "ridurre, riutilizzare, riciclare" dovrebbe essere scontato. La maggior parte di noi ha sentito solo l'ultimo terzo della frase e sono classificati in ordine di importanza, ma ci sono diversi passaggi che dovremmo considerare prima del riciclaggio. Ridurre la quantità che consumiamo e spostare il nostro consumo su prodotti e servizi ben progettati è il primo passo. Il prossimo passo è trovare usi costruttivi per i materiali "di scarto". Se è rotto, aggiustalo, non sostituirlo! Se puoi, restituiscilo al produttore (soprattutto all'elettronica). O meglio ancora, non fare merce imballata! Gettarlo nel cestino blu dovrebbe essere l'ultimo. (Il bidone della spazzatura non è sulla lista, per una buona ragione.) Attraverso un equilibrio di questi tre principi puoi facilmente vedere i tuoi rifiuti destinati alla discarica diminuire rapidamente. Un buon esempio di riciclaggio è mettere le bottiglie d'acqua vuote nel cestino sul marciapiede. Ma utilizzando un filtro per l'acqua e un contenitore riutilizzabile è possibile ridurre o eliminare completamente la necessità di bottiglie di plastica usa e getta.

2. Sapere cosa può e non può essere riciclato

Leggi le regole sul riciclaggio per la tua zona e assicurati di non inviare nulla che non possa essere elaborato. Ogni città ha le sue specifiche, quindi cerca di seguire queste linee guida nel miglior modo possibile. Ma può essere più complicato di così. C'è il vero riciclaggio e c'è il riciclaggio green-washed e conoscere la differenza può aiutarti a evitare di incoraggiare le aziende a riciclare il "falso benessere". Ad esempio, Illy, l'azienda del caffè, ha avviato un programma di riciclaggio delle capsule per le sue cialde usa e getta. La realtà è che il "programma di riciclaggio" spedisce le capsule in un'altra parte del paese (ciao emissioni di carbonio!) E poi fa scendere le capsule al livello più basso possibile. Le loro pubblicità potrebbero far sentire meglio i clienti riguardo allo scarico di capsule, ma conosciamo la verità dietro lo schema e non si tratta di riciclare al meglio.

3. Acquista prodotti riciclati

L'essenza del riciclaggio è il movimento ciclico dei materiali attraverso il sistema, eliminando i rifiuti e la necessità di estrarre più materiali vergini. Sostenere il riciclaggio significa alimentare questo ciclo non solo riciclando, ma anche sostenendo i prodotti riciclati. Ora possiamo trovare un alto contenuto di riciclato in qualsiasi cosa, dalla carta per stampante alle sedie da ufficio. Ma assicurati di conoscere la differenza tra riciclabile e riciclato.

4. Ispirare un artista

Se conosci qualcuno interessato a fare arte con materiali riciclati, offriti di fornire provviste. Molti bambini in età scolare hanno bisogno di articoli come tubi di carta assorbente per progetti artistici. Gli artisti più anziani usano di tutto, dagli elastici alle porte del forno. Se conosci qualcuno che insegna lezioni d'arte, suggerisci di porre l'accento sulla creazione di arte dalla spazzatura. Già che ci sei, ricorda loro di usare carta riciclata e colle, vernici e matite biodegradabili e rispettose dell'ambiente, quando possibile. Vedi sotto per l'ispirazione e i gruppi che mettono in contatto artisti e studenti con utili "spazzatura". Non dimenticare che puoi dare sfogo alla tua creatività e riutilizzare anche i tuoi materiali riciclati!

5. Ricicla la tua acqua

Se sei proprietario di una casa, valuta la possibilità di riorganizzare l'impianto idraulico in modo che l'acqua piovana o di scarico della doccia e della vasca venga utilizzata per lo sciacquone. Se hai un giardino, innaffialo con l'acqua del bagno rimanente o dell'acqua per lavare i piatti (purché usi un sapone biodegradabile).

6. Compost i tuoi scarti di cibo

William McDonough e Michael Braungart, autori dell'innovativo Cradle to Cradle: Remaking the Way We Make Things, immaginano i cosiddetti "rifiuti" divisi in due categorie: nutrienti tecnici e nutrienti biologici. I nutrienti biologici sono quelli che, alla fine della loro vita utile, possono decomporsi in modo sicuro e rapido e ritornare nel terreno. Il compostaggio è uno dei metodi di riciclaggio più semplici ed efficaci. Sia le talee del tuo giardino che i rifiuti della tua cucina verde possono andare in una compostiera all'aperto o al coperto (con o senza intrattenere una popolazione di vermi). Se non hai un orto, trova dei vicini o un orto comunitario che possa utilizzare il tuo terreno. Il compostaggio degli avanzi di cibo significa che il normale cestino della cucina si riempie più lentamente e inoltre non puzza. Dopo Natale, molte città hanno anche programmi per trasformare il tuo albero in pacciame.

7. Riciclare i vecchi dispositivi elettronici

Il riciclaggio dell'elettronica sta diventando più comune in molte aree urbane, il riciclaggio delle batterie è onnipresente (le batterie ricaricabili sono ecologicamente più sicure, ma anche si consumano dopo un po ') e ci sono un certo numero di organizzazioni senza scopo di lucro che prenderanno parti di computer e le trasformeranno in computer funzionanti per conto terzi. Aziende come eBay hanno anche sviluppato programmi per aiutare i tuoi dispositivi elettronici a trovare nuove case. Altri gruppi ricicleranno volentieri il tuo cellulare o lo consegneranno a un anziano, poiché anche senza un contratto può comunque effettuare chiamate di emergenza. Se hai un elettrodomestico importante che non funziona e preferisci sostituirlo piuttosto che provare a ripararlo, offrilo alle officine locali, alle scuole commerciali o agli hobbisti con cui armeggiare. Molte città ora offrono giorni per il riciclaggio dei rifiuti pericolosi in cui accetteranno non solo rifiuti pericolosi, ma anche elettronica.

