Come prevenire le gravidanze indesiderate può aiutare nella lotta per il clima

51

Ogni anno, circa 36 miliardi di tonnellate di carbonio antropogenico entrano nell’atmosfera, principalmente a causa della combustione di combustibili fossili. Con 8 miliardi di persone sulla Terra, ciò significa che ogni essere umano aggiunge una media di 4,5 tonnellate di carbonio nell’aria ogni anno. E le persone ricche hanno un’impronta molto più grande dei poveri, di un paio di ordini di grandezza.

Troppo spesso ignorato nell’elaborare soluzioni per rallentare il riscaldamento globale è il fatto che un numero considerevole di gravidanze non è intenzionale e molte delle nascite risultanti sono indesiderate. Secondo il Guttmacher Institute, fino a 121 milioni di gravidanze ogni anno non sono intenzionali e si stima che il 10% di tutte le nascite siano “indesiderate”, una conseguenza di aggressione sessuale o di qualche altra forma di concepimento coercitivo, inclusa l’indisponibilità di un parto effettivo controllo o aborto.

Secondo una recente stima, circa 270 milioni di donne in età fertile hanno un bisogno insoddisfatto di contraccezione moderna. Evitare le nascite indesiderate, rendendo la contraccezione e l’aborto liberamente disponibili a livello globale, ridurrebbe significativamente le nascite e quindi (a lungo termine) le emissioni di carbonio generate dall’uomo. Se la popolazione totale del mondo fosse infine ridotta del 10 per cento, ciò ridurrebbe le emissioni di carbonio di 3,6 miliardi di tonnellate all’anno, che è più delle emissioni totali combinate di Germania, Giappone, Brasile, Turchia, Messico e Australia.

Rapporto dopo rapporto, l’IPCC fa poco o nessun accenno alla contraccezione, all’aborto o alla pianificazione familiare.

Ciò che è straordinario, tuttavia, è quanto poco questo sia stato considerato dall’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), il principale organismo mondiale di studiosi che valuta la scienza del riscaldamento globale e le possibili soluzioni. In un rapporto dopo l’altro – dalla Convenzione quadro del 1992 sui cambiamenti climatici agli ultimi risultati dei gruppi di lavoro – l’IPCC fa poca o nessuna menzione di contraccezione, aborto o pianificazione familiare.

Iscriviti alla Newsletter E360 per ricevere aggiornamenti settimanali nella tua casella di posta. Iscrizione.

L’ultimo rapporto dell’IPCC su “Impatti, adattamento e vulnerabilità” (3.675 pagine) non menziona la contraccezione o l’aborto e fa riferimento alla “salute riproduttiva e pianificazione familiare” solo nel contesto del miglioramento della salute e del benessere delle donne e i loro figli. Anche la pianificazione familiare volontaria è stata a malapena citata alla conferenza sul clima dello scorso novembre a Glasgow (COP26), nonostante gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite che richiedano di incorporare “l’accesso universale ai servizi di assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva” nelle strategie nazionali. Tra gli oltre 300 comunicati stampa delle Nazioni Unite di questa conferenza, nessun titolo ha menzionato la contraccezione o la pianificazione familiare.

Troviamo una miopia correlata nelle organizzazioni che promuovono la pianificazione familiare. Nessuna delle agenzie più potenti – le Nazioni Unite, l’Organizzazione mondiale della sanità, la Fondazione Gates o l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale – riconosce i benefici climatici della prevenzione di gravidanze indesiderate. Un “opuscolo dati” del 2019 del Dipartimento per gli affari economici e sociali delle Nazioni Unite (finanziato in parte dalla Fondazione Gates), sottolinea che il 10% delle donne a livello globale ha “un bisogno insoddisfatto di pianificazione familiare”. L’opuscolo sottolinea “l’emancipazione delle donne e delle ragazze”, ma non riconosce un beneficio climatico dalla fine delle gravidanze indesiderate.

Il nostro mondo di dati

Il contesto storico, ovviamente, è cruciale per comprendere questo tabù. Il controllo della popolazione basato sulla razza era un pilastro della politica e della propaganda nazista, e anche nelle Americhe gli eugenetici spingevano duramente per l’eugenetica “positiva” e “negativa”, premiando l’allevamento di alcune popolazioni giudicate superiori e la sterilizzazione di persone giudicate inferiori. Circa 30 stati degli Stati Uniti hanno approvato leggi che consentono la sterilizzazione forzata di chiunque sia ritenuto fisicamente o mentalmente non idoneo, leggi sostenute dalla Corte Suprema degli Stati Uniti.

