Coca-Cola prova le bottiglie di carta in Ungheria

9

Coca-Cola è lungi dall'essere un modello per il design sostenibile, ma in questo momento sta facendo qualcosa di interessante in Europa. Una partnership con la Paper Bottle Company (Paboco) della Danimarca ha portato a una bottiglia unica, per lo più di carta che sarà in grado di contenere bevande gassate senza esplodere per la pressione o perdere l'effervescenza.

L'obiettivo è creare una bottiglia completamente riciclabile e priva di plastica che non lasci fuoriuscire il gas, né influisca in alcun modo sul sapore della bevanda e, dopo sette anni di sviluppo, una versione è pronta per la prova commerciale. I clienti in Ungheria riceveranno i loro ordini di generi alimentari online di AdeZ, un frullato di frutta senza latticini, in queste bottiglie di carta, e sia Coca-Cola che Paboco guarderanno da vicino per vedere cosa ne pensano.

Michael Michelson è il direttore commerciale di Paboco. Ha detto alla BBC che le bottiglie sono realizzate con un unico pezzo di fibra di carta senza soluzione di continuità per evitare di avere punti deboli. La carta modellata in 3D non può entrare in contatto diretto con il liquido, quindi c'è un sottile rivestimento a base biologica all'interno della bottiglia per mantenerlo impermeabile.

Il sito Paboco spiega che questa barriera "resiste sia alla trasmissione del vapore acqueo che dell'ossigeno. Utilizzo di materiali che incoraggiano il riciclaggio e in futuro progettati per degradarsi in modo innocuo se immessi accidentalmente in natura". Non è chiaro se il rivestimento sia rimovibile per riciclare la bottiglia di carta. Sembra simile al design delle tazze da caffè, che è esattamente ciò che le rende così difficili da riciclare. Treehugger ha contattato per ulteriori informazioni, ma non ha ancora ricevuto risposta.

Il tappo è ancora in plastica, ma è realizzato al 100% con contenuto riciclato (rPET). Il motivo è che consente di riempire la bottiglia di carta su linee di produzione esistenti, ma alla fine queste verranno modificate per adattarsi a una chiusura completamente in carta. L'etichetta viene stampata direttamente sulla carta con inchiostro a base d'acqua per ridurre la quantità di materiale utilizzato.

Coca-Cola non è l'unica azienda a sperimentare le bottiglie di carta. La società di vodka Absolut sta per lanciare una sperimentazione in Svezia e nel Regno Unito di 2.000 bevande vodka al lampone in bottiglie di carta, e anche la società di birra Carlsberg sta lavorando a qualcosa di simile.

Qui a Treehugger, siamo ovviamente sostenitori di affrontare l'imballaggio monouso e sostituirlo con modelli riutilizzabili e ricaricabili, anche su quelli biodegradabili, un ritorno a come una volta operava la Coca-Cola. Ma siamo anche realisti che capiscono che ci sono momenti in cui potresti aver bisogno di un drink e non hai una tazza riutilizzabile o l'accesso a una stazione di rifornimento. È allora che ha senso utilizzare imballaggi che non durano indefinitamente e che si riciclano facilmente. La carta viene riciclata a un ritmo molto più elevato rispetto alla plastica e può essere trasformata in un prodotto di qualità superiore una volta lavorata, quindi è preferibile alla plastica.

Resta da vedere se la bottiglia di carta funziona con la stessa efficacia della plastica, se può essere ridimensionata e se i clienti sono disposti a effettuare il passaggio. Ma è un passo nella giusta direzione, lontano dalla nostra dipendenza dalla plastica e verso il materiale più adatto a un uso temporaneo.