5 motivi per cui bandire i viaggiatori con lo zaino e prendere di mira i turisti facoltosi sarebbe un errore per la Nuova Zelanda

0
66

Alza la mano se hai mai viaggiato per settimane o mesi come backpacker con un budget giornaliero limitato. Alza la mano se sei stato accolto nei luoghi che hai visitato sul tuo OE, hai goduto di incontri casuali e sperimentato la generosità di estranei.

E quelle esperienze hanno lasciato un affetto per tutta la vita per i luoghi che hai visitato e le persone che hai incontrato? Se la risposta è sì, allora dobbiamo considerare cosa potrebbe accadere in Nuova Zelanda se le ultime idee del ministro del turismo Stuart Nash diventassero politica.

Per ricapitolare, Nash ha detto al Summit sul turismo a Wellington la scorsa settimana che l'industria dovrebbe abbandonare la ristorazione per i viaggiatori zaino in spalla a bassa spesa e invece rivolgersi ai ricchi. Ciò risolverebbe due problemi: il danno ambientale presumibilmente causato dai campeggiatori della libertà (incluso l'uso della natura come bagno) e la pressione di troppi visitatori in generale.

Nash aveva ragione a dire che non possiamo tornare alla normalità pre-COVID quando il confine riaprirà e inizierà la ripresa del turismo. La sovraccapacità, le infrastrutture tese e gli impatti ambientali hanno significato che la crescente resistenza della comunità stava raggiungendo un punto di svolta.

Ma vogliamo davvero bandire i backpackers e posizionare la Nuova Zelanda come costosa ed esclusiva – la Svizzera del Sud Pacifico? Ci sono cinque ragioni per cui questo approccio sarebbe un errore.

1. I big spender sono grandi inquinatori

I viaggiatori con un budget inferiore generalmente soggiornano molto più a lungo della media. Di solito danno un contributo economico aggregato più elevato rispetto a coloro la cui spesa giornaliera è elevata ma che passano rapidamente.

La Nuova Zelanda vuole davvero che solo i super ricchi sperimentino le nostre meraviglie naturali, quando volare in business class, viaggiare su navi da crociera e noleggiare elicotteri sono i modi più dannosi per l'ambiente?

À lire aussi:
Tempo di servizio: come mangiare bene in carcere aiuta i detenuti e soddisfa i clienti

Se dovessimo considerare gli impatti sociali, economici e ambientali più ampi dei mercati del turismo discreto, bandiremmo prima l'industria delle crociere, non i viaggiatori con lo zaino.

Non Benvenuto? I viaggiatori con lo zaino scaricano il loro camper economico prima di lasciare la Nuova Zelanda.
GettyImages

2. I viaggiatori con lo zaino portano molti vantaggi

Poiché rimangono più a lungo, i viaggiatori con lo zaino possono portare benefici più ampi alla nostra società, economia e ambiente. Tendono ad essere più dispersi, portando sviluppo economico e opportunità di lavoro alle comunità regionali.

Inoltre, i loro comportamenti di viaggio tendono ad allinearsi maggiormente al concetto di turismo rigenerativo. È più probabile che i viaggiatori con lo zaino siano consapevoli della loro impronta di carbonio, si impegnino nella pulizia delle spiagge, piantino alberi e si impegnino in progetti di conservazione.

Sono anche una forza lavoro stagionale, come è stato dimostrato dalla grave carenza di manodopera nelle economie rurali e regionali a causa della chiusura delle frontiere.

3. L'importanza di un turismo diversificato

I viaggiatori con lo zaino e i campeggiatori della libertà supportano le piccole imprese turistiche regionali, le attrazioni ei servizi locali che non sopravviverebbero senza di loro. Ostelli per viaggiatori con zaino e sacco a pelo, soggiorni in famiglia, campeggi e altri sottosettori di alloggi a basso budget sarebbero a rischio, così come molte piccole e medie imprese turistiche.

À lire aussi:
Le competenze tradizionali aiutano le persone delle isole del Pacifico prive di turismo a sopravvivere alla pandemia

Durante le crisi è importante che le destinazioni turistiche abbiano un ampio portafoglio di mercati. Ciò garantisce la resilienza e mitiga i potenziali impatti economici delle interruzioni periodiche del turismo globale. Inoltre, come ha osservato il sindaco di Queenstown, i viaggiatori zaino in spalla di oggi tornano in futuro come visitatori di fascia alta.

4. Affrontare il cambiamento climatico e il consumo eccessivo

Il turismo sociale si riferisce al principio che le opportunità di impegnarsi occasionalmente nel tempo libero e nel turismo sono importanti per il benessere personale e una società inclusiva. È una forma di turismo basata su un'etica dell'inclusione sociale, in contrapposizione all'esclusione basata sulla ricchezza.

Al contrario, gli stili di vita ad alta intensità di carbonio e il senso di diritto dei super-ricchi sono i principali ostacoli all'azione per il clima.

Le nostre politiche sul turismo non dovrebbero celebrare e incoraggiare il consumo eccessivo, che lavora contro il cambiamento di atteggiamenti verso viaggi a minore intensità di carbonio e più sostenibili.

5. Danni alla nostra reputazione internazionale

Vogliamo davvero essere percepiti come esclusivi ed elitari? Un collega con sede in un'università nei Paesi Bassi, ad esempio, ha segnalato una reazione negativa sui social media:

Tutti si lamentano della notizia che i kiwi non vogliono più averci e sono interessati solo ai turisti che volano in business class e noleggiano un elicottero intorno a Franz Josef.

Allo stesso modo, la politica può sembrare meschina. Una storia intitolata "La Nuova Zelanda promette di reprimere la defecazione dei backpackers" sul Times of India riportava la promessa del governo neozelandese "di agire contro i backpackers che si liberano dei luoghi di bellezza naturale come parte dei piani turistici post-coronavirus".

La Tiaki Promise è una carta per il turismo inclusivo basata sulla condivisione di responsabilità reciproca tra ospite e visitatore.

La sfida post-COVID

La ricostruzione del turismo post-coronavirus della Nuova Zelanda dovrebbe davvero essere percepita come se ruotasse attorno alle defecazioni dei turisti a basso budget? Sebbene ci siano stati casi di comportamento disgustoso, questo problema può essere gestito attivamente.

I camper non autonomi potrebbero essere tenuti a parcheggiare durante la notte in aree di campeggio completamente attrezzate per una tassa nominale. I neozelandesi non dovrebbero comunque sostenere i costi del turismo. I consigli locali trasferiscono i costi del campeggio libero ai contribuenti quando forniscono parcheggi notturni e servizi igienici "gratuiti", mettendo fuori gioco i campeggi locali paganti.

À lire aussi:
Una settimana lavorativa di quattro giorni potrebbe essere il colpo alle esigenze del turismo post-coronavirus

Soprattutto, la nostra ricostruzione del turismo dovrebbe essere strettamente allineata con ciò che rende unica la Nuova Zelanda. Innanzitutto, dovrebbe essere fondato sui principi Maori di kaitiakitanga e manaakitanga – una responsabilità reciproca di prendersi cura della terra e della cultura, come espresso nella carta della Promessa di Tiaki.

Ciò rifletterebbe onestamente gli ideali di generazioni di Kiwi che hanno intrapreso i propri ambienti operativi per sperimentare il mondo. Se consideriamo questo un diritto di nascita, è giusto negare lo stesso ad altri che vogliono farci visita?