approfondimenti di esperti sul perché sono così devastanti e cosa fare al riguardo

90

La Nigeria sta vivendo la peggiore inondazione da oltre un decennio. Oltre 1,4 milioni di persone sono state sfollate, 500 sono state dichiarate morte e migliaia sono rimaste ferite.

Le inondazioni non sono una nuova sfida in Nigeria: è uno dei disastri naturali più diffusi nel paese. Durante le stagioni delle piogge, da marzo a luglio e da metà agosto a metà ottobre al sud, e da luglio a ottobre al nord, i grandi fiumi spesso rompono gli argini. Anche le dighe sono scoppiate. Ciò provoca inondazioni in numerosi stati nigeriani, tra cui Delta, Kogi, Anambra, Bayelsa, Adamawa e Niger.

Vari esperti hanno scritto per The Conversation Africa sulla sfida delle inondazioni in Nigeria e sui passi necessari per alleviare i loro peggiori effetti.

Qui condividiamo tre letture perspicaci.

La ricercatrice ambientale Adaku Jane Echendu spiega che, a differenza di alcuni disastri naturali, le inondazioni dovute alle precipitazioni possono essere controllate con una pianificazione e un’infrastruttura adeguate.

Rivela che i principali fattori trainanti della Nigeria includono sistemi di drenaggio poveri o inesistenti, cattiva gestione dei rifiuti, espansione urbana non regolamentata e attuazione lassista delle leggi.

À lire aussi : La Nigeria ha una sfida alluvionale: ecco perché e cosa si può fare

Le inondazioni possono essere particolarmente devastanti nelle città della Nigeria, causando lo sfollamento di centinaia di migliaia di persone. In uno studio su Lagos e Port Harcourt, lo specialista in riduzione del rischio di catastrofi e resilienza Olasunkanmi Habeeb Okunola ha scoperto che una varietà di fattori rende le città vulnerabili. Questi includono fallimenti istituzionali, infrastrutture inadeguate e mancanza di educazione alle catastrofi.

Okunola delinea ciò che le città devono fare per affrontare meglio il rischio di inondazioni. La chiave di questo è la necessità che il governo, le agenzie non governative, le organizzazioni comunitarie e i residenti uniscano le forze e si preparino alle inondazioni, riducendo il loro impatto.

À lire aussi : Cosa possono fare le città nigeriane per affrontare meglio il rischio di inondazioni

Le inondazioni possono sembrare una realtà inevitabile per la Nigeria. Ma, sostiene l’esperto di gestione dell’acqua Nelson Odume, i rischi possono essere ridotti al minimo in vari modi. Il più significativo di questi è la pianificazione territoriale coordinata. Ciò comporta l’unione di urbanisti e professionisti dell’ambiente per organizzare la distribuzione di persone e attività in uno spazio.

Delinea i passi che la Nigeria deve intraprendere per affrontare le inondazioni. Questi includono l’installazione di stazioni di misura, lo sviluppo di modelli adeguati per le previsioni idrologiche e la raccolta di dati che consentiranno una previsione accurata delle inondazioni.

À lire aussi : Perché la Nigeria non è preparata ad affrontare le inondazioni