Che cos’è il “riscaldamento impegnato”? Uno scienziato del clima spiega perché il riscaldamento globale può continuare dopo la fine delle emissioni

290

Ormai, poche persone mettono in dubbio la realtà che gli esseri umani stanno alterando il clima terrestre. La vera domanda è: quanto velocemente possiamo fermare, anche invertire, il danno?

Parte della risposta a questa domanda risiede nel concetto di “riscaldamento impegnato”, noto anche come “riscaldamento dell’oleodotto”.

Si riferisce ai futuri aumenti delle temperature globali che saranno causati dai gas serra che sono già stati emessi. In altre parole, se la transizione verso l’energia pulita avvenisse dall’oggi al domani, quanto riscaldamento ne deriverebbe ancora?

Il bilancio energetico della Terra è sbilanciato

Gli esseri umani causano il riscaldamento globale quando le loro attività emettono gas serra, che intrappolano il calore nella bassa atmosfera, impedendogli di disperdersi nello spazio.

Prima che le persone iniziassero a bruciare combustibili fossili per alimentare fabbriche e veicoli e allevare bovini emettitori di metano in quasi tutte le regioni coltivabili, il bilancio energetico della Terra era più o meno in equilibrio. Circa la stessa quantità di energia proveniva dal Sole mentre usciva.

Oggi, l’aumento delle concentrazioni di anidride carbonica nell’atmosfera è superiore di oltre il 50% rispetto agli albori dell’era industriale e stanno intrappolando più di quell’energia.

Il delicato equilibrio energetico della Terra. Accademia delle Scienze della California.

Quelle emissioni di anidride carbonica, insieme ad altri gas serra come il metano, e compensate da alcuni aspetti dell’inquinamento atmosferico da aerosol, stanno intrappolando energia equivalente alla detonazione di cinque bombe atomiche in stile Hiroshima al secondo.

Con più energia in entrata che in uscita, l’energia termica terrestre aumenta, aumentando la temperatura della terra, degli oceani e dell’aria e sciogliendo i ghiacci.

Il riscaldamento in cantiere

Gli effetti della manomissione dell’equilibrio energetico terrestre richiedono tempo per manifestarsi. Pensa a cosa succede quando apri completamente il rubinetto dell’acqua calda in una fredda giornata invernale: i tubi sono pieni di acqua fredda, quindi ci vuole tempo prima che l’acqua calda arrivi a te, da qui il termine “riscaldamento delle tubazioni”. Il riscaldamento non si è ancora fatto sentire, ma è in cantiere.

Ci sono tre ragioni principali per cui si prevede che il clima terrestre continuerà a riscaldarsi dopo l’interruzione delle emissioni.

In primo luogo, i principali contributori al riscaldamento globale – anidride carbonica e metano – indugiano nell’atmosfera per molto tempo: circa 10 anni in media per il metano e ben 400 anni per l’anidride carbonica, con alcune molecole che restano in circolazione per millenni. Quindi, la disattivazione delle emissioni non si traduce in riduzioni istantanee della quantità di questi gas che intrappolano il calore nell’atmosfera.

In secondo luogo, parte di questo riscaldamento è stato compensato dalle emissioni provocate dall’uomo di un’altra forma di inquinamento: aerosol di solfato, minuscole particelle emesse dalla combustione di combustibili fossili, che riflettono la luce solare nello spazio. Nel secolo scorso, questo oscuramento globale ha mascherato l’effetto di riscaldamento delle emissioni di gas serra. Ma questi e altri aerosol artificiali danneggiano anche la salute umana e la biosfera. La rimozione di quelli e dei gas serra di breve durata si traduce in alcuni decimi di grado di riscaldamento aggiuntivo in circa un decennio, prima di raggiungere un nuovo equilibrio.

Infine, il clima terrestre richiede tempo per adattarsi a qualsiasi cambiamento nel bilancio energetico. Circa due terzi della superficie terrestre è costituita da acqua, a volte molto profonda, che è lenta ad assorbire il carbonio e il calore in eccesso. Finora, oltre il 91% del calore aggiunto dalle attività umane, e circa un quarto del carbonio in eccesso, è andato negli oceani. Mentre gli abitanti della terra possono essere grati per questo tampone, il calore extra contribuisce all’innalzamento del livello del mare attraverso l’espansione termica e anche le ondate di calore marine, mentre il carbonio extra rende l’oceano più corrosivo per molti organismi con guscio, che possono interrompere la catena alimentare oceanica.

La temperatura della superficie terrestre, spinta dallo squilibrio dell’energia radiante nella parte superiore dell’atmosfera, e modulata dall’enorme inerzia termica dei suoi oceani, sta ancora giocando al passo con la sua più grande manopola di controllo: la concentrazione di anidride carbonica.

Quanto riscaldamento?

Quindi, per quanto impegno di riscaldamento ci aspetta? Non c’è una risposta chiara.

Il mondo si è già riscaldato di oltre 1,1 gradi Celsius (2 F) rispetto ai livelli preindustriali. Le nazioni di tutto il mondo hanno concordato nel 2015 di cercare di impedire che la media globale aumenti di oltre 1,5°C (2,7°F) per limitare i danni, ma il mondo è stato lento a reagire.

Determinare la quantità di riscaldamento che ci attende è complicato. Diversi studi recenti utilizzano modelli climatici per stimare il riscaldamento futuro. Uno studio su 18 modelli del sistema terrestre ha rilevato che quando le emissioni sono state ridotte, alcuni hanno continuato a riscaldarsi da decenni a centinaia di anni, mentre altri hanno iniziato a raffreddarsi rapidamente. Un altro studio, pubblicato nel giugno 2022, ha rilevato una probabilità del 42% che il mondo sia già impegnato a 1,5 gradi.

La quantità di riscaldamento è importante perché le pericolose conseguenze del riscaldamento globale non aumentano semplicemente in proporzione alla temperatura globale; in genere aumentano in modo esponenziale, in particolare per la produzione alimentare a rischio di caldo, siccità e tempeste.

Inoltre, la Terra ha punti di non ritorno che potrebbero innescare cambiamenti irreversibili in parti fragili del sistema terrestre, come i ghiacciai o gli ecosistemi. Non sapremo necessariamente subito quando il pianeta ha superato un punto di svolta, perché questi cambiamenti spesso tardano a manifestarsi. Questo e altri sistemi sensibili al clima sono alla base del principio precauzionale di limitare il riscaldamento al di sotto di 2°C (3,6 F) e, preferibilmente, 1,5°C.

Il cuore del problema climatico, racchiuso in questa idea di riscaldamento impegnato, è che ci sono lunghi ritardi tra i cambiamenti nel comportamento umano ei cambiamenti nel clima. Sebbene la quantità precisa di riscaldamento impegnato sia ancora oggetto di qualche contesa, le prove mostrano che la strada più sicura da seguire è quella di passare urgentemente a un’economia più equa e priva di emissioni di carbonio che generi emissioni di gas serra molto inferiori.