Abbiamo trovato tracce di droga in una diga che rifornisce la capitale della Nigeria

0
5

I prodotti farmaceutici – farmaci usati per prevenire o curare le malattie umane e animali – sono essenziali per la salute e il benessere. Ma il crescente uso di questi farmaci significa che i loro resti si stanno manifestando nell'ambiente acquatico. Stanno contaminando le nostre acque.

I prodotti farmaceutici fanno parte di un gruppo di sostanze note come contaminanti emergenti. Sebbene siano potenzialmente dannosi per la salute umana ed ecologica, devono ancora essere regolamentati e monitorati regolarmente nell'ambiente. La maggior parte degli impianti di trattamento convenzionali in genere non rimuove gli inquinanti emergenti perché non sono stati originariamente progettati per loro. Questi contaminanti possono entrare in oceani, fiumi, torrenti, dighe e acque sotterranee attraverso impianti di trattamento delle acque reflue e delle acque reflue, escrezione umana, lisciviazione delle discariche, strutture sanitarie, effluenti dell'industria farmaceutica e applicazioni di farmaci veterinari.

I contaminanti possono essere trasportati nell'acqua in altri luoghi o accumularsi nei sedimenti – rocce, sabbia, suolo, materiali in decomposizione e vegetazione sott'acqua – e nelle creature che vivono nell'acqua. Alcuni degli effetti di questi farmaci sugli organismi acquatici includono danni al DNA, interruzioni dei sistemi ormonali e formazione di ceppi microbici resistenti agli antibiotici.

Ci sono stati diversi studi sui prodotti farmaceutici in ambienti acquatici in tutto il mondo, ma solo pochi studi nei paesi africani. Quindi, nel nostro studio, abbiamo studiato la presenza di prodotti farmaceutici selezionati nell'acqua e nei sedimenti della diga di Usuma ad Abuja, la capitale della Nigeria. Abbiamo anche valutato il rischio del danno che potrebbero fare.

Abbiamo trovato tracce di farmaci nell'acqua e nei sedimenti della diga e questo non fa bene all'ecologia e alla salute pubblica.

Lavello per inquinanti

La diga è un'importante fonte di acqua potabile e pesce per le persone che vivono ad Abuja. È anche un importante corpo idrico ricevente, quindi funge da pozzo per gli inquinanti provenienti dall'ambiente circostante. È circondato da grandi insediamenti non pianificati ed è il principale canale di scolo per i rifiuti domestici, urbani e agricoli della zona.

La nostra ricerca ha studiato la presenza di antibiotici e analgesici selezionati (antidolorifici) nell'acqua e nei sedimenti della diga di Usuma.

Abbiamo cercato antibiotici in campioni di acqua e abbiamo trovato amoxicillina, ciprofloxacina e metronidazolo. Trimetoprim è stato trovato nei campioni di sedimento. Questi antibiotici sono usati per trattare o prevenire le infezioni batteriche. L'ibuprofene, rilevato solo nei sedimenti, è stato l'unico antidolorifico rilevato nello studio.

Abbiamo scoperto che amoxicillina e ibuprofene presentavano un rischio elevato per la vita acquatica nella madre. La ciprofloxacina costituiva un rischio medio, mentre il metronidazolo costituiva un rischio basso.

I prodotti farmaceutici sono progettati per esercitare i massimi effetti a bassa concentrazione. Pertanto, qualsiasi concentrazione riscontrata nell'acqua e nel suolo non è buona per la salute pubblica ed ecologica. Se questi farmaci influenzano negativamente i pesci nella diga attraverso l'accumulo, possono anche influenzare gli esseri umani che li mangiano e bevono acqua dalla diga. Qualsiasi consumo di farmaci diversi da una dose prescritta per un particolare disturbo è un rischio per la salute.

Abbiamo osservato che la principale fonte di farmaci nella diga è l'escrezione umana. I liquami provenienti da insediamenti non pianificati privi di servizi igienico-sanitari di base e strutture per il trattamento delle acque reflue intorno alla diga vengono smaltiti direttamente sul terreno e infine scaricati nella diga. Altre probabili fonti includono lo smaltimento improprio di rifiuti medici e veterinari.

Andando avanti

La presenza di farmaci nella diga di Usuma non è un caso isolato in Nigeria. Studi simili hanno segnalato la presenza di farmaci nelle acque dello stato di Lagos e Ogun e persino nell'acqua in bustine che bevono molti nigeriani.

La soluzione a questa sfida ambientale in erba dovrebbe quindi essere una risposta nazionale.

Nel 2019, il governo nigeriano ha firmato un ordine esecutivo per contrastare la defecazione all'aperto. Questo è un passo nella giusta direzione e dovrebbe essere attuato. Dovrebbe anche essere seguito fornendo alle persone fognature e servizi igienico-sanitari.

I centri sanitari e gli ospedali dovrebbero garantire una gestione efficiente dei rifiuti sanitari secondo le leggi e i regolamenti esistenti. Il governo deve anche monitorare rigorosamente le acque reflue provenienti dagli impianti di produzione di farmaci. Infine, il governo può fare di più per monitorare la contaminazione dei sistemi idrici e migliorare la consapevolezza del problema.