8. Considerare il potenziale di riciclaggio al momento dell'acquisto

Oltre ad acquistare prodotti riciclati, tieni d'occhio i prodotti riciclabili. Ogni volta che acquisti qualcosa di imballato, pensa a come puoi riutilizzare l'imballaggio, restituirlo a un negozio di spedizione per il riutilizzo o provare a riciclarlo in altro modo. Se si verifica qualcosa che potrebbe esaurirsi o usurarsi nel tempo, come un componente elettronico, dare la preferenza al modello che può essere facilmente aggiornato o cannibalizzato per le parti in modo da non dover spazzare via l'intera cosa se una parte si rompe . I prodotti che sono impossibilmente fusi insieme sono spesso chiamati "ibridi mostruosi" e sono, sebbene spesso più economici all'inizio, spesso non riparabili e non riciclabili.

9. Non smaltire – Dona

Molte associazioni di beneficenza accolgono le tue donazioni. Esistono gruppi come Freecycle e Recycler's Exchange per aiutarti a sbarazzarti di oggetti utili che semplicemente non vuoi utilizzare. Se ti trovi in ​​una città Craigslist, usa la sezione "materiale gratuito". Regala vestiti che non ti stanno, le scatole che hai usato nel tuo ultimo trasloco o saponi profumati che non attirano la tua sensibilità. Stabilisci come regola in casa tua che nulla di utilizzabile vada nella spazzatura fino a quando non hai dato alla comunità una giusta possibilità.

10. Analizza le tendenze dei tuoi rifiuti

Per comprendere meglio il tipo di materiali che entrano ed escono da casa, ufficio o scuola, valuta la possibilità di condurre una verifica dei rifiuti. Imposta un periodo di tempo come una settimana o un mese e separa le categorie di rifiuti. Pesare i diversi tipi di flussi di materiale che escono dalla porta (rifiuti di discarica, compost organico, alluminio, plastica riciclabile, materiale riutilizzabile, ecc.). Progettare un programma di "recupero materiale" che riduca al minimo la quantità destinata alla discarica. Questo è un ottimo esercizio da fare con i bambini, ma può essere molto convincente anche per i vertici aziendali, soprattutto perché la maggior parte delle aziende paga per portare via la spazzatura e può ottenere denaro per carta riciclata, contenitori, cartucce di toner, cartone ondulato e come.

Gary Anderson / Flickr / CC BY 2.0

Riciclare con i numeri

  • 544.000: Alberi risparmiati se ogni famiglia negli Stati Uniti sostituisse un solo rotolo di asciugamani di carta in fibra vergine (70 fogli) con quelli riciclati al 100%.
  • 50 milioni: Tonnellate di rifiuti elettrici ed elettronici gettati via ogni anno. Una tonnellata di rottami di computer scartati contiene più oro di quanto si possa produrre da 17 tonnellate di minerale d'oro.
  • 9 iarde cubiche: Quantità di spazio in discarica risparmiato riciclando una tonnellata di cartone.
  • $ 160 miliardi: Valore dell'industria del riciclaggio globale che impiega oltre 1,5 milioni di persone.
  • 94 milioni di tonnellate: Quantità di materiale di scarto deviata dallo smaltimento nel 2005 attraverso il riciclaggio e il compostaggio.
  • 5 percento: Frazione dell'energia necessaria per riciclare l'alluminio rispetto all'estrazione e alla raffinazione di nuovo alluminio.
  • 89 percento: Tasso di restituzione complessivo dei contenitori ricaricabili (lattine, bottiglie di plastica e bottiglie di vetro) in Danimarca nel 2018.
  • 66,2 per cento: Percentuale della carta consumata negli Stati Uniti che è stata recuperata per il riciclaggio nel 2019.

Termini utili per il riciclaggio

RES (codice di identificazione della resina)

Cosa significano quei numeri sul fondo delle bottiglie di soda, comunque? Una chiave per il sistema numerico (codice di identificazione della resina) può essere trovata tramite l'American Chemistry Council. Una pagina alternativa può essere trovata per gentile concessione del Dipartimento di Scienza dei polimeri dell'Università del Mississippi meridionale.

Downcycling

William McDonough e Michael Braungart, autori di Cradle To Cradle, hanno riformulato il modo in cui guardiamo al riciclaggio, illustrando come la maggior parte di ciò che facciamo è effettivamente "andare in bicicletta" o semplicemente ritardare il tempo in cui, ad esempio, arriverà una bottiglia di plastica fermarsi in una discarica (dalla culla alla tomba). Questi due innovatori delineano un sistema in cui le cose vengono veramente riciclate in cicli virtualmente infiniti; eccone di più dal sito di McDonough.

Critiche al riciclaggio

Il riciclaggio non è tutto verde e oro. Ad esempio, alcuni sostengono che la produzione di beni riciclati non sia efficiente dal punto di vista energetico. Può anche essere piuttosto costoso.

Inoltre, il "riutilizzo" è la seconda regola cardinale del riciclaggio, ma assicurati che ciò che stai facendo sia sicuro. Bottiglie di plastica per acqua, soda e succhi di frutta e altri utensili in plastica non sono fatti per molteplici usi e possono rompersi, rilasciando sostanze chimiche, soprattutto in caso di calore (come la lavastoviglie).

Con segnalazione di Manon Verchot