8 cose da sapere sul solstizio d'inverno

0
26

"Un giorno senza sole è come, sai, notte", ha scherzato Steve Martin – e in effetti, anche un giorno con meno sole può sembrare un po 'buio. Il nostro mondo dipende dalla luce che si irradia da quella grande stella che ci circonda, e quando scarseggia, la sentiamo. Ma se ti annoi tra coloro che non amano svegliarsi prima che sorga il sole e smettere di lavorare dopo che è tramontato, le cose stanno per schiarirsi. Ciao, solstizio d'inverno!

Sebbene l'inverno sia appena iniziato, possiamo almeno dire addio a questi brevi giorni che abbiamo sofferto (e non lasciare che la porta ti colpisca mentre esci). Con questo in mente, ecco una raccolta di fatti curiosi per celebrare il tanto atteso ritorno a giorni più lunghi.

1. In realtà ci sono 2 solstizi invernali ogni anno

A volte è facile essere emisfero-centrico, ma anche l'altra parte del pianeta riceve un solstizio d'inverno. Con l'orbita del pianeta inclinata sul suo asse, gli emisferi terrestri cambiano chi riceve il sole diretto nel corso di un anno. Anche se l'emisfero settentrionale è più vicino al sole durante l'inverno, è l'inclinazione dal sole che causa temperature fredde e meno luce, che è quando l'emisfero meridionale è tostato. Quindi, mentre il nostro solstizio d'inverno è intorno al 21 dicembre, l'emisfero australe celebra lo stesso intorno al 21 giugno.

Ecco come appare dallo spazio (più o meno):

2. Il solstizio d'inverno accade in un batter d'occhio

Sebbene il solstizio sia segnato da un'intera giornata sul calendario, in realtà è solo il breve momento in cui il sole è esattamente sopra il Tropico del Capricorno che si verifica l'evento.

3. Ecco perché accade in giorni diversi nello stesso anno

Che cosa? Sì! Ma non sempre. Ad esempio, nel 2015, il solstizio è avvenuto il 22 dicembre, alle 04:49 sull'orologio del tempo universale coordinato (UTC), lo standard di tempo in base al quale il mondo regola le sue ore. Il che significa che qualsiasi luogo almeno cinque ore indietro rispetto a UTC ha fatto scoppiare i cappelli da festa il 21 dicembre.

Ma nel 2017, praticamente tutto il mondo ha celebrato il 21 dicembre. Il solstizio è avvenuto alle 16:28. sull'orologio UTC, o 11:48 a.m. Eastern Standard Time (EST).

Quest'anno sarà simile, con il solstizio d'inverno che arriverà il 21 dicembre alle 23:19. EST, che è il 22 dicembre alle 4:19 UTC.

4. È il primo giorno d'inverno … o no, a seconda di chi lo chiedi

I meteorologi considerano il primo giorno d'inverno il 1 ° dicembre, ma chiedi a un astronomo – o praticamente a chiunque altro – e probabilmente risponderanno che il solstizio d'inverno segna l'inizio della stagione. Ci sono due modi per vederlo: stagioni meteorologiche e stagioni astronomiche. Le stagioni meteorologiche si basano sul ciclo annuale della temperatura, spiega NOAA, mentre le stagioni astronomiche si basano sulla posizione della Terra rispetto al sole.

5. È un tempo di ombre gloriosamente lunghe

Le ombre danno il loro meglio durante il solstizio.
Mike Page [CC BY 2.0]/ Flickr

Se sei incline a trarre piacere dalle piccole cose, come le ombre che sembrano proiettate dallo specchio di un luna park, allora il solstizio d'inverno è il momento giusto per te. È ora che il sole è al suo arco più basso nel cielo e quindi le ombre della sua luce sono più lunghe. (Immagina una torcia direttamente sopra la tua testa e una che ti colpisce di lato, e immagina le rispettive ombre.) E in effetti, la tua ombra di mezzogiorno al solstizio è la più lunga che sarà tutto l'anno. Assapora quelle gambe lunghe finché puoi.

6. Le lune del solstizio pieno sono più rare di quelle blu

Dal 1793, la luna piena si è verificata solo nel solstizio d'inverno 10 volte, secondo l'almanacco del contadino. L'ultimo è stato nel 2010, che è stata anche un'eclissi lunare! La prossima luna piena in un solstizio d'inverno non sarà fino al 2094.

7. C'è una connessione natalizia

Poiché a Cristo non è stato rilasciato un certificato di nascita, non c'è traccia della data in cui avrebbe dovuto essere nato. Nel frattempo, gli esseri umani hanno celebrato il solstizio d'inverno nel corso della storia: i romani avevano la loro festa dei Saturnali, i primi pagani tedeschi e nordici avevano le loro celebrazioni natalizie. Anche Stonehenge ha collegamenti con il solstizio. Ma alla fine i leader cristiani, sforzandosi di attirare i pagani alla loro fede, aggiunsero un significato cristiano a queste feste tradizionali. Molte usanze natalizie, come l'albero di Natale, possono essere ricondotte direttamente alle celebrazioni del solstizio.

8. È un promemoria per ringraziare Copernico

Il vero Saint Nick si farà avanti per favore?
Collezione iconografica [CC BY 4.0]/ Wikimedia Commons

La parola "solstizio" deriva dal latino solstitium, che significa "punto in cui il sole si ferma". Da quando il sole si è mai mosso ?! Ovviamente, prima che l'astronomo rinascimentale Nicolas Copernicus (alias "super smartypants") inventasse il modello eliocentrico, immaginavamo tutti che tutto ruotasse intorno alla Terra, sole incluso. Il nostro uso continuato della parola "solstizio" è un bellissimo promemoria di quanto lontano siamo arrivati ​​e offre una bella opportunità per dare la punta del cappello a grandi pensatori che hanno sfidato lo status quo.

E ora vai a prendere un po 'di cioccolata calda. Felice inverno!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui