13 alberi da non perdere in tutto il mondo

45

Le meraviglie del mondo non sono state costruite solo da mani umane; Madre Natura ha costruito alcuni dei suoi, tra i quali una manciata di alberi che si distinguono per la loro longevità, dimensioni, significato storico, valore ecologico, bellezza o semplicemente stranezze. Questi non sono necessariamente gli alberi superlativi della loro specie, ma sono certamente degni di nota e meritano un viaggio.

Come in una cattedrale o in un museo di livello mondiale, vedere di persona queste meraviglie arboree è il modo migliore per avere un'idea del loro splendore unico, ma se non puoi fare il viaggio, un tour virtuale lo farà darti un'idea della loro bellezza, come dimostra questa foto del gigantesco albero di Tule del Messico a Oaxaca.

Preparati a lasciarti stupire dall'audacia della natura con queste meraviglie che nessun amante degli alberi dovrebbe perdere.

Alberi di Shorea della Danum Valley

Foto: Jeremy Red / Shutterstock

Il Borneo è ricco della sua diversità di piante, comprese circa 3.000 specie di alberi. Di particolare rilievo sono gli alberi situati nella Danum Valley Conservation Area. Nel novembre 2016, un albero è stato dichiarato l'albero più alto dei tropici, alto 309 piedi. La sua scoperta ha coinciso con la scoperta di altri 49 alberi molto alti nella zona, tutti alti almeno 295 piedi. In effetti, questa regione continua a rivelare alberi più superlativi, con uno nuovo che emerge nel 2019, quando i ricercatori delle università di Nottingham e Oxford, in collaborazione con il South East Asia Rainforest Research Partnership, hanno annunciato la scoperta di un gigante di 330,7 piedi.

Gli alberi appartengono al genere Shorea, un albero che rappresenta 130 di quelle 3.000 specie originarie del Borneo. Questi alberi gialli di merenti possono vivere per centinaia di anni, quindi questi alberi altissimi potrebbero avere la vista più alta della regione per i secoli a venire, fornendo allo stesso tempo un porto sicuro per oranghi, leopardi nebulosi ed elefanti delle foreste.

Albero della vita

Foto: Joakim Lloyd Raboff / Shutterstock

Potrebbe non essere l'albero più grande, più alto o più antico del mondo, ma è sicuramente il più solitario e il più assetato. Cresciuto da solo nel deserto arido del Bahrein, a miglia da un altro albero o da una rete idrica visibile, questo albero mesquite di 400 anni è un miracolo di sopravvivenza. In effetti, la gente del posto crede che l'Albero della Vita cresca sul sito in cui un tempo fiorì il Giardino dell'Eden. La sua chiave del successo potrebbe essere una radice a fittone che raggiunge i 115 piedi fino a una falda acquifera sotterranea. Dopo che i vandali hanno iniziato a incidere i nomi nel tronco e i fedeli hanno bruciato parti dell'albero in una cerimonia religiosa, il governo è entrato in azione nel 2013, costruendo un muro di cemento incassato attorno a questo tesoro per preservarlo per i futuri visitatori.

Tule Tree

Foto: M.V. Fotografia / Shutterstock

Questo enorme cipresso di Montezuma di 2.000 anni cresce in un cimitero a Santa Maria del Tule, nello stato messicano di Oaxaca, ed è stato nominato nella lista provvisoria dei siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO nel 2001. Conosciuto localmente come Arbol del Tule, vanta il più robusto tronco di qualsiasi albero del pianeta con una circonferenza di 137,8 piedi. Ciò significa che sono necessarie 30 persone con le braccia tese e le mani unite per circondarlo. A quanto pare questa vecchia leggenda attira l'attenzione su di sé da secoli; fu raccontato sia dagli Aztechi che dagli esploratori spagnoli che arrivarono più tardi.

Fortingall Yew

Foto: Paul Hermans / Wikimedia Commons

Con più di 3000 anni, questo antico tasso europeo che cresce dietro il muro di un cimitero nel villaggio di Fortingall nel Perthshire, in Scozia, si ritiene che sia l'albero più antico del Regno Unito e forse di tutta l'Europa. L'altra pretesa di fama dell'albero è il suo recente cambiamento di sesso. Per tutto il tempo che qualcuno ricorda, questo tesoro longevo è stato di sesso maschile, ma recentemente gli scienziati del Royal Botanic Garden di Edimburgo hanno scoperto tre bacche rosse che crescono su un ramo della sua corona esterna. Le bacche si trovano solo sui tassi femminili e il passaggio potrebbe essere dovuto allo stress ambientale. Ovviamente, il resto dell'albero rimane maschio, rendendolo uno degli alberi più non convenzionali che probabilmente vedrai.

Lampadario Albero

Foto: Nick Fox / Shutterstock

Ci piace pensare che questo non sarebbe accaduto nel mondo di oggi più orientato alla conservazione, ma circa 80 anni fa, quando Charlie Underwood stava cercando di creare un'attrazione sul ciglio della strada nella proprietà della sua famiglia a 175 miglia a nord di San Francisco, ha scolpito un'auto delle dimensioni di un'auto , buco drive-thru in una sequoia gigante della costa. Soprannominato l'albero del lampadario, questo gigante vivente di 2.400 anni rimane un'attrazione nel nord della California. Per $ 5, gli amanti degli alberi possono attraversare il tronco titanico e fare un picnic tra le molte altre sequoie della proprietà, ora un parco di 200 acri.

Angel Oak

Foto: DCornelius / Shutterstock

Il grande Angel Oak ha vegliato su Johns Island al largo della costa della Carolina del Sud per circa 1.500 anni. Questo lo rende uno degli esseri viventi più antichi a est del Mississippi. A 66 piedi di altezza con un tronco di 9 piedi di diametro, questa gigantesca quercia viva potrebbe non essere l'albero più massiccio esistente, ma la sua spettacolare chioma è qualcosa da vedere, offrendo oltre 17.000 piedi quadrati di ombra. L'Angel Oak è attualmente di proprietà della città di Charleston, ma deve affrontare minacce ambientali da parte di uno sviluppatore che cerca di abbattere la foresta protettiva che lo circonda.

Alberi del drago di Socotra

Foto: Rod Waddington / Flickr

Questi sempreverdi dall'aspetto bizzarro che crescono sull'isola di Socotra al largo della costa dello Yemen potrebbero farti sentire come se fossi atterrato su un pianeta alieno. Ancora più strana è la resina rosso scuro che fuoriesce come sangue quando vengono tagliati, motivo per cui sono anche chiamati alberi del sangue di drago. Con le loro enormi corone rovesciate densamente imballate che assomigliano a ombrelli rovesciati o funghi giganti dalla forma strana, gli alberi del drago di Socotra sono particolarmente adatti per le condizioni aride. Sfortunatamente, sono anche in pericolo a causa dello sviluppo umano e perché il cambiamento climatico sta prosciugando l'isola.

Thimmamma Marrimanu

Foto: Nagarjun Kandukuru / Flickr

Dovrai viaggiare in Andhra Pradesh, in India, per vedere questo gigantesco albero di banyan (marri significa banyan e manu significa albero) che si estende su più di 5 acri. Può sembrare una foresta di singoli alberi, ma Thimmamma Marrimunu è in realtà un singolo albero (simile a quello nella foto). I Banyan hanno radici aeree che pendono e mettono radici nel terreno, dando l'aspetto di diversi tronchi intrecciati. Si ritiene che questo colosso ne abbia più di 1.000 e potrebbe essere il più grande baniano vivente.

Secondo la leggenda, il gigantesco albero è germogliato dove Lady Thimmamma, una moglie devota, si è bruciata sulla pira funeraria del marito nel 1394. Rimane un popolare luogo turistico, soprattutto per le coppie senza figli che credono che adorare Thimmamma porterà a una gravidanza l'anno successivo.

Lone Cypress

Foto: Antoine Imbert / Flickr

Presentato come l'albero più fotografato del Nord America, questo iconico cipresso di Monterey cresce su una scogliera di granito che si affaccia sulla splendida costa del Pacifico della California. Situato lungo la panoramica 17-Mile Drive a Pebble Beach, si ritiene che il Lone Cypress abbia 250 anni. Segnata da un incendio di molto tempo fa e tenuta in posizione da cavi e muro di contenimento, questa bellezza tanto visitata si erge come un simbolo del robusto individualismo americano. È anche il marchio di fabbrica di lunga data del suo proprietario terriero, la Pebble Beach Company.

Siepi scure

Foto: Adrian Pluskota / Shutterstock

Forse conosci questo tortuoso tunnel di faggi come la King's Road in "Game of Thrones" della HBO. In effetti, è una delle attrazioni arboree più amate dell'Irlanda del Nord. Gli alberi furono piantati da John Stuart alla fine del XVIII secolo per allineare il viale che conduce alla sua villa georgiana, Gracehill House. Oggi, Dark Hedges rimane uno spettacolo magicamente impressionante lungo Bregagh Road, attirando turisti da tutto il mondo. Il viale a baldacchino ultraterreno arriva persino con il suo fantasma, la misteriosa Signora Grigia, che si dice vaga tra gli alberi nodosi, svanendo mentre supera l'ultimo.

Sunland Big Baobab

Foto: South African Tourism / Flickr

Gli alberi di baobab sono uno spettacolo strano e familiare nelle savane dell'Africa sub-sahariana con i loro tronchi enormi che sembrano sminuire tutto ciò che li circonda. Uno degli esempi più insoliti – ritenuto il più grande e forse il più antico del mondo con circa 1.700 anni – è il Sunland Big Baobab. Ma questo antico mammut situato in Sud Africa a Sunland Farm è una popolare attrazione turistica per più delle sue dimensioni e anzianità. Molti viaggiatori si presentano anche per l'happy hour. Esatto, c'è un pub e una cantina per vini costruiti all'interno del tronco cavo dell'albero di 33 piedi di diametro. Lontano dalle dimensioni di uno Hobbit, questo bar sull'albero una volta ospitava 60 persone durante una festa.

Jaya Sri Maha Bodhi

Foto: Honza Hruby / Shutterstock

Questo fico sacro circondato dalle mura del tempio è il più antico albero vivente piantato da esseri umani con una data di piantagione nota. Quella data: 249 a.C. Ciò che veramente catapulta l'albero di Jaya Sri Maha Bodhi nella super-celebrità, però, è la sua storia sacra. Molti credono che provenga da un taglio dell'albero Sri Maha Bodhi in India, sotto il quale il Buddha raggiunse l'illuminazione. Oggi, pellegrini buddisti e altri provenienti da tutto il mondo si recano ai Giardini Mahamewna ad Anuradhapura, nello Sri Lanka, per rendere omaggio a questo simbolo spirituale vivente.

Eucalipto arcobaleno

Foto: Ilya Images / Shutterstock

Questi alberi in technicolor potrebbero sembrare il lavoro fantastico di un pittore psichedelico – e in un certo senso lo sono, tranne che in questo caso, il pittore dalle tinte felici è Madre Natura. Gli alberi di eucalipto arcobaleno sfoggiano macchie multicolori di verde, viola, arancione e marrone sui loro tronchi lasciati mentre la corteccia si perde. Originarie delle foreste tropicali delle Filippine, della Papua Nuova Guinea e dell'Indonesia, queste bellezze policromatiche sono coltivate anche in altre parti del mondo, comprese le Hawaii e nelle parti meridionali della terraferma degli Stati Uniti. Uno dei posti migliori per vederli è la "foresta dipinta" lungo la Hana Highway sull'isola hawaiana di Maui.