100 gradi in Siberia? 5 modi in cui l'ondata di caldo artico estrema segue uno schema inquietante

0
37

L'ondata di caldo artico che ha portato le temperature della Siberia a salire a circa 100 gradi Fahrenheit il primo giorno d'estate ha messo un punto esclamativo su una sorprendente trasformazione dell'ambiente artico che è in corso da circa 30 anni.

Già nel 1890, gli scienziati predissero che l'aumento dei livelli di anidride carbonica nell'atmosfera avrebbe portato a un riscaldamento del pianeta, in particolare nell'Artico, dove la perdita di neve riflettente e ghiaccio marino avrebbe ulteriormente riscaldato la regione. I modelli climatici hanno costantemente indicato l '"amplificazione artica" che emerge con l'aumento delle concentrazioni di gas serra.

Bene, l'amplificazione artica è ora qui in grande stile. L'Artico si sta riscaldando a circa il doppio del tasso del globo nel suo complesso. Quando ondate di calore estreme come questa colpiscono, si distingue per tutti. Gli scienziati sono generalmente riluttanti a dire "Te l'avevamo detto", ma il record mostra che lo abbiamo fatto.

Come direttore del National Snow and Ice Data Center e scienziato del clima artico che ha messo piede per la prima volta nell'estremo nord nel 1982, ho avuto un posto in prima fila per assistere alla trasformazione.

Le ondate di caldo artico si verificano più spesso e si bloccano

Le ondate di caldo artico ora arrivano sulla cima di un pianeta già più caldo, quindi sono più frequenti di quanto non lo fossero in passato.

La Siberia occidentale ha registrato la sua primavera più calda mai registrata quest'anno, secondo il programma di osservazione della Terra Copernicus dell'UE, e quel caldo insolito non dovrebbe finire presto. L'Artico Climate Forum ha previsto temperature superiori alla media nella maggior parte dell'Artico almeno fino ad agosto.

Le temperature artiche sono aumentate più velocemente della media globale. Questa mappa mostra la variazione media in gradi Celsius dal 1960 al 2019.
NASA-GISS

Perché questa ondata di caldo si protrae? Nessuno ha ancora una risposta completa, ma possiamo guardare i modelli meteorologici intorno ad essa.

Di regola, le ondate di calore sono legate a modelli insoliti di correnti a getto e l'ondata di caldo siberiano non è diversa. Una persistente oscillazione verso nord della corrente a getto ha posto l'area sotto quello che i meteorologi chiamano un "crinale". Quando la corrente a getto oscilla verso nord in questo modo, consente all'aria più calda di entrare nella regione, aumentando la temperatura superficiale.

Alcuni scienziati prevedono che l'aumento delle temperature globali influenzerà la corrente a getto. La corrente a getto è guidata da contrasti di temperatura. Man mano che l'Artico si riscalda più rapidamente, questi contrasti si riducono e la corrente a getto può rallentare.

È quello che stiamo vedendo adesso? Non lo sappiamo ancora.

Ghiaccio marino al formaggio svizzero e circuiti di feedback

Sappiamo che stiamo assistendo a effetti significativi da questa ondata di caldo, in particolare nella precoce perdita di ghiaccio marino.

Il ghiaccio lungo le rive della Siberia ha l'aspetto di formaggio svizzero in questo momento nelle immagini satellitari, con grandi aree di mare aperto che normalmente sarebbero ancora coperte. L'estensione del ghiaccio marino nel mare di Laptev, a nord della Russia, è la più bassa registrata per questo periodo dell'anno dall'inizio delle osservazioni satellitari.

La perdita di ghiaccio marino influisce anche sulla temperatura, creando un ciclo di feedback. Il ghiaccio e il manto nevoso della Terra riflettono l'energia in arrivo del Sole, contribuendo a mantenere fresca la regione. Quando quella copertura riflettente è sparita, l'oceano scuro e la terra assorbono il calore, aumentando ulteriormente la temperatura superficiale.

Le temperature della superficie del mare sono già insolitamente alte lungo parti della costa siberiana e le calde acque oceaniche porteranno a un ulteriore scioglimento.

I rischi di scongelamento del permafrost

Sulla terra, una grande preoccupazione è il riscaldamento del permafrost, il terreno perennemente ghiacciato che è alla base della maggior parte del terreno artico.

Quando il permafrost si scioglie sotto case e ponti, le infrastrutture possono affondare, inclinarsi e crollare. Gli abitanti dell'Alaska hanno lottato con questo per diversi anni. Vicino a Norilsk, in Russia, lo scongelamento del permafrost è stato accusato di un crollo di un serbatoio di petrolio a fine maggio che ha versato migliaia di tonnellate di petrolio in un fiume.

Lo scongelamento del permafrost crea anche un problema meno ovvio ma ancora più dannoso. Quando il terreno si scioglie, i microbi nel terreno iniziano a trasformare la sua materia organica in anidride carbonica e metano. Entrambi sono gas serra che riscaldano ulteriormente il pianeta.

In uno studio pubblicato lo scorso anno, i ricercatori hanno scoperto che i siti di test del permafrost in tutto il mondo si erano riscaldati in media di quasi mezzo grado Fahrenheit nel decennio dal 2007 al 2016. L'aumento maggiore è stato in Siberia, dove alcune aree si erano riscaldate di 1,6 gradi. L'attuale ondata di caldo siberiano, soprattutto se continuerà, esacerberà a livello regionale il riscaldamento e lo scongelamento del permafrost.

Un'immagine satellitare mostra la fuoriuscita di petrolio di Norilsk che scorre nei fiumi vicini. Il crollo di un gigantesco serbatoio di carburante è stato attribuito allo scongelamento del permafrost.
Contiene i dati Copernicus Sentinel 2020 modificati, CC BY

Gli incendi sono tornati di nuovo

L'estremo calore aumenta anche il rischio di incendi, che cambiano radicalmente il paesaggio in altri modi.

Le foreste più secche sono più inclini agli incendi, spesso a causa dei fulmini. Quando le foreste bruciano, il terreno scuro ed esposto lasciato indietro può assorbire più calore e accelerare il riscaldamento.

Abbiamo assistito da alcuni anni a incendi boschivi estremi nell'Artico. Quest'anno, alcuni scienziati hanno ipotizzato che alcuni degli incendi siberiani scoppiati lo scorso anno potrebbero aver continuato a bruciare durante l'inverno nelle torbiere e sono riemersi.

Le immagini satellitari mostrano l'assottigliamento del ghiaccio marino in alcune parti della Siberia orientale e dei mari di Laptev e il fumo degli incendi che si riversa in tutta la Russia. La città di Verkhoyansk, normalmente nota per essere uno dei luoghi abitati più freddi della Terra, ha riferito di aver raggiunto i 100 gradi il 20 giugno.
Joshua Stevens / NASA Earth Observatory

Uno schema inquietante

L'ondata di caldo siberiano e i suoi impatti saranno senza dubbio ampiamente studiati. Ci saranno sicuramente coloro desiderosi di liquidare l'evento come il risultato di un insolito andamento meteorologico persistente.

Bisogna sempre fare attenzione a non leggere troppo in un singolo evento: si verificano ondate di calore. Ma questo fa parte di uno schema inquietante.

Ciò che sta accadendo nell'Artico è molto reale e dovrebbe servire da monito a tutti coloro che hanno a cuore il futuro del pianeta così come lo conosciamo.

[Get our best science, health and technology stories. Sign up for The Conversation’s science newsletter.]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui