Biden intende combattere il cambiamento climatico in un modo che nessun presidente degli Stati Uniti ha mai fatto prima

0
17

Joe Biden si sta preparando ad affrontare il cambiamento climatico in un modo che nessun presidente degli Stati Uniti ha mai fatto prima, mobilitando la sua intera amministrazione per affrontare la sfida da ogni angolazione in modo strategico e integrato.

La strategia è evidente nelle persone che Biden ha scelto per i suoi ruoli di gabinetto e di leadership senior: la maggior parte ha track record per incorporare le preoccupazioni sui cambiamenti climatici in una vasta gamma di politiche e ha esperienza di partnership tra agenzie e livelli di governo.

Queste abilità sono cruciali, perché il rallentamento del cambiamento climatico richiederà un approccio globale e coordinato "a portata di mano".

Lo abbiamo fatto con energia quando ero governatore del Colorado e posso dirvi che non è semplice. La politica energetica non riguarda solo l'elettricità. Riguarda come vengono costruite le case, come generano energia e la immettono nella rete e come si evolvono i settori dei trasporti, dell'industria e dell'agricoltura. Si tratta di regolamenti, regole commerciali, acquisti governativi e finanziamenti per la ricerca per l'innovazione. Il coordinamento e la collaborazione tra agenzie e diversi livelli di governo è cruciale.

Il compito di coordinare le azioni per il clima in tutto il governo spetta a Gina McCarthy, un ex amministratore dell'EPA che sarà il consigliere nazionale per il clima di Biden.
Joshua Roberts / Getty Images

Un approccio coordinato aiuta anche a garantire che le popolazioni vulnerabili non vengano trascurate. Biden si è impegnato ad aiutare le comunità svantaggiate che troppo spesso hanno sopportato il peso maggiore dell'inquinamento dell'industria dei combustibili fossili, nonché quelle che hanno perso posti di lavoro nei combustibili fossili.

La profonda esperienza del team di Biden-Harris sarà vitale poiché subentrerà a un'amministrazione Trump che ha privato le agenzie governative della loro competenza ed eliminando le protezioni ambientali. Con i democratici che ottengono il controllo sia della Camera che del Senato, l'amministrazione Biden potrebbe anche avere maggiori possibilità di rivedere leggi, finanziamenti e incentivi fiscali in modi che potrebbero trasformare radicalmente l'approccio degli Stati Uniti al cambiamento climatico.

Ecco alcune delle maggiori sfide che ci attendono e cosa potrebbe significare "tutte le mani sul ponte".

Affrontare tutti quei rollback della politica climatica

Fin dai suoi primi giorni, l'amministrazione Trump ha iniziato a cercare di annullare o indebolire le normative ambientali statunitensi. Secondo un'analisi della ricerca condotta dal New York Times sulle facoltà di giurisprudenza di Harvard e Columbia, erano state annullate 84 regole ambientali entro novembre 2020, comprese le principali politiche sul clima, e sono stati perseguiti ulteriori rollback.

Molte di queste regole erano state progettate per ridurre l'inquinamento provocato dal riscaldamento climatico da centrali elettriche, automobili e camion. Diverse emissioni ridotte di metano, un potente gas serra, dalla produzione di petrolio e gas. L'amministrazione Trump si è anche mossa per aprire più terra a più trivellazioni, miniere e condutture.

Alcuni rollback sono stati contestati in tribunale e le regole sono state poi ripristinate. Altri sono ancora oggetto di controversia. Molti richiederanno di passare attraverso processi di regolamentazione del governo che impiegano anni per invertirsi.

Michael Regan si confronterà con molti dei rollback dell'amministrazione Trump come scelta di Biden per dirigere l'EPA.
Alex Edelman / Getty Images

Fare pressioni su altri paesi affinché agiscano

Biden può riportare rapidamente gli Stati Uniti nell'accordo internazionale sul clima di Parigi, attraverso il quale i paesi di tutto il mondo hanno accettato di ridurre le emissioni di gas serra che guidano il riscaldamento globale. Ma ristabilire il ruolo di leadership della nazione con la comunità climatica internazionale è un percorso molto più lungo.

L'ex segretario di Stato John Kerry guiderà questo sforzo come inviato speciale per il cambiamento climatico, una nuova posizione a livello di gabinetto con un seggio nel Consiglio di sicurezza nazionale. Anche altre parti del governo possono esercitare pressioni sui paesi affinché agiscano. I finanziamenti internazionali per lo sviluppo possono incoraggiare azioni rispettose del clima e gli accordi commerciali e le tariffe possono stabilire regole di condotta.

L'allora segretario di Stato John Kerry (a destra), con l'inviato per il clima Todd Stern e Brian Deese mentre negoziava l'accordo di Parigi sul clima nel 2015. Deese (a sinistra) è la scelta di Biden di guidare il Consiglio economico nazionale.
Mandel Ngan, foto della piscina tramite AP

Ripulire il settore energetico

Il piano climatico Biden-Harris mira a ridurre le emissioni di gas a effetto serra dal settore energetico a zero netto entro il 2035.

Mentre 62 principali utility negli Stati Uniti hanno fissato i propri obiettivi di riduzione delle emissioni, la maggior parte dei leader in quel settore sosterrebbe che richiedere emissioni nette zero entro il 2035 è troppo veloce.

Un problema è che gli stati sono spesso più coinvolti nella regolamentazione del settore energetico rispetto al governo federale. E, quando i regolamenti federali vengono approvati, vengono spesso contestati in tribunale, il che significa che possono essere necessari anni per l'attuazione.

La riduzione dei gas serra richiede anche la modernizzazione della rete di trasmissione elettrica. Il governo federale può semplificare il processo di autorizzazione per consentire più energia pulita, come l'energia eolica e solare, sulla rete. Senza quell'intervento, potrebbero volerci un decennio o più per consentire un'unica linea di trasmissione.

Cosa fare con veicoli, edifici e ag

Il settore energetico potrebbe essere il settore più facile da "decarbonizzare". Il settore dei trasporti è un'altra storia.

I trasporti sono ora il principale emettitore di anidride carbonica della nazione. La decarbonizzazione richiederà una transizione dal motore a combustione interna in un periodo di tempo relativamente breve.

Ancora una volta, questa è una sfida che richiede che molte parti e livelli di governo lavorino per lo stesso obiettivo. Richiederà l'espansione del trasporto senza emissioni di carbonio, inclusi più veicoli elettrici, stazioni di ricarica, una migliore tecnologia delle batterie ed energia pulita. Ciò comporta regolamenti e finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo da più dipartimenti, nonché accordi commerciali, incentivi fiscali per i veicoli elettrici e un cambiamento nel modo in cui le agenzie governative acquistano veicoli. L'EPA può facilitare questi sforzi o ostacolarli, come è accaduto quando l'EPA Trump ha revocato la capacità della California di stabilire standard di emissioni più elevati, cosa che probabilmente l'amministrazione Biden ripristinerà rapidamente.

Gli altri settori "difficili da decarbonizzare" – edifici, industria e agricoltura – richiederanno raffinatezza e collaborazione tra tutti i dipartimenti e le agenzie federali, a differenza di qualsiasi precedente impegno governativo.

Una nuova legge globale sul clima

Il modo migliore per affrontare questi settori sarebbe una bolletta climatica globale che utilizzi un meccanismo, come uno standard di energia pulita, che stabilisca un limite, o limite, alle emissioni e lo restringa nel tempo. Qui il problema sta più nella politica del momento che in ogni altra cosa. Biden e il suo team dovranno convincere i legislatori degli stati produttori di combustibili fossili a lavorare su questi sforzi.

Il controllo democratico del Senato aumenta le possibilità che il Congresso possa approvare una legislazione globale sul clima, ma non è scontato. Finché ciò non accadrà, Biden dovrà fare affidamento su agenzie che emettono nuove regole, che sono vulnerabili a essere revocate da future amministrazioni. È un po 'come giocare a scacchi senza regina o torri.

Anni di ritardi hanno consentito al riscaldamento globale di progredire così tanto che molti dei suoi impatti potrebbero presto diventare irreversibili. Per raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi, l'amministrazione avrà bisogno che tutti, progressisti e conservatori, leader statali e locali e il settore privato lavorino con loro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui