Come COVID-19 ha influenzato le gite scolastiche notturne e perché è importante

14

Per oltre 45 anni, i bambini di tutto il Regno Unito si sono recati al Rhos-Y-Gwaliau Outdoor Education Centre a conduzione familiare a Snowdonia, nel Galles settentrionale, durante le gite scolastiche. Sono andati in gola camminando e calando in corda doppia. Hanno esplorato le miniere.

Rhos-Y-Gwaliau è stato visto come un paradiso per l'apprendimento all'aria aperta per i bambini che altrimenti potrebbero non avere accesso alla campagna, per non parlare del timore reverenziale e della meraviglia delle vette gallesi. Cioè, fino a quando la pandemia non ha colpito.

Per la prima volta in più di un anno, le scuole possono ancora una volta (dal 17 maggio) organizzare visite didattiche notturne. Ma il danno è fatto. La campagna Save Outdoor Education stima che 2 milioni di bambini in tutto il paese hanno perso i viaggi da quando i centri residenziali sono stati costretti a chiudere.

Se la perdita economica per l'industria è stata catastrofica (chiusure permanenti, 15.000 posti di lavoro tagliati e 500 milioni di sterline di entrate perse), le perdite per i bambini sono ancora maggiori.

Avventure all'aria aperta

Dormire, mangiare e condividere le sfide collettivamente, nella natura, è un'esperienza preziosa. Nel contesto dell'aumento della cultura indoor, c'è un chiaro sostegno a livello governativo per l'educazione all'aperto.

Ofsted sostiene l'idea dal 2008. La nuova qualifica GCSE in Storia naturale ne sottolinea l'importanza. E Natural England, l'organo consultivo del governo per l'ambiente naturale, sostiene il sostegno per consentirlo.

Dalle gite in barca alla discesa in corda doppia, le gite scolastiche sono pensate come avventure all'aria aperta.
Ric Mellis / Alamy Foto Stock

Nella scuola primaria, i viaggi sono concepiti come avventure, con la scoperta dell'ambiente al centro dell'esperienza. In tutto il Regno Unito ci sono grandi centri di attività dotati di torri di discesa in corda doppia e percorsi d'assalto. Nel Berkshire i bambini potrebbero andare in campeggio presso il Gordon Brown Centre locale, dove faranno arrampicata sulle pareti, tiro con l'arco e immersioni nel laghetto. Per le scuole vicino a un fiume o alla costa, gli insegnanti potrebbero optare per attività acquatiche, come il kayak.

Nel sesto anno, i viaggi sono visti come un mezzo per aiutare i bambini a passare dalla scuola primaria a quella secondaria. Stando lontano da casa – forse la prima volta – e affrontando sfide emotive e fisiche attraverso attività di team building, si dice che guadagnino molto in termini di sviluppo personale.

A livello di scuola secondaria, i programmi di avventura in viaggio sono spesso arricchiti da sessioni discrete di educazione ambientale, progettate per completare il curriculum di geografia e scienze.

Crescita personale

Il modo in cui l'educazione all'aperto influisce sullo sviluppo dei bambini richiede più ricerca, ma un documento che esamina l'apprendimento residenziale dei bambini della scuola primaria del Regno Unito suggerisce che ci sono benefici cognitivi (accademici) ed affettivi (emotivi e comportamentali).

Sebbene le prove dell'apprendimento affettivo siano più forti, è chiaro che qualsiasi beneficio emotivo e comportamentale ottenuto dalle gite scolastiche può aiutare a gettare una buona base anche per i risultati accademici.

Affrontare le sfide all'aperto come gruppo può aiutare i bambini ad acquisire fiducia e formare legami più forti con i loro coetanei.
Coasteering su Unsplash, FAL

La ricerca ha scoperto che le gite scolastiche forniscono ai bambini gli strumenti per affrontare sfide impreviste. Aiutano gli alunni a maturare, a formare legami più forti con i compagni e gli insegnanti e a diventare studenti migliori, il che è fondamentale per la transizione alla scuola secondaria.

Effetto sociale

Oltre allo sviluppo di un bambino, le gite scolastiche portano anche benefici sociali. Trascorrere qualche giorno insieme in un ambiente naturale può essere un ottimo livellatore. Le cricche e le pressioni in classe si dissipano quando i bambini, indipendentemente dal background o dalle capacità, devono lavorare insieme per scalare una montagna senza un sentiero o attraversare una gola.

Tuttavia, il finanziamento statale per realizzare questo obiettivo è fondamentale. L'Institute for Outdoor Learning (un istituto di appartenenza professionale che promuove l'apprendimento all'aria aperta) stima che per gli 1,4 milioni di bambini che ricevono pasti scolastici gratuiti, andare in gita scolastica potrebbe essere l'unica opportunità che hanno per vivere il tempo lontano da casa.

Nella sua revisione del 2019 sui paesaggi naturali, il governo del Regno Unito ha sottolineato quanto sia importante che la campagna britannica rimanga accessibile a tutti, compresi i bambini provenienti da gruppi etnici svantaggiati e con bassi contesti socioeconomici. Ciò è tanto più pressante durante una pandemia che ha accresciuto le preoccupazioni circa la disuguaglianza di accesso agli spazi verdi naturali.

Nonostante le numerose richieste su come stanziare i fondi scolastici e l'impegno da parte del personale che l'organizzazione di gite scolastiche richiede, per non parlare del calo dei centri residenziali all'aperto finanziati dal comune, la domanda di viaggi dalle scuole continua a crescere. Il sostegno degli insegnanti per tali viaggi in un momento di immensa pressione sull'istruzione la dice lunga.

Infine, le esperienze all'aria aperta possono anche aiutare a promuovere un legame emotivo con la natura e plasmare atteggiamenti pro-ambientali. Attraverso le gite scolastiche residenziali, gli alunni del Regno Unito possono scoprire aree che altrimenti non potrebbero visitare e, forse, arrivare ad amare e quindi desiderare di conservare e proteggere.

La scoperta all'aperto in tenera età può favorire l'amore per la natura e una motivazione a proteggere l'ambiente.
veryan dale / Alamy Foto Stock

Nel 1978, il lepidottero ed ecologo americano Robert Pyle ha coniato il termine estinzione dell'esperienza per catturare il fenomeno globale di una progressiva perdita di interazioni con la natura. È un concetto che si applica alla chiusura di Rhos-Y-Gwaliau e di altri centri e alla conseguente mancanza di opportunità per i bambini di trascorrere del tempo lì.

Quando il leader naturalista britannico David Attenborough ha detto: "Nessuno proteggerà ciò di cui non si preoccupa; e nessuno si preoccuperà di ciò che non hanno mai sperimentato ", ha espresso le preoccupazioni di molti ambientalisti. I bambini sono i futuri custodi del nostro pianeta e della società. Garantire che abbiano la possibilità di accedere alla natura – e consentirlo attraverso le gite scolastiche – è qualcosa a cui dobbiamo dare la priorità.