Anche dopo il crollo del movimento eugenetico, il controllo della popolazione ha avuto una cattiva reputazione a causa degli sforzi sanzionati dallo stato per limitare la fertilità, specialmente nelle parti più povere del mondo. La vasectomia forzata in India negli anni ’70, ad esempio, ha portato a un contraccolpo che ha fatto cadere il governo di Indira Gandhi. Un altro punto di svolta importante è stata la Conferenza internazionale delle Nazioni Unite sulla popolazione e lo sviluppo del 1994 al Cairo, che ha trattato efficacemente qualsiasi tentativo di limitare la crescita della popolazione nei paesi in via di sviluppo come mascherando un’agenda per sopprimere le popolazioni del Sud del mondo.

Di conseguenza, l’attenzione delle agenzie politiche globali si è spostata dal controllo della popolazione alla salute riproduttiva, con l’obiettivo ora di promuovere l’uguaglianza di genere, l’istruzione e l’emancipazione delle donne. Da allora i fondi globali per la pianificazione familiare sono diminuiti, insieme alle giustificazioni ambientali per la pianificazione familiare.

È anche significativo che molte nazioni con politiche pro-natali abbiano alcune delle più alte emissioni di gas serra pro capite.

Un’altra ragione dell’abbandono è stata l’incapacità di considerare la tecnologia riproduttiva, come il controllo delle nascite e l’aborto medico, come parte della tecnologia. L’IPCC, ad esempio, si concentra su come è probabile che il carbonio nell’atmosfera influisca sulla salute e sul benessere umani, ma ignora come la tecnologia riproduttiva umana (e quindi la libertà riproduttiva) potrebbe influenzare le emissioni totali di carbonio. Il gruppo di lavoro III dell’IPCC, ad esempio, esplora le opportunità per mitigare il cambiamento climatico, descrivendo in dettaglio “centinaia di nuovi scenari di mitigazione”. Ma nessuno di questi esplora come l’ampliamento delle libertà riproduttive possa produrre benefici per il clima.

Evitare un “futuro orribile”: dure verità sullo stato del pianeta. Leggi di più.

Elementi di questa miopia risalgono all’inizio degli anni ’70, quando gli ecologisti iniziarono a equiparare “Impatto dell’attività umana sul pianeta” a Popolazione x Ricchezza x Tecnologia (IPAT), con la tecnologia concepita come “impatto per unità di consumo”. Stranamente, la contraccezione in tali modelli non è considerata parte della “tecnologia”. La tecnologia è concepita come una riduzione dell’impatto della produzione e/o del consumo rilevanti per l’effetto serra, con la riproduzione (cioè il parto e quindi la popolazione) trattata come al di fuori dell’ambito dell’intervento umano. La popolazione diventa una causa non causata, un motore immobile, di emissioni.

Un buon esempio di questa svista è il rapporto 2021 dell’IPCC del gruppo di lavoro I, che considera “il ruolo dell’influenza umana” sul clima ignorando del tutto il comportamento riproduttivo umano. “Influenza umana” appare 435 volte in questo rapporto, ma la contraccezione non è menzionata una volta nel volume di 3.949 pagine. Né l’aborto o la riproduzione. La popolazione viene trattata (di nuovo) come un fattore trainante delle emissioni totali, ma viene ignorata come mezzo per “limitare il cambiamento climatico indotto dall’uomo”.

Una donna incinta a Parigi. Le nascite evitate nei paesi ricchi produrranno i maggiori risparmi di carbonio. JOEL SAGET / AFP tramite Getty Images

L’entità di questa sfida è dimostrata dal fatto che più di 50 paesi – tra cui Australia, Cina, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Iran, Giappone, Polonia, Russia, Singapore e Corea del Sud – hanno politiche per aumentare le nascite aliquote tramite incentivi fiscali e “bonus per bambini”. Secondo un recente studio delle Nazioni Unite, la proporzione di paesi con politiche pro-natale è aumentata dal 10% nel 1976 al 28% nel 2015. Il pro-natalismo sanzionato dallo stato, una forma di nazionalismo, è in contrasto con la realtà quella popolazione rimane un fattore determinante per le emissioni globali di gas serra. Significativo è anche che molte nazioni con politiche pro-natali hanno alcune delle più alte emissioni di gas serra pro capite.

Un altro ostacolo è che l’accesso alla contraccezione e all’aborto rimane drammaticamente limitato in molte parti del mondo. Oggi, solo il 37 per cento delle donne vive in paesi in cui l’aborto è disponibile su richiesta. In Africa, si stima che il 92% delle donne viva sotto leggi severamente restrittive; in America Latina la percentuale è vicina al 97%. E molte nazioni vietano completamente l’aborto. L’aborto è attualmente illegale ad Andora, Aruba, Congo, Curaçao, Repubblica Dominicana, Egitto, El Salvador, