Cinque romanzi imperdibili sull'ambiente e la crisi climatica

207

Dall'inizio del blocco, molti di noi hanno preso le nostre biciclette, coltivato le nostre verdure e cotto il nostro pane. Non sorprende quindi che sia stato suggerito di utilizzare questa esperienza per ripensare il nostro approccio alla crisi climatica.

Leggere un po 'di letteratura ambientale – a volte chiamata "eco-letteratura" – può anche darci l'opportunità di pensare al mondo che ci circonda in modi diversi.

L'eco-letteratura ha una lunga tradizione letteraria che risale agli scritti di poeti romantici inglesi del XIX secolo e autori statunitensi. E la crescente consapevolezza del cambiamento climatico ha accelerato lo sviluppo di scritti ambientali.

di Indra Sinha

Animal’s People di Indra Sinha, osserva l'esplosione di gas di Bhopal in India, uno dei più orribili disastri ambientali del XX secolo. Una fuga di gas velenoso da un impianto di pesticidi di proprietà degli Stati Uniti ha ucciso diverse migliaia di persone e ferito più di mezzo milione.

Il personaggio principale del romanzo, Animal, è un ragazzo orfano di 19 anni che sopravvive all'esplosione con un corpo deforme. Ciò significa che deve "strisciare come un cane a quattro zampe". Animal non odia il suo corpo, ma abbraccia la sua identità animistica, offrendo una prospettiva non umana non convenzionale.

Con questa figura "umano-animale" ferita, Sinha propone la sua critica alle condizioni postcoloniali dell'India e dimostra come la dominazione capitalista occidentale continui a danneggiare le persone e l'ambiente nella società postcoloniale contemporanea.

di Ruth Ozeki

Il romanzo di Ruth Ozeki mescola temi come la maternità, la giustizia ambientale e la pratica ecologica per esplorare l'uso spaventoso degli ormoni della crescita nell'industria della carne statunitense da una prospettiva ecocritica femminista.

Il romanzo utilizza una modalità narrativa "documentaria" e inizia con uno show televisivo di cucina – sponsorizzato da un'azienda di carne. Durante le riprese dello spettacolo, Jane Takagi-Little, la regista, incontra una coppia lesbica vegetariana che rivela la brutta verità sull'uso degli ormoni della crescita nell'industria del bestiame. L'incontro motiva Jane a intraprendere un progetto documentario per scoprire come gli ormoni della crescita avvelenano i corpi delle donne.

À lire aussi:
L'influenza suina sarà la prossima pandemia?

Attraverso una scelta deliberata di rendere tutti i suoi personaggi principali femminili, Ozeki attira l'attenzione dei suoi lettori su figure femminili non conformi e atipiche che si ribellano alle norme sociali o culturali inerenti alla società capitalista patriarcale.

di J.M. Coetzee

In Disgrace, J.M. Coetzee, un celebre premio Nobel, noto anche per la sua schietta difesa dei diritti degli animali, intreccia una brutale scena di uccisione di cani con lo stupro di gruppo di una donna bianca sudafricana da parte di tre uomini di colore.

Lodato come uno dei canoni postcoloniali sudafricani, il romanzo esplora complesse questioni di supremazia bianca e resistenza anticoloniale, nonché violenza razziale e di genere. Collega questi problemi al dominio degli esseri umani e allo sfruttamento degli animali e sfida ulteriormente la nostra posizione etica.

La combinazione di questi due atti – l'uccisione di cani e lo stupro di una donna – può essere letta come l'ecocritica di Coetzee della violenza coloniale contro gli esseri non umani e l'ambiente naturale.

di Wu Ming-yi

La narrativa sul clima o il cosiddetto "cli-fi" assume una vera scoperta o fenomeno scientifico e combina questo con una svolta distopica o esagerata. Questo approccio sottolinea l'azione di esseri non umani, ambienti o persino fenomeni, come alberi, oceano o tsunami.

À lire aussi:
Immaginare il futuro del clima sia utopico che distopico è fondamentale, motivo per cui la cli-fi è così importante

Il romanzo di Wu Ming-yi è composto da quattro diversi racconti: un professore universitario taiwanese, un ragazzo della mitica isola di Wayo Wayo e altri due personaggi indigeni che vivono in città. Le loro storie sono viste in frammenti dalle molteplici prospettive degli "occhi composti". Sullo sfondo c'è uno tsunami che fa schiantare la grande distesa di rifiuti del Pacifico sulla costa orientale di Taiwan e l'isola immaginaria del Pacifico di Wayo Wayo che riunisce tutte le loro storie.

Wu fonde questo evento irrealistico con il vortice dei rifiuti della vita reale per attirare la nostra attenzione sui gravi problemi ambientali dello scarico dei rifiuti e sui nostri stili di vita insostenibili.

di Richard Powers

The Overstory è elogiato dalla critica per la sua ambizione di portare consapevolezza alla vita degli alberi e la sua difesa di uno stile di vita ecocentrico. Il romanzo di Powers si apre con nove personaggi distintivi, che rappresentano le "radici" degli alberi. A poco a poco le loro storie e vite si intrecciano a formare il “tronco”, la “corona” e i “semi”.

Uno dei personaggi, la dott.ssa Patricia Westerford, pubblica un documento che mostra che gli alberi sono esseri sociali perché possono comunicare e avvisarsi a vicenda quando si verifica un'intrusione straniera. La sua idea, sebbene presentata come controversa nel romanzo, è in realtà ben supportata dagli studi scientifici odierni.

Nonostante il suo lavoro rivoluzionario, la dottoressa Westerford finisce per togliersi la vita bevendo estratti di alberi velenosi a una conferenza, per chiarire che gli umani possono salvare gli alberi e il pianeta solo smettendo di esistere.

Questi sono solo alcuni libri con un focus specifico sulle questioni ambientali, perfetti per il tuo attuale elenco di letture. Con sorpresa di tutti, questo blocco globale ci ha fornito alcuni vantaggi ecologici, come un improvviso calo delle emissioni di carbonio e l'enorme calo della nostra dipendenza dall'energia dei combustibili fossili tradizionali. Forse allora, se riusciamo a imparare da questa esperienza, possiamo muoverci verso un futuro più verde.