Città del Messico seppellì i suoi fiumi per prevenire le malattie e inconsapevolmente creò una città secca e inquinata dove ora prospera COVID-19

0
34

Leer en español

Città del Messico è una polveriera, una megalopoli inquinata dove il respiro è affannoso e gli abiti appena lavati stesi ad asciugare diventano rigidi la sera. Anche prima che la pandemia COVID-19 iniziasse a devastare questa capitale, i residenti indossavano regolarmente maschere per il viso durante le frequenti emergenze di qualità dell'aria.

Ora il cattivo inquinamento atmosferico di Città del Messico – che contribuisce ad alti tassi di malattie respiratorie e cardiovascolari – sta rendendo i 21 milioni di persone dell'area metropolitana più vulnerabili al coronavirus.

Città del Messico non è sempre stata un disastro ecologico e sanitario. Essendo il centro dell'impero azteco, era verdeggiante e diversificato. Ancora all'inizio del XX secolo, 45 fiumi attraversavano la capitale messicana.

La decisione di seppellire e spianare i suoi fiumi, creando l'arida metropoli di oggi, era un piano del XX secolo inteso a proteggere i residenti dalle malattie, in particolare dal colera, dalla malaria e da altre malattie trasmesse dall'acqua causate da frequenti inondazioni.

Origini di Città del Messico

Sono uno studioso che studia la povertà con un focus sulle aree urbane e Città del Messico è la mia città grigia e concreta. La relazione tra la sua geografia, la storia e gli esiti sanitari è rilevante oggi, poiché la città è alle prese con la sua ultima epidemia di malattia.

Città del Messico fu fondata da persone che ora si chiamano Aztechi – ma che si chiamavano Tenochcas – nel 1325. Gli Aztechi costruirono la loro città su una roccia nel Lago Texcoco, soprattutto perché i luoghi più importanti lungo la riva erano già stati occupati.

Nel 1427 i potenti aztechi avevano sconfitto i loro vicini in riva al lago e costruito una capitale splendente che attraversava il lago. La città, chiamata Tenochtitlan, è stata costruita in mezzo all'acqua grazie allo sviluppo di "chinampas" – piccoli appezzamenti di lago riempiti di detriti, ceramiche e terra per creare una terra solida, con canali che scorrono intorno a loro.

[Deep knowledge, daily. Sign up for The Conversation’s newsletter.]

Il più importante cronista della colonizzazione spagnola del Messico, Bernal Díaz del Castillo, descrisse Tenochtitlan come attraversata da meraviglie ingegneristiche come strade rialzate e ponti rimovibili, e piena di "splendidi" palazzi. Diaz del Castillo riferisce che il mercato cittadino era più ampio e meglio regolamentato di quelli di Costantinopoli e Roma. Come nell'impero romano, gli acquedotti rifornivano la città di acqua dolce.

Replica di Tenochtitlan, con le sue strade rialzate e canali.
Randal Sheppard / flickr, CC BY

Tenochtitlan sembrava Venezia – bellissima – e aveva gli stessi problemi di salute, tra cui acqua contaminata, zanzare e odori sgradevoli. Ma gli Aztechi gestirono bene la città e prevennero le inondazioni. Le loro dighe e corsi d'acqua consentivano a una grande diversità di piante e animali di prosperare, e il sistema agricolo chinampa – in cui la terra era rifornita di terreno dragato dal fondo del lago – era uno dei più produttivi che il mondo abbia mai conosciuto.

Incompetenza spagnola

Quella buona gestione urbana terminò con la conquista spagnola nel 1521. Tenochtitlan fu distrutta, i suoi palazzi e le strade rialzate furono ridotti in macerie sul fondo del lago.

Gli spagnoli non capivano l'ecologia acquosa della zona, né capivano o rispettavano l'ingegneria azteca. Per ricostruire la loro capitale, hanno prosciugato il lago.

Questa strategia ha portato sia alla siccità che a un approvvigionamento idrico inadeguato per la maggior parte dell'anno. La stagione delle piogge, tuttavia, ha portato enormi inondazioni. Nel 1629, si dice che la peggiore inondazione nella storia di Città del Messico sia durata cinque anni e abbia ucciso più di 30.000 persone a causa di annegamenti e malattie. Secondo quanto riferito, le chiese hanno tenuto messe sui tetti.

La stagione delle piogge ha trasformato parti della città in pozzi neri, generando malattie trasmesse dall'acqua come il colera e la malaria, nonché la meningite. Anche le malattie gastrointestinali sono peggiorate, perché i residenti hanno utilizzato i fiumi di Città del Messico per scaricare rifiuti e liquami. Corpi umani e animali galleggiavano nelle acque stagnanti, emettendo un terribile fetore.

Canali a Xochimilco, una parte di Città del Messico che conserva i suoi antichi corsi d'acqua.
Werner Forman / Universal Images Group / Getty Images

Il Messico va in profondità

Il Messico ottenne l'indipendenza dalla Spagna nel 1810. Per affrontare una volta per tutte i suoi problemi di inondazione, i dirigenti della città decisero negli anni Novanta dell'Ottocento di convogliare la pioggia, le acque di inondazione e le fognature lontano dalla città attraverso un desagüe di 30 miglia, o canale di drenaggio.

In questo periodo, la popolazione della capitale iniziò a esplodere. Città del Messico aveva 350.000 residenti nel 1900 e 3 milioni nel 1950. Negli anni '30, il suo nuovo sistema igienico-sanitario era già insufficiente. Inoltre, i residenti utilizzavano ancora i numerosi fiumi di Città del Messico per lavare i panni, come fosse della spazzatura e come fognature.

Nel 1938, l'architetto Carlos Contreras propose di racchiudere tre fiumi inquinati – il Piedad, il Consulado e il Verónica – e di trasformarli in un gigantesco viadotto per prevenire inondazioni, malattie e morte. Le condizioni politiche non permettevano a questa idea di andare avanti in quel momento, ma l'idea di mettere i luridi corsi d'acqua di Città del Messico in enormi tubi e seppellirli rimase bloccata.

Nei decenni successivi, i fiumi iniziarono a essere interrati. Tra il 1947 e il 1952 la maggior parte dei 45 fiumi di Città del Messico furono convogliati in tubi giganti, interrati e pavimentati. Oggi questi fiumi sono visibili solo nei nomi delle strade che li percorrono: Viale Rio Mixcoac, Viale Rio Churubusco e altri.

Ciotola di smog

Questo sistema ha dato a Città del Messico della metà del secolo sufficiente capacità fognaria, strade ed edifici per servire la sua popolazione. Anche il cattivo odore e le condizioni antigeniche sono diminuiti, perché le persone non potevano scaricare la spazzatura nei corsi d'acqua coperti.

Ma senza i suoi fiumi, Città del Messico si prosciugò e divenne polverosa. E a causa della sua geografia – situata su un altopiano, circondato da montagne – la polvere non poteva sfuggire. Città del Messico è in una ciotola che intrappola tutto ciò che galleggia nell'aria.

Rovine di Teotihuacan, fuori Città del Messico, 19 marzo 2020.
AP Photo / Rebecca Blackwell

A partire dagli anni '80, il numero di automobili è cresciuto fino a raggiungere i milioni, intrappolando anche l'inquinamento. Oggi Città del Messico è nota per il suo smog e per le terribili conseguenze sulla salute che l'inquinamento porta, tra cui asma e malattie cardiache.

L'epidemia di coronavirus non è stata causata dall'aria inquinata. Ma la cattiva qualità dell'aria della città, insieme al sovraffollamento e ad altri fattori legati alla povertà, crea le condizioni affinché il COVID-19 si ammali gravemente e uccida più persone.

Nel tentativo di eliminare le malattie trasmesse dall'acqua, la capitale messicana ha finito per aiutare un virus disperso nell'aria a trovare più ospiti. È un'ironia della storia che gli Aztechi avrebbero sicuramente pianto.

Nota del redattore: è stata corretta una didascalia della foto che risaliva erroneamente a Teotihuacan al popolo azteco.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui