Acque urbane: alla scoperta della bellezza nascosta di un fiume Jersey

245

Nella contea di Camden, fortemente urbanizzata, nel sud del New Jersey, il fiume Cooper si snoda tra le fabbriche, i ponti delle autostrade interstatali e le dighe costruite molto tempo fa per azionare mulini o controllare il flusso d’acqua. Le poche persone che si avventurano a risalire il fiume in kayak o in canoa vengono accolte dal rumore di auto e treni e ogni tanto devono schivare pneumatici, televisori e altri detriti abbandonati da coloro che per anni hanno trattato il fiume come una fogna piena di rifiuti. una volta era. Le opportunità di varo di barche sono limitate a poche rive ripide e spiagge fangose.

Come molti corsi d’acqua urbani statunitensi, il fiume Cooper di 16 miglia è stato a lungo ignorato e maltrattato, ma ora è al centro di una campagna per avvisare il pubblico dell’esistenza di una gemma naturale in via di guarigione che scorre nel cuore di questo paesaggio del South Jersey. Le risorse del fiume, come scoperto da una recente spedizione lungo il fiume, includono aquile calve, aironi, volpi, castori, pesci e vari insetti e piante, il che dimostra che i rapporti sulla sua morte biologica sono notevolmente esagerati.

Sotto una diga a circa metà del fiume, gli scienziati hanno censurato più di 100 pesci di 10 specie in meno di mezz’ora stordendoli temporaneamente con una corrente elettrica. E in una foresta paludosa al confine con il Cooper, un membro del team ha trovato un’orchidea dai bordi irregolari, una delicata pianta che vive nelle paludi che è stata una scoperta inaspettata vicino a tre siti Superfund ora risanati nello stato più densamente popolato d’America.

Utilizzando zaini per la pesca elettrica, l’esperto di pesca Dave Keller (a destra) ei suoi colleghi raccolgono campioni di pesci e crostacei. David Arpa

Un cast mutevole di circa 15 naturalisti, registi, studenti delle scuole superiori e un funzionario del governo locale ha trascorso sei giorni improbabili il mese scorso facendo kayak e facendo escursioni lungo il fiume dalla foce del fiume Delaware a Camden alla sua sorgente in uno stagno vicino alla periferia città di Lindenwold. L’obiettivo della spedizione era evidenziare l’esistenza di un paradiso naturale in una regione fortemente sviluppata dove molti residenti sanno poco o nulla del fiume.

Cinquant’anni dopo l’approvazione della legge federale sull’acqua pulita, che ha portato a una qualità dell’acqua significativamente migliore nel Cooper e in molti altri fiumi urbani, la spedizione mirava anche a generare la volontà pubblica e politica di favorire un maggiore utilizzo del fiume e un apprezzamento della sua naturale ricchezza.

Iscriviti alla Newsletter E360 per ricevere aggiornamenti settimanali nella tua casella di posta. Iscrizione.

Il viaggio è stata l’ultima tappa di una campagna che ha già generato $ 500.000 in fondi federali per la creazione di un sentiero d’acqua lungo una parte del fiume, $ 400.000 in denaro della contea di Camden per progettare un porto turistico comunitario e altri tre nuovi punti di accesso, e pianifica questo estate per cercare più sostegno federale per ripulire una spiaggia vicino alla foce del fiume sul lato nord di Camden.

I sostenitori vogliono che il pubblico sappia che la sezione senza marea del fiume non è più sporcata dagli impianti di trattamento delle acque che un tempo portavano le acque reflue a costituire un terzo del flusso del fiume. Sperano anche di creare sostegno tra i proprietari, alcuni dei quali sono riluttanti a consentire l’accesso alle sezioni del fiume che attraversano la loro terra. Gli attivisti di Cooper mirano a eguagliare il successo di altre pulizie dei fiumi urbani, come quelle di New York e Los Angeles, che hanno visto un maggiore utilizzo da parte di kayakisti, motociclisti e osservatori di uccelli dopo il loro rinnovamento negli ultimi decenni.

Uno spettatore osserva da un ponte mentre la spedizione rema sul fiume Cooper. David Arpa

La spedizione del mese scorso, soprannominata “Search for the Cooper River”, è stata organizzata da Upstream Alliance, un’organizzazione no-profit con sede nel Maryland che lavora per riconnettere le persone con la natura. I partecipanti includevano quattro adolescenti locali che potrebbero aver navigato o pescato in precedenza nella parte di marea del fiume ma non sapevano nulla del suo tratto sempre più naturale più a monte.

“Porti fuori le persone e loro dicono: ‘Wow, non posso credere che questo sia qui nel nostro cortile'”, ha detto Maggie McCann, direttrice del dipartimento dei parchi della contea di Camden e co-leader del viaggio. “Mi piacerebbe che arrivassimo in un posto con le generazioni future in cui non sia così scioccante che sia qui”.

Bella Morton, 13 anni, una delle giovani partecipanti, ha detto di aver conosciuto in precedenza solo un tratto del fiume vicino a casa sua a North Camden ed è stata sorpresa dalla varietà della natura che aveva visto altrove lungo il fiume.

“Ci sono molti più animali in giro di cui non sapevo”, ha detto. “Il primo giorno, la gente ha visto le volpi. Abbiamo visto un castoro nuotare in giro. Non avevo idea che ci fossero tipi speciali di uccelli in giro, abbiamo visto aquile calve e un gruppo di altri uccelli enormi.

Dave Keller mostra un gambero di fiume ad Andrew Coleman e Bella Morton, entrambi 13. David Harp

Le sue percezioni sono state riprese da Anand Varma, un fotografo del National Geographic che ha documentato pesci, rettili, piante e insetti durante il viaggio. “Sono rimasto scioccato nel vedere l’abbondanza e la diversità della vita quando siamo arrivati ​​nelle aree a monte”, ha detto. “C’erano aree in cui dovevi stare attento a dove mettevi il piede perché c’erano così tanti piccoli ranocchi che saltellavano su tutto il suolo della foresta.”

In un altro segno inaspettato di come l’acqua nel corso superiore del fiume fosse migliorata, il gruppo ha trovato le mosche di pietra, insetti acquatici che non tollerano l’inquinamento. Stef Krol, un’entomologa acquatica indipendente, ha affermato di non essersi aspettata di trovare le mosche a causa della natura del letto del fiume e dell’alto grado di urbanizzazione fino alla sorgente del fiume, ma le ha accolte come un segno di “eccellente” qualità dell’acqua .

Il Clean Water Act del 1972 ha portato a una riduzione della carica batterica del fiume Cooper di circa il 95% e ha permesso a molte delle sue comunità naturali di riprendersi, ha affermato Scott Schreiber, direttore esecutivo della Camden County Municipal Utilities Authority, responsabile delle acque reflue della contea impianti di trattamento.

Sebbene la sezione del fiume non soggetta a marea sia molto più pulita di prima, è ancora inquinata dal fosforo dei fertilizzanti per prati, dal deflusso delle acque piovane da aree pavimentate come strade e parcheggi e dai batteri degli escrementi delle oche canadesi che affollano le sue sponde. Molti contaminanti vengono lavati nell’acqua durante i temporali, come quello che ha inzuppato la spedizione nel suo secondo giorno, producendo un cospicuo deflusso schiumoso da un canale di scolo.

La spedizione attraversa un tunnel vicino all’Interstate-295 e alla New Jersey Turnpike. David Arpa

Parte della soluzione, ha affermato Schreiber, potrebbe essere l’adozione diffusa di infrastrutture verdi come i giardini pluviali che consentono alla pioggia di penetrare naturalmente nel terreno, filtrando i contaminanti prima che raggiungano il fiume.

Ma l’area di marea attraverso la città di Camden è ancora sfidata dagli straripamenti fognari combinati (CSO), vecchi scarichi che mescolano l’acqua piovana con le acque reflue grezze, che traboccano nei corsi d’acqua e persino nelle strade durante le forti piogge. Se avesse piovuto durante il viaggio della spedizione attraverso la zona di marea, il gruppo avrebbe quasi sicuramente remato attraverso i deflussi della CSO, ha detto Schreiber. Le OSC di Camden, come quelle di altre 20 città del New Jersey, sono ora l’obiettivo di un piano di controllo statale proposto.

Sul Delaware, una nuova era promettente per la pulizia di un fiume urbano. Leggi di più.

Il fiume Cooper è in una fase iniziale di restauro che è già ben avviato in alcune altre città degli Stati Uniti. Lungo il fiume Los Angeles, ad esempio, i funzionari della città hanno costruito sentieri e piste ciclabili sin dagli anni ’80, producendo una risposta pubblica straordinariamente positiva, ha affermato Michael Affeldt, direttore di LARiverWorks, un programma di rivitalizzazione gestito dalla città. “C’è questa domanda latente che è immediatamente evidente una volta che costruiamo qualcosa come un sentiero o una pista ciclabile”, ha detto Affeldt.

Il fiume Los Angeles di 51 miglia non è mai stato la fogna del cugino del New Jersey, ma entrambi hanno il potenziale per essere paradisi naturali in aree fortemente urbanizzate. Alcune sezioni del corso d’acqua della California sono “assolutamente piene di vita”, inclusi uccelli, pesci e insetti, ha detto Afffeldt.

Una libellula ambrata orientale riposa su una ninfea nel fiume Cooper. David Arpa

A New York City, anche il fiume Bronx, l’unico fiume d’acqua dolce della città, è stato oggetto di sforzi di restauro e di un migliore accesso del pubblico, e quest’anno ha registrato la sua prima aquila calva in almeno 20 anni, indicando che la popolazione ittica era abbastanza robusta da attirare l’uccello, secondo la Bronx River Alliance senza scopo di lucro.

Victoria Toro, il coordinatore della comunità dell’alleanza, ha detto che alcune comunità lungo il fiume di 23 miglia non sapevano nemmeno che esistesse un fiume sotto i cumuli di detriti che pensavano fosse una discarica. Ma ora c’è un crescente interesse per la sua ecologia da parte di scienziati e scuole e una maggiore richiesta da parte di persone che vogliono pescare nelle sue acque o fare escursioni lungo le sue sponde, ha affermato.

Anche il fiume Chicago è stato storicamente un paradiso per la fauna selvatica nonostante sia stato fortemente inquinato nel XIX e XX secolo. Ora sta assistendo a un aumento della biodiversità con il miglioramento della qualità dell’acqua, ha affermato John Quail, direttore delle politiche e della conservazione di Friends of the Chicago River, un gruppo di difesa. In un nuovo segno di un ambiente più pulito, le lontre sono tornate nel fiume per nutrirsi delle sue popolazioni ittiche sane.

In piedi sulla riva del fiume Cooper, Dave Keller, capo del dipartimento di pesca dell’Accademia di scienze naturali della Drexel University di Filadelfia, ha definito il corso d’acqua un “ruscello in miglioramento” con “qualità media”. Il numero e i tipi di pesci catturati dal suo team utilizzando lo stordimento elettrico hanno mostrato che la qualità dell’acqua del fiume, sebbene migliorata nell’ultimo mezzo secolo, non è ancora all’altezza degli standard delle aree meno sviluppate, ha affermato.

I membri della spedizione pagano nonostante la pioggia. David Arpa

Sul suo prato lungo il fiume a Voorhees Township, Don Van Artsdalen, 75 anni, ha detto che il fiume è più soggetto a inondazioni rispetto ai 73 anni in cui ha vissuto nella proprietà. Ora deve sollevare le sue panchine all’aperto su un tavolo da picnic per evitare che vengano spazzate via dalle tempeste. Van Artsdalen incolpa l’inondazione del deflusso da un’area crescente di superficie lastricata nello spartiacque del fiume.

La qualità dell’acqua del Cooper “ha fatto molta strada, ma non è affatto quella che era quando ero piccolo”, ha detto alla festa.

I sostenitori affermano che un migliore accesso pubblico al fiume aiuterebbe a proteggere la natura. Ma potrebbe anche ritorcersi contro se si traduce in più rifiuti o distruzione, ha affermato Jermaine Brown, 17 anni, uno dei giovani spedizionieri. Dopo aver remato o guadato il fiume per cinque giorni, usando machete per hackerare cespugli spinosi e lottando attraverso paludi profonde fino alle ginocchia, Brown ha detto di essere stato sorpreso dalla crescente profusione della natura e si è ritrovato a voler proteggerla limitando l’accesso del pubblico come rampe per kayak.

“Ora guardo il fiume in modo completamente diverso”, ha detto. “Pensavo solo che fosse un normale corso d’acqua. Ora che vedo come è influenzato da cose accadute in passato, come gli impianti di trattamento delle acque reflue e il deflusso, penso che dovremmo trattarlo con più rispetto”.

Jermaine Brown (a sinistra) esamina un gambero con Jaycel Santos. David Arpa

Qualsiasi mossa per aumentare l’accesso del pubblico può incontrare l’opposizione di persone come Stephen Risley, che possiede un terreno vicino allo stagno di origine nel distretto di Gibbsboro. Incontrando il gruppo della spedizione alla fine del loro viaggio, Risley ha accolto con favore i piani per proteggere il fiume, ma ha detto che spesso rimuove i rifiuti scaricati da visitatori indesiderati alla guida di veicoli fuoristrada e teme che molti altri ne arriveranno se l’accesso del pubblico sarà migliorato.

“Ragazzi avete ottime intenzioni, ma molte persone no”, ha detto al gruppo.Abbiamo passato anni e anni a recuperarlo [to where it is now,] quindi siamo un po’ riluttanti a dare il benvenuto alle persone di nuovo qui”.

Con un restyling verde, Filadelfia sta affrontando il problema delle acque piovane. Leggi di più.

Il presidente dell’Alleanza a monte, Don Baugh, che ha guidato la spedizione, ha detto che sperava da tempo di fare un viaggio del genere lungo il fiume Cooper da quando era stato “spazzato via” dalla sua bellezza nascosta in una precedente visita. Ha detto che era contento di aver trovato un gruppo con abbastanza resistenza per il viaggio di sei giorni.

“Sono euforico che siamo stati in grado di arrivare fino in fondo qui e che siamo in grado di raccontare la storia in modo che, si spera, molte più persone possano fare quello che abbiamo fatto”, ha detto.