17 fatti meravigliosamente curiosi sugli arcobaleni

0
25

Chi sapeva che questi "archi piovosi" avevano una storia così colorata ?!

È difficile vedere un arcobaleno e non avere la sensazione che stia succedendo qualcosa di speciale. Alcuni di noi potrebbero persino fermarsi sui nostri passi e svenire per la bellezza della cosa, per non parlare di essere euforici alla promessa di fortuna da seguire. Gli arcobaleni sono meravigliosi, come le stelle cadenti e l'aurora boreale, sono una magia totale, in stile Madre Natura. Un fatto che non si è perso in quasi tutte le culture dall'inizio del tempo.

Ma mentre sappiamo tutti che una pentola d'oro attende la persona abbastanza fortunata da arrivare alla fine di un arcobaleno, cos'altro sappiamo veramente di questi fenomeni color caramella? C'è di più in un arcobaleno di quanto sembri! Considera quanto segue:

Storia

1. "Arcobaleno" deriva dal latino arcus pluvius, che significa "arco delle piogge".

2. In epoca greca e romana, si credeva che gli arcobaleni fossero un percorso creato dalla dea dell'arcobaleno, Iris, che ci collegava agli immortali.

3. Cosa c'entrano gli arcobaleni con i pavoni? I greci usavano la parola "iris" per riferirsi a qualsiasi cerchio colorato, quindi l'iride dell'occhio o anche il punto sulla coda di un pavone. Altre parole che prendono spunto dalla dea dell'arcobaleno includono il fiore dell'iride, l'iridio chimico e la parola "iridescente".

4. Anche se gli arcobaleni hanno un posto di rilievo nei miti e nelle religioni di così tante culture nel corso della storia, nessuno aveva idea di cosa diavolo fossero in realtà fino al 17 ° secolo.

5. Il poeta epico greco Omero credeva che gli arcobaleni fossero fatti di un unico colore, il viola. (Come decisamente imppoetico.)

6. Il filosofo greco Senofane elaborò conferendo all'arcobaleno altri due colori, dicendo che era composto da viola, giallo-verde e rosso.

7. Aristotele concordava con Senofane nel suo trattato, Meteorologica: "L'arcobaleno ha tre colori, e questi tre, e nessun altro". Apparentemente questo era un argomento caldo!

8. Durante il Rinascimento, si decise che no, c'erano quattro colori: rosso, blu, verde e giallo. Nel XVII secolo, i pensatori occidentali avevano concordato cinque colori: rosso, giallo, verde, blu e viola.

9. Nel 1637 René Descartes scoprì che gli arcobaleni erano causati dalla luce solare divisa in diversi colori dalla pioggia. Stella d'oro per Cartesio.

10. Nel 1666, Isaac Newton aggiunse l'indaco e l'arancione per darci il Roy G. Biv a sette colori che tutti conosciamo e amiamo oggi. Tuttavia, in Cina si ritiene che gli arcobaleni contengano solo cinque colori.

Scienza

mikroman6 / Getty Images

11. La verità è che non esiste un numero fisso di colori in un arcobaleno! Ogni tonalità si fonde con la successiva senza un confine netto, lasciando l'interpretazione alla persona che la vede e alla cultura che l'ha definita. (Vado con 28 colori, quindi ecco.)

12. E infatti, un arcobaleno non "esiste" nemmeno realmente, … non è un oggetto, è un fenomeno ottico. Ecco perché non esistono due persone che vedono lo stesso arcobaleno.

13. Il Telegraph spiega la magia come tale: "Ogni goccia di pioggia agisce come un piccolo specchio imperfetto. Quando il sole è proprio dietro di te, la sua luce passa attraverso le gocce di pioggia di fronte a te, si riflette sulla loro superficie posteriore e rimbalza su di te. La luce viene rifratta o "piegata" leggermente mentre passa dall'aria all'acqua e di nuovo quando rimbalza di nuovo nell'aria. Le diverse lunghezze d'onda che si combinano per creare la luce diurna sono "piegate" di quantità diverse (42o per il rosso fine dello spettro, un'ombra in meno per il viola). Ogni goccia di pioggia funge sia da prisma (rifrazione) che da specchio (riflesso). "

14. I doppi arcobaleni si verificano quando la luce rimbalza all'interno della goccia d'acqua più di una volta prima di fuoriuscire, lo spettro del secondo arco verrà invertito. A volte si possono vedere il terzo o il quarto arcobaleno.

15. Tra un arcobaleno e il suo doppio il cielo è più scuro perché la luce riflessa nelle gocce di pioggia in questa parte non arriva all'osservatore. Avviso nerd di parole! Questa zona ha un nome: una banda di Alessandro, dal nome di Alessandro d'Afrodisia che la descrisse per primo nel 200 d.C.

16. Gli arcobaleni possono verificarsi nella nebbia, nebbia, spruzzi del mare, cascate e ovunque la luce incontra l'acqua nel cielo e gli angoli sono favorevoli. Ci sono anche rari archi di luna, fatti di notte dalla luce della luna … anche se i nostri occhi li leggono come bianchi. Questo è un ottimo momento per cercare gli unicorni.

17. L'arcobaleno più duraturo del mondo (o osservato) è stato visto su Sheffield, in Inghilterra, il 14 marzo 1994 – è durato dalle 9:00 alle 15:00. (Se mai ci fosse un'opportunità per assicurarsi una pentola d'oro …!)

Bonus! Il video numero uno sull'arcobaleno su YouTube, con 188.074.716 visualizzazioni attuali, appartiene alla versione di "Over the Rainbow" alimentata dall'ukulele di Israele "IZ" Kamakawiwoʻole. Ma dato che sono della vecchia scuola, ecco invece Judy Garland e Toto.

(Fonti: The Telegraph, Center for Science Education.)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui