Adesso è il momento di ripensare al tuo rapporto con la natura

39

La pandemia ha permesso a molti di noi di sviluppare un nuovo apprezzamento per i grandi spazi aperti. Ma, naturalmente, questo rinnovato impegno con la natura arriva in un momento in cui il nostro mondo naturale sta affrontando una crisi climatica senza precedenti.

Sono uno psicologo interessato a come le persone interagiscono e pensano alla natura, in questo preciso momento storico in cui è minacciata senza precedenti. Nel mio nuovo libro Anthropocene Psychology considero come viviamo nella e con la natura e come questo pone domande profonde e preoccupanti.

À lire aussi:
Cinque romanzi imperdibili sull'ambiente e la crisi climatica

Se non hai mai sentito parlare dell'Antropocene, ecco una breve introduzione. Anthropos è greco per umano e cene si riferisce a un periodo di tempo geologico distintivo. Il termine è usato per indicare come, per la prima volta nella storia, la Terra viene trasformata da una specie: l'homo sapiens.

Sebbene i tempi siano ancora dibattuti, intorno al 1950 è considerata la data di inizio dell'Antropocene, poiché questo è stato il momento in cui la rapida escalation di vari fattori ha iniziato a convergere. Fattori come l'uso di combustibili fossili, la crescita della popolazione, il turismo e i viaggi, l'uso di energia, l'uso di acqua, i rifiuti di plastica, l'agricoltura industriale, le emissioni di CO₂, la deforestazione, la perdita di habitat e un clima caldo.

Consapevole delle nostre connessioni

L'idea dell'Antropocene può sembrare travolgente e può generare ansia e paura. Può essere difficile vedere le nozioni passate di apocalisse imminente o salvezza tecnologica. Entrambi, in un certo senso, sono ugualmente paralizzanti, richiedendoci di non fare nulla.

Considero l'Antropocene come un invito a pensare in modo diverso ai rapporti umani con la natura e le altre specie. Le prove suggeriscono che questo riorientamento sta già avvenendo e ci sono motivi di ottimismo.

Ad esempio, solo negli ultimi anni c'è stato un numero crescente di accademici in molti campi diversi che hanno lavorato su nuove comprensioni di come la natura sia profondamente interconnessa. Prendiamo l'ecologa forestale Susan Simard, che esamina il modo in cui gli alberi comunicano tra loro per migliorare la salute degli ecosistemi forestali, parte di una "rete di legno" che può incorporare anche altre specie, comprese le persone. Poi ci sono filosofi come Timothy Morton e Donna Haraway che sostengono entrambi che l'Antropocene ci provoca a ripensare radicalmente il modo in cui percepiamo e ci relazioniamo agli animali non umani e alla natura più in generale.

Accanto a questi sviluppi ci sono studiosi indigeni nordamericani come Zoe Todd e Kim Tallbear che rinnovano vecchie forme di conoscenza sulla fondamentale interconnessione tra esseri umani, altre specie e paesaggi per un pubblico nuovo e ricettivo. Tutti stanno spingendo i confini di ciò che sappiamo sull'intreccio tra le forme di vita umane e di altro tipo.

Nuovi approcci al nostro rapporto con la natura non si limitano alla ricerca accademica. Un recente documentario sulla natura di Netflix, My Octopus Teacher, è un esempio più mainstream. Documenta un anno nella vita del regista Craig Foster mentre stringe un'amicizia che cambia la vita con un polpo. Mentre il romanzo The Overstory, vincitore del premio Pulitzer di Richard Powers, intreccia molteplici storie umane con quelle degli alberi, facendo luce sulla nostra connessione e dipendenza dal mondo naturale.

Questi sforzi si riflettono in tendenze più ampie come la crescita del veganismo e dei movimenti per il benessere degli animali. Insieme alla spinta a concedere diritti alla natura e alle entità naturali. E la crescente vocalità e ricettività verso la conoscenza e l'attivismo indigeni. C'è stato anche un aumento delle terapie assistite dagli animali reciprocamente vantaggiose e degli interventi basati sulla natura. Tutto ciò rappresenta un maggiore riconoscimento del nostro coinvolgimento con la natura non umana.

È ora di pensare in modo diverso

Proprio perché insostenibile, è probabile che l'Antropocene abbia vita breve nel contesto della storia del pianeta. E anche se all'inizio questo potrebbe sembrare spaventoso o deprimente, è una consapevolezza che può invocare sentimenti di sollievo o addirittura di stupore.

Attività come la consapevolezza o la meditazione nella natura, insieme ai "sabati tecnologici" o al tempo strutturato lontano dagli schermi possono aiutarci a iniziare a ridefinire la nostra relazione con il mondo naturale. Gli esercizi che ci incoraggiano a contemplare il tempo profondo possono anche aiutarci a evitare il travolgimento e l'eco-fatica.

Poliziotto accanto a un capodoglio arenato sull'isola di Texel, Paesi Bassi.
EPA / REMKO DE WAAL

Mentre pratiche come questa possono sembrare ingenue o indulgenti di fronte alla crisi ambientale, vale la pena ricordare che l'esperienza vissuta è essenziale per lo slancio di qualsiasi movimento. E che diventare più consapevoli dei modi in cui umani e non umani sono inestricabilmente connessi è ora più vitale che mai.

L'Antropocene mette fine a qualsiasi idea che possiamo portare avanti normalmente. In effetti, anche se l'intera umanità fosse spazzata via domani, si stima che il mondo naturale impiegherebbe almeno cinque milioni di anni per riprendersi. Ecco perché a lungo termine deve esserci una fondamentale riconsiderazione di come una minoranza significativa della popolazione mondiale vive, si muove, si nutre e sfrutta altri umani e non umani.