Ascoltare il silenzio: perché dobbiamo proteggere i luoghi tranquilli del mondo

0
30

È una gelida mattina di marzo nella foresta pluviale di Hoh, nel profondo del Parco nazionale di Olympic nello stato di Washington. La foresta è piena di felci giurassiche, muschi pendenti e imponenti abeti e cedri, ma quello che spero di trovare è un'assenza. Cerco un posto noto come "One Square Inch of Silence" – uno dei posti più tranquilli negli Stati Uniti contigui, libero da persone che chiacchierano, linee elettriche ronzanti e dal fruscio delle auto.

Quando trovo il tronco coperto di muschio circondato da una raccolta di pietre rosse che segnano il punto, ascolto. Sento il fragore del fiume e forse una cascata. C'è un canto occasionale degli uccelli. E nient'altro. Mi ero preoccupato che qualcosa lo avrebbe rovinato – che ci sarebbe già stato qualcuno lì, che un aereo avrebbe rimbombato in alto, o avrei sentito i kayakisti urlare sul fiume vicino – ma mentre mi siedo e chiudo gli occhi non riesco a sentire un solo essere umano suono. È incredibile. Avevo bisogno di questo silenzio. Noi tutti facciamo.

Con l'aumento della popolazione mondiale, le città e le cittadine si espandono e le strade si estendono anche nelle parti più remote del mondo, la quiete sta diventando sempre più scarsa. Il rumore di seghe circolari e camion si infiltra in profondità nella foresta pluviale amazzonica. Il suono delle corna delle navi risuona nell'Oceano Artico. Gli Stati Uniti sono diventati un paesaggio altamente sviluppato, con solo una parte della sua natura selvaggia originale, suddivisa in parchi e aree protette. Ora, anche in questi rifugi, automobili, aerei, motoscafi, elicotteri e folle contribuiscono al crescente frastuono.

Uno studio del 2017 condotto da scienziati della Colorado State University e del National Park Service ha rilevato che il rumore umano ha raddoppiato i suoni di sottofondo nel 63% delle aree protette degli Stati Uniti. Nel 21% dei parchi, il rumore umano ha aumentato di 10 volte i suoni di sottofondo, "superando i livelli noti per interferire con l'esperienza dei visitatori umani e interrompere il comportamento della fauna selvatica, la forma fisica e la composizione della comunità".

Parte del problema sono semplicemente i numeri. I parchi nazionali degli Stati Uniti hanno ricevuto oltre 327,5 milioni di visitatori nel 2019.

In luoghi famosi come lo Zion National Park nello Utah, la musica suona nei campeggi e sui sentieri. L'escursionista Erica Langston di Wilmington, Carolina del Nord ricorda la fine di un'escursione nel backcountry di Zion nel 2017: "Ci siamo incontrati con un sentiero popolare e potevamo sentire il traffico umano da esso ben prima di raggiungerlo", con persone che suonavano musica o urlavano per essere ascoltati per il frastuono ", dice. "Le ultime miglia sembravano più stare in fila a Disney World che camminare fuori dal bosco."

Parte del problema sono semplicemente i numeri. I parchi nazionali hanno ricevuto oltre 327,5 milioni di visitatori nel 2019, in aumento di 9 milioni rispetto all'anno precedente. Yellowstone, Rocky Mountain, Joshua Tree, Acadia: il turismo è in aumento. Mentre le chiusure del Covid-19 hanno fornito ai ranger e alla fauna selvatica una tregua temporanea, i parchi federali stanno iniziando a riaprire. Inoltre, le persone si sono riversate nei parchi e nei sentieri locali durante la pandemia, aumentando i livelli di rumore in punti precedentemente fuori mano. "Se vuoi fare escursioni durante un fine settimana, preparati a stare spalla a spalla", dice Laurabeth Roundy, membro del gruppo Facebook PNW Hiking with Kids che vive nello stato di Washington.

Ci sono ancora alcuni posti tranquilli, tuttavia, dove i suoni dell'umanità lasciano il posto al mondo naturale. Uno studio del 2019 ha esaminato sia i parchi e i monumenti nazionali più rumorosi degli Stati Uniti – comprese parti del Grand Canyon, il Parco nazionale degli Arches nello Utah e il Parco nazionale delle montagne rocciose in Colorado – e anche i luoghi più tranquilli, tra cui il Parco nazionale delle Great Sand Dunes in Colorado, Parco nazionale vulcanico di Lassen in California e monumento nazionale El Malpais nel Nuovo Messico.

Ora, una coalizione crescente di organizzazioni ambientaliste, scienziati e attivisti di base stanno lavorando per proteggere e ripristinare luoghi tranquilli. Scienziati della Colorado State University e del National Park Service stanno lavorando per documentare dove si è persa la quiete e le cause più importanti del rumore nei luoghi in cui le persone vanno per sfuggirle. Attivisti locali nelle Hawaii e nello stato di Washington stanno chiedendo ai responsabili politici di ridurre o fermare i sorvoli di elicotteri e aerei vicino alle aree selvagge. E l'organizzazione no profit Quiet Parks International sta volgendo l'attenzione del pubblico sulla fragilità della quiete segnalando le restanti aree silenziose come degne di protezione speciale.

