6 mesi dopo il vertice sul clima, dove trovare progressi sui cambiamenti climatici in un mondo più pericoloso e diviso

106

Sei mesi fa, i negoziatori del vertice delle Nazioni Unite sul clima di Glasgow hanno celebrato una serie di nuovi impegni per ridurre le emissioni globali di gas serra e rafforzare la resilienza agli impatti dei cambiamenti climatici. Gli analisti hanno concluso che le nuove promesse, inclusa la graduale eliminazione del carbone, avrebbero piegato la traiettoria del riscaldamento globale, sebbene non siano ancora all’altezza dell’accordo di Parigi sul clima.

Oggi il mondo sembra sempre più complesso. La Russia sta conducendo una guerra sul suolo europeo, con implicazioni globali per l’energia e le forniture alimentari. Alcuni leader che pochi mesi fa avevano promesso di eliminare gradualmente i combustibili fossili stanno ora incoraggiando le aziende di combustibili fossili ad aumentare la produzione.

Negli Stati Uniti, l’amministrazione Biden ha lottato per ottenere le azioni promesse attraverso il Congresso. Sono stati in corso sforzi estremi per salvare una sorta di bolletta climatica ed energetica dal piano abbandonato Build Back Better. Senza di essa, gli impegni degli Stati Uniti di ridurre le emissioni di oltre il 50% entro il 2030 sembrano fantasiosi e il resto del mondo lo sa, aggiungendo un altro colpo alla credibilità degli Stati Uniti all’estero.

Nel frattempo, gravi carestie hanno colpito lo Yemen e il Corno d’Africa. Il caldo estremo ha minacciato vite in India e Pakistan. L’Australia ha dovuto affrontare inondazioni storiche e gli Stati Uniti sudoccidentali non riescono a tenere il passo con gli incendi.

In qualità di ex alto funzionario delle Nazioni Unite, sono stato coinvolto nei negoziati internazionali sul clima per diversi anni. A metà dei negoziati sul clima di quest’anno, con la prossima conferenza delle Nazioni Unite sul clima nel novembre 2022, ecco tre aree da tenere d’occhio per il progresso e la cooperazione in un mondo pieno di pericoli e divisioni.

Risposta alla crisi con benefici a lungo termine

L’invasione russa dell’Ucraina si è aggiunta a un triplo smacco di prezzo del cibo, prezzo del carburante e picchi inflazionistici in un’economia globale che sta ancora lottando per uscire dalla pandemia.

Ma l’aggressione della Russia ha anche costretto l’Europa e altri paesi ad abbandonare la dipendenza dal petrolio, dal gas e dal carbone russi. Il G7 – Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti – si è impegnato l’8 maggio 2022 a eliminare o vietare gradualmente il petrolio russo e ad accelerare il passaggio all’energia pulita.

A breve termine, il perno dell’Europa significa molta più efficienza energetica: l’Agenzia internazionale per l’energia stima che l’Unione europea può risparmiare il 15%-20% della domanda di energia con misure di efficienza. Significa anche importare petrolio e gas da altrove.

A medio termine, la risposta sta nel potenziare le energie rinnovabili.

L’ex segretario di Stato John Kerry, in rappresentanza degli Stati Uniti ai colloqui sul clima delle Nazioni Unite nel novembre 2021, parla con i negoziatori europei. AP Photo/Alastair Grant

Ci sono problemi da risolvere. Man mano che l’Europa acquista gas da altri luoghi, rischia di ridurre le forniture di gas su cui fanno affidamento altri paesi e di costringere alcuni di questi paesi a tornare al carbone, un combustibile ad alta intensità di carbonio che distrugge la qualità dell’aria. Alcuni paesi avranno bisogno di aiuto per espandere le energie rinnovabili e stabilizzare i prezzi dell’energia per evitare un contraccolpo alle politiche a favore del clima.

Mentre l’Occidente corre verso le energie rinnovabili, dovrà anche garantire una catena di approvvigionamento di minerali e metalli critici necessari per le batterie e la tecnologia delle energie rinnovabili, inclusa la sostituzione di un’eccessiva dipendenza dalla Cina con molteplici fonti di approvvigionamento.

Garantire l’integrità negli impegni aziendali

I leader finanziari e altre coalizioni del settore privato hanno assunto impegni da prima pagina alla conferenza sul clima di Glasgow nel novembre 2021. Hanno promesso di accelerare la transizione verso emissioni nette zero entro il 2050 e alcune aziende e finanziatori erano precisi sulla fine dei finanziamenti per le centrali a carbone che non ‘t catturare e immagazzinare il loro carbonio, riducendo le emissioni di metano e sostenendo la fine della deforestazione.

Le loro promesse hanno affrontato grida di “greenwash” da molti gruppi di difesa del clima. Sono ora in corso alcuni sforzi per mantenere le aziende, così come i paesi, ai loro impegni.

Un gruppo delle Nazioni Unite presieduto dall’ex ministro dell’Ambiente canadese Catherine McKenna sta ora lavorando a un quadro per tenere in debito conto aziende, città, stati e banche quando affermano di avere emissioni “nette zero”. Questo è progettato per garantire che le aziende che si sono impegnate l’anno scorso a raggiungere lo zero netto ora dicano come e su quale base scientifica.

Per molte aziende, in particolare quelle con grandi impronte di emissioni, parte del loro impegno per arrivare allo zero netto include l’acquisto di compensazioni di carbonio – spesso investimenti nella natura – per bilanciare il libro mastro. Quest’estate, due sforzi per mettere i guardrail intorno ai mercati volontari del carbonio dovrebbero pubblicare le loro prime serie di linee guida per gli emittenti di crediti di carbonio e per le aziende che desiderano utilizzare i mercati volontari del carbonio per soddisfare le loro richieste di zero netto. L’obiettivo è garantire che i mercati del carbonio riducano le emissioni e forniscano un flusso costante di entrate per le parti del mondo che hanno bisogno di finanziamenti per la loro crescita verde.

Il cambiamento climatico influenza le elezioni

Il cambiamento climatico è ora un fattore sempre più importante nelle elezioni.

Il presidente francese Emmanuel Macron, cercando di corteggiare i sostenitori di un candidato alla sua sinistra e dare energia ai giovani elettori, ha fatto impegni climatici più drammatici, giurando di essere “la prima grande nazione ad abbandonare gas, petrolio e carbone”.

Con l’oscillazione a sinistra del Cile, la costituzione riformulata del paese incorporerà la gestione del clima.

Il primo ministro australiano Scott Morrison (a sinistra) ha dovuto affrontare proteste per il suo sostegno alla miniera di Adani Carmichael, una delle più grandi miniere di carbone del mondo. Foto di AP/Rick Rycroft

In Australia, il governo di Scott Morrison – che ha sostenuto l’apertura di una delle più grandi miniere di carbone del mondo mentre il settore privato australiano si sta concentrando sulle energie rinnovabili – dovrà affrontare le elezioni del 21 maggio 2022, con ondate di caldo e inondazioni estreme fresche nella mente degli elettori . Il brasiliano Jair Bolsonaro a ottobre affronta avversari che parlano di protezione del clima.

Le elezioni si combattono e si vincono per questioni di portafoglio, i prezzi dell’energia sono alti e l’inflazione sta prendendo piede. Ma anche gli elettori di tutto il mondo stanno sperimentando in prima persona gli effetti del cambiamento climatico e sono sempre più preoccupati.

La prossima conferenza sul clima

I paesi dovranno affrontare una serie diversa di sfide economiche e di sicurezza quando il prossimo round di colloqui delle Nazioni Unite inizierà a novembre a Sharm el-Sheikh, in Egitto, rispetto alle sfide che hanno dovuto affrontare a Glasgow. Ci si aspetta che mostrino progressi nei loro impegni mentre lottano per la larghezza di banda, affrontando l’emergenza climatica come parte integrante della sicurezza, della ripresa economica e della salute globale.

Non c’è tempo per spingere l’azione per il clima nel futuro. Ogni punto decimale di riscaldamento evitato è un’opportunità per una salute migliore, più prosperità e una migliore sicurezza.