come misurare gli atteggiamenti nei confronti del cambiamento climatico potrebbe accelerare la risposta globale

46

Incendi e ondate di caldo in Europa, Nord America, Australia, Asia e Regno Unito hanno portato devastazione a molti nel 2022. Ma oltre a danneggiare vite e terra, potrebbero anche aver distrutto i dubbi persistenti sul fatto che le azioni umane abbiano influenzato drammaticamente il clima.

Rimangono tuttavia delle domande su cosa ci ha messo in questo pasticcio e cosa (se non altro) può tirarci fuori.

Una cosa spesso accusata della crisi climatica è il capitalismo. Ed è vero che un mercato sempre più globalizzato ha alimentato modelli di produzione e consumo che hanno accelerato i danni ambientali.

Ciò ha portato alcuni attivisti a chiedere un cambiamento totale dei sistemi poiché sostengono che gli attuali quadri economici non possono essere la fonte delle soluzioni necessarie.

Ma è corretto ritenere il capitalismo così totalmente responsabile? Dopotutto è un termine ampio, con versioni diverse nei diversi paesi in cui esistono relazioni diverse tra lo stato e il mercato.

Incolpare qualcosa di astratto come il capitalismo può anche farci sentire senza speranza e sottovalutare la responsabilità personale. Tralascia anche i ruoli di gruppi influenti all’interno del sistema economico capitalista, ad esempio consigli di amministrazione o azionisti, molti dei quali sono profondamente preoccupati per l’emergenza climatica.

Quindi forse “capitalismo” è solo una parolaccia conveniente, una risposta rapida a un problema complesso.

Un approccio alternativo potrebbe essere quello di esaminare l’impatto di un processo sociale comune ma imperfetto noto come “commensurazione”. Questo è quando prendiamo due cose che sono intrinsecamente diverse e le confrontiamo utilizzando una metrica comune.

Ad esempio, se il prezzo di una mela è 30 pence e il prezzo di un’arancia è 15 pence, in genere diremmo che una mela vale due arance. Come ci ricorda il vecchio proverbio, da un certo punto di vista non si possono confrontare mele e arance perché sono essenzialmente cose diverse. Ma è conveniente trasformarli entrambi in modo che si adattino a una misura comune: in questo caso, il costo.

Non lo stesso. Shutterstock/Artem Malov

Ma questo tipo di semplificazione – in cui trattiamo cose diverse come in qualche modo simili – è più fondamentale che dare un prezzo alle cose in modo da poterle scambiare. È una parte essenziale della navigazione in un mondo complesso e ambiguo. Succede ogni volta che prendiamo una decisione di compromesso. Questi potrebbero essere personali, come se spendere soldi accendendo il riscaldamento o facendo la spesa, o potrebbero essere politici, come se un governo aumenti le tasse per investire nell’energia eolica o nucleare.

Ma quando si tratta dell’emergenza climatica, la commisurazione ci sta deludendo in due modi chiave. Il primo è ovvio, il secondo è più sottile.

Il primo fallimento è che per troppo tempo il mondo naturale è stato trattato come invisibile quando produciamo e consumiamo cose. Miliardi di compromessi umani, sia nel commercio globale, nelle politiche governative o nella mente di acquirenti, pendolari ed elettori, hanno dato per scontato l’ambiente, trattandolo come qualcosa “là fuori”, piuttosto che una caratteristica necessaria della decisione -processo di fabbricazione. (Iniziative come i mercati del carbonio sono un modo per cercare di correggere questo problema rimettendo l’ambiente in bilancio).

Pensiero misurato

Il secondo fallimento deriva dal fatto che mentre abbiamo molti parametri comuni per cose come i gas serra e le emissioni, non abbiamo un modo concordato per misurare e confrontare i nostri atteggiamenti nei confronti del cambiamento climatico. E questo è un divario cruciale, perché qualsiasi risposta efficace all’emergenza avrà bisogno di grandi cambiamenti nelle mentalità individuali e nelle culture collettive.

Fuori bilancio. Shutterstock/Salmone nero

Nella ricerca in corso presso la Cranfield University abbiamo sviluppato quello che chiamiamo un “audit” culturale per fornire misure diverse di questo tipo di atteggiamenti. Il nostro approccio combina indagini su larga scala con interviste approfondite e analisi di documenti organizzativi.

L’audit comporta un’analisi approfondita della cultura di un’organizzazione incentrata sugli atteggiamenti nei confronti del cambiamento climatico. Allo stesso modo in cui i contabili effettuano gli audit per riferire sul funzionamento finanziario di un’azienda, un audit culturale valuta gli atteggiamenti. Anche i migliori piani per affrontare il cambiamento climatico falliranno a meno che non tengano conto della cultura.

À lire aussi : COP27: cinque cose da aspettarsi dal vertice delle Nazioni Unite sul clima di quest’anno

Concentrare la nostra attenzione sugli atteggiamenti nei confronti del cambiamento climatico potrebbe aiutarci a fare un prezioso passo indietro rispetto a dibattiti ideologici potenzialmente in stallo. Se potessimo concordare come applicare misure di cultura e atteggiamenti, potremmo comunque guidare cambiamenti drammatici nel comportamento umano.

Tali misure potrebbero quindi fornire informazioni vitali per le autorità di regolamentazione, gli investitori, i potenziali dipendenti e i consumatori. Potrebbero essere la base per incentivi fiscali, concorrenza e allocazione delle risorse.

Supportati dalla legislazione, potrebbero essere alla base di accordi di licenza o di un sistema di multe, o essere al centro di accordi globali urgenti allo stesso modo in cui lo sono i livelli di emissioni al momento. Forse allora, anche se il capitalismo ha causato questo pasticcio, un approccio diverso al capitalismo potrebbe tirarci fuori.