Biodegradabile vs compostabile: qual è la differenza?

0
5

È tempo che gli articoli per la casa si biodegradino
Articolo
È tempo di biodegradarsi
Verdure
5 giorni – 1 mese
Carta
2 – 5 mesi
Maglietta in cotone
6 mesi
Foglie d'albero
1 anno
Tessuto di nylon
30 – 40 anni
Barattoli di alluminio
80 – 100 anni
Bicchieri di polistirolo
500+ anni
Buste di plastica
500+ anni

Quanto tempo impiega qualcosa per biodegradarsi dipende sia dalla composizione chimica dell'oggetto che dal modo in cui è immagazzinato. Variabili come la temperatura e la presenza di acqua, luce e ossigeno influiscono sulla velocità di degradazione. La maggior parte delle discariche ha così poca luce, aria e umidità che il processo di biodegradazione è notevolmente rallentato.

Bucce di verdura, gusci d'uovo, carta e rifiuti del giardino sono tutti semplicemente biodegradabili. Quando vengono scartati, questi oggetti si rompono in un periodo di tempo relativamente breve, quindi possono essere assimilati nell'ambiente naturale. Anche alcuni articoli commerciali come i lavapiatti in fibra di cocco rientrano in questa categoria. In confronto, materiali come il polistirolo, la plastica e l'alluminio sono generalmente considerati non biodegradabili a causa del tempo necessario per rompersi.

Treehugger / Sanja Kostic

Capire se un oggetto è effettivamente biodegradabile può essere difficile, soprattutto quando si valutano oggetti che di solito non sono realizzati con materiali biodegradabili, come custodie per cellulari o borse. La Federal Trade Commission (FTC) e vari certificatori di terze parti hanno adottato misure per monitorare l'etichettatura dei prodotti come biodegradabili. Quindi, se stai cercando di determinare se qualcosa è biodegradabile, controlla la confezione e non esitare a contattare l'azienda per porre domande.

Detto questo, la maggior parte dei prodotti di consumo "biodegradabili" non si assimilerà effettivamente nella terra attraverso la biodegradazione naturale. Per biodegradarsi, hanno bisogno di una serie specifica di condizioni create attraverso il processo di compostaggio.

Definizione di compostabile

Treehugger / Sanja Kostic

Il termine compostabile si riferisce a un prodotto o materiale che può biodegradarsi in circostanze specifiche guidate dall'uomo. A differenza della biodegradazione, che è un processo del tutto naturale, il compostaggio richiede l'intervento umano.

Durante il compostaggio, i microrganismi scompongono la materia organica con l'aiuto dell'uomo, che contribuisce con l'acqua, l'ossigeno e la materia organica necessari per ottimizzare le condizioni. Il processo di compostaggio richiede generalmente da pochi mesi a uno o tre anni. La tempistica è influenzata da variabili come l'ossigeno, l'acqua, la luce e il tipo di ambiente di compostaggio. Esistono due tipi principali di compostaggio:

Treehugger / Lara Antal

  • Compostaggio residenziale. Il compostaggio residenziale comporta la raccolta degli avanzi di cibo in un bidone o in un mucchio, combinandoli con i rifiuti del giardino e periodicamente rivoltando la miscela per promuoverne la scomposizione in materia organica più elementare. Per questo motivo, non sarai in grado di abbattere cose come carne, formaggio e pesce in un bidone residenziale: semplicemente non verrà prodotto abbastanza calore.
  • Compostaggio commerciale. Il compostaggio commerciale prevede lo screening e la cernita dei materiali in organici e inorganici, la loro scomposizione con cippatrici e trituratori e la creazione di condizioni ottimali di umidità, temperatura e ossigeno. Di conseguenza, i compostatori commerciali sono in grado di scomporre prodotti più complessi rispetto ai compostatori domestici.

Se stai pensando di acquistare un prodotto che dichiara di essere compostabile, assicurati di leggere l'etichetta. Come per gli articoli biodegradabili, l'etichettatura dei materiali compostabili è regolata dalla FTC e da certificatori di terze parti. Dovrai scoprire se il prodotto può essere compostato in un bidone del cortile o richiederà il compostaggio commerciale. Non tutte le città offrono il compostaggio commerciale e non vuoi scegliere un prodotto compostabile solo per scoprire che tu non può effettivamente compostarlo.

Plastiche biodegradabili e compostabili

Treehugger / Sanja Kostic

Se di recente hai acquistato una custodia per telefono, una tazza da viaggio o una borsa della spesa riutilizzabile, potresti aver incontrato plastica biodegradabile e compostabile, nota anche come bioplastica. Molti ristoranti stanno persino passando alle bioplastiche per contenitori, utensili e tazze da asporto. Questi articoli sono generalmente realizzati con materiali come amido di mais, cellulosa e soia. Se adeguatamente compostati, si scompongono in anidride carbonica non tossica, biomassa e acqua.

Tuttavia, solo perché una plastica è biodegradabile o compostabile non significa che si romperà in qualsiasi condizione, o che sia veramente ecologica. Considera i pro e i contro della plastica compostabile prima di effettuare il tuo prossimo acquisto.

Pro della plastica biodegradabile e compostabile

  • A differenza della plastica convenzionale a base di petrolio, le bioplastiche sono a base vegetale.
  • La produzione di bioplastica può avere un'impronta di carbonio inferiore rispetto alla plastica tradizionale (ma ci sono molte variabili e incertezze).

Contro della plastica biodegradabile e compostabile

  • La demolizione delle bioplastiche richiede un calore intenso disponibile solo negli impianti di compostaggio industriale. In un mucchio di compost a casa (o in una discarica), impiegano molto tempo per abbattere.
  • Le bioplastiche non affrontano il problema della plastica marina, poiché non si biodegradano rapidamente in condizioni marine.
  • La bioplastica non può essere mischiata con la plastica riciclabile; devono essere riciclati in flussi separati.

Scelta di prodotti biodegradabili e compostabili

Treehugger / Sanja Kostic

Se stai cercando di ridurre il tuo impatto ambientale, gli articoli compostabili sono una buona opzione. Compostare un oggetto significa che non finirà in una discarica e, se componi a casa, puoi usare quella materia organica per aiutare il tuo giardino (o quello del tuo vicino) a crescere. Inoltre, l'etichettatura dei prodotti compostabili è spesso più semplice, quindi puoi essere certo di scegliere un prodotto più ecologico.

Detto questo, i prodotti compostabili richiedono determinate condizioni per essere demoliti, quindi è importante impegnarsi a compostare effettivamente quegli articoli, piuttosto che mandarli in discarica. Inoltre, se un articolo viene identificato come commercialmente compostabile, assicurati di avere accesso a una struttura in grado di gestire i rifiuti. Le bioplastiche sono in qualche modo un miglioramento rispetto alle plastiche convenzionali, ma possono comunque avere un impatto negativo sull'ambiente se vengono smaltite in modo improprio. Come sempre, l'opzione migliore è ridurre i consumi, riutilizzare ciò che già possiedi ed evitare il più possibile i prodotti monouso.