La foresta pluviale di Hoh, situata all'interno del Parco nazionale di Olympic, Washington.
Jenny Morber

Il rumore creato dall'uomo è più che fastidioso. Decenni di ricerca lo hanno implicato in una serie di condizioni di salute croniche, tra cui scarsa qualità del sonno e ipertensione, nonché aumento del rischio di infarto o ictus, diabete e persino cancro. "Il rumore è un noto fattore di stress psicologico e fisiologico", afferma Marie Pedersen, epidemiologa dell'Università di Copenaghen che studia come le esposizioni ambientali influiscono su gravidanze e bambini. Anche la fauna selvatica ne risente: gli studi dimostrano che il paesaggio uditivo è una componente chiave dell'habitat e il rumore umano maschera i suoni critici. Gli animali ascoltano prede, predatori e chiamate di allarme territoriale, per individuare i membri del gruppo e trovare partner sessuali.

"L'assenza di rumori, sostituiti nei parchi dai suoni delle foglie che scricchiolano sotto le scarpe o degli uccelli che creano le proprie sinfonie, è ciò che attira molti di noi verso di loro", afferma Rob Smith, direttore regionale del nord-ovest della National Parks Conservation Association senza scopo di lucro (NPCA ). “Tuttavia, anche questi valori sono minacciati. C'è sicuramente una crescente consapevolezza dell'importanza di proteggere i suoni dei parchi … in modo che possano continuare ad essere utili luoghi di rifugio ".

Il movimento negli Stati Uniti segue uno sforzo quasi ventennale in Europa per proteggere le zone tranquille. Nel 2002, l'Unione Europea ha approvato una Direttiva sul Rumore Ambientale che stabilisce gli obiettivi per la determinazione dei livelli di rumore e delle esposizioni in tutta Europa, rendendo questi dati pubblicamente disponibili e lavorando per prevenire e ridurre il rumore ambientale. Nel 2014, l'Agenzia europea dell'ambiente ha raccomandato la creazione, l'identificazione e la protezione di "zone tranquille". A partire da quest'anno, l'85% dei paesi dell'UE segnalanti ha stabilito "criteri per la designazione di aree tranquille nei propri territori" e il 60% ha "designato almeno un'area tranquilla". Includono luoghi come il bacino di Blessington in Irlanda, il lago Bäcksjön in Svezia e il parco di Tondiloo in Estonia.

Proteggere la quiete negli spazi selvaggi "è il motivo per cui esistono i parchi nazionali", dice un attivista.

Nello stato di Washington, l'NPCA sta lavorando per proteggere la quiete naturale dell'Olympic National Park, dove a partire dal 2008 una vicina base della Marina ha iniziato a inviare rumorosi voli di addestramento su jet Growler su di esso. "Questi jet da combattimento Growler sono tra i getti più rumorosi del cielo e volano frequentemente sul parco, disturbando i visitatori e la fauna selvatica", dice Smith. La NPCA sta facendo una petizione al comandante della Marina nord-occidentale per fermare i cavalcavia, sviluppando un'app Growler Tracker per costruire una mappa del rumore con l'input dei visitatori e citando in giudizio la Marina per non aver rispettato una richiesta del Freedom of Information Act per la ricerca della Marina sull'impatto di Rumore di growler nel parco.

Alle Hawaii, la più grande minaccia alla quiete sono gli elicotteri. Più tour aerei commerciali sorvolano il Parco Nazionale dei Vulcani delle Hawaii rispetto a qualsiasi altra area protetta negli Stati Uniti, con un totale di 8.333 voli segnalati nel 2018; Il Parco Nazionale di Haleakalā è al quarto posto, con 4.757 voli segnalati. Ma i cittadini stanno respingendo. Nel 2017, HICoP (Hawaii Island Coalition Malama Pono) – un'organizzazione no-profit hawaiana formata per ripristinare la "serenità libera dall'inquinamento acustico dei tour operator" – e un gruppo di lavoratori federali rappresentati in modo anonimo dai dipendenti pubblici per la responsabilità ambientale hanno citato in giudizio la Federal Aviation Administration (FAA ) per limitare i tour aerei in sette aree protette, compresi i vulcani delle Hawaii e Haleakalā. Proteggere la quiete negli spazi selvaggi "è il motivo per cui esistono i parchi nazionali", afferma Bob Ernst, membro fondatore del consiglio di amministrazione di HICoP.

Quiet Parks International (QPI) è un'organizzazione senza scopo di lucro che lavora per stabilire la certificazione per i parchi tranquilli per aumentare la consapevolezza e preservare i luoghi tranquilli. La neonata organizzazione – i cui membri includono ingegneri del suono, scienziati, ambientalisti e musicisti – ha identificato almeno 262 siti in tutto il mondo, di cui 30 negli Stati Uniti, che ritiene siano silenziosi o potrebbero diventarlo con i cambiamenti di gestione. Il Great Sand Dunes National Park in Colorado e il cratere Haleakalā alle Hawaii sono due di questi. Secondo il responsabile delle risorse di Great Sand Dunes, Fred Bunch, le dune sono così silenziose che quando il Park Service ha monitorato i suoni nell'area, i livelli di rumore spesso sono scesi al di sotto della soglia di misurazione delle apparecchiature. Altri luoghi contrassegnati da Quiet Parks per la certificazione sono il Parco nazionale di Doñana in Spagna, il Parco nazionale di Ballycroy in Irlanda e l'area protetta del Wadi Rum in Giordania.

Il Great Sand Dunes National Park in Colorado è così silenzioso che i livelli di rumore spesso scendono al di sotto della soglia di misurazione delle apparecchiature acustiche.
NPS / Kris Illenberger

QPI non ha autorità di regolamentazione, ma come l'iniziativa Dark Sky Parks dell'International Dark Sky Association, l'organizzazione no profit ritiene che la sua certificazione – concessa solo dopo un'analisi approfondita di tre giorni – possa incoraggiare il sostegno pubblico agli sforzi di conservazione e fornire linee guida per la protezione. "I luoghi che sono tranquilli oggi … sono fondamentalmente avanzi, luoghi fuori mano", afferma Gordon Hempton, co-fondatore di Quiet Parks.

Il più grande successo del gruppo finora è la certificazione dell'aprile 2019 del suo primo Wilderness Quiet Park, il fiume Zabalo, nella foresta pluviale amazzonica dell'Ecuador. La designazione ha contribuito a promuovere il turismo nella regione, portando i viaggiatori che cercano l'esperienza di un ambiente uditivo incontaminato. QPI organizza tour limitati nella zona guidati e ospitati da persone locali di Cofán.

Mentre Quiet Parks si concentra sulla conservazione della quiete naturale nella sua forma più incontaminata, il National Park Service deve bilanciare obiettivi concorrenti di protezione delle risorse e accesso del pubblico. "È davvero difficile perché nel National Park Service prendiamo molto sul serio l'accesso del pubblico", afferma Karen Trevino, capo della divisione Natural Sounds and Night Skies dell'agenzia. Natural Sounds aiuta i parchi nel monitoraggio e nella modellazione del rumore, nello sviluppo di migliori pratiche e nella creazione di strategie di mitigazione per ridurre l'impatto del rumore, afferma Trevino.

Nei frenetici mesi estivi, i parchi nazionali di Zion, Denali e Rocky Mountain ora gestiscono navette, che riducono il traffico veicolare all'interno dei parchi. Altri parchi, come Canyonlands nello Utah, limitano il numero di visite solo con permesso. Il Park Service sta collaborando con la FAA per ridurre il rumore delle compagnie aeree in alcune aree. I droni sono vietati in tutti i parchi nazionali tranne alcuni, e ci sono limiti ai tour in motoslitta in inverno, a seguito delle proteste pubbliche alla fine degli anni '90 sull'inquinamento acustico delle motoslitte a Yellowstone.

Come le gemme visive del pianeta, le persone stanno iniziando a capire che anche i suoni sono importanti.

La riserva naturale Boundary Waters Canoe Area in Minnesota è un luogo di continui conflitti tra coloro che danno la priorità alla solitudine uditiva e coloro che preferiscono la ricreazione motorizzata. Il Boundary Waters Canoe Area Wilderness Act del 1978 ha emanato un compromesso, limitando le motoslitte e l'estrazione mineraria, ma consentendo l'uso di motoscafi su 16 dei 1100 laghi del rifugio. Oggi sono richiesti permessi, con restrizioni giornaliere e settimanali, e non più di nove persone e quattro moto d'acqua sono ammesse insieme nella natura selvaggia.

Nel Muir Woods della California, il personale ha esposto cartelli che chiedevano alle persone di tacere come parte di uno studio del Park Service. "E la gente ascoltava!" dice Rachel Buxton, una ricercatrice concentrata sull'inquinamento acustico alla Carleton University che non è stata coinvolta nella ricerca. "È bastato mettere un paio di cartelli nel mezzo del boschetto e i livelli sonori si sono abbassati." I risultati indicano che le persone sono disposte ad accettare compromessi, come limitare le conversazioni, stare fuori da determinati percorsi e avere segni e ranger presenti, per preservare l'esperienza uditiva della natura, dice Barber.

QPI afferma che la risposta al suo lavoro è stata travolgente. "Siamo inondati da persone che chiedono dove possono andare per il silenzio", dice Hempton. "E siamo inondati dalla direzione delle località che desiderano essere riconosciute per la loro tranquillità."

Ecopsicologia: come l'immersione nella natura avvantaggia la tua salute. Leggi di più.

Penso a quel punto nella foresta pluviale di Hoh, dove mi sono seduto consapevole della crepa di ogni ramoscello sotto i miei piedi e del suono del mio respiro. Come le gemme visive del pianeta, le persone stanno iniziando a capire che anche i suoni sono importanti, che vale la pena proteggere anche l'esperienza dei suoni naturali – lupi che ululano in lontananza, il coro dell'alba degli uccelli o il vapore che sibila dalla terra.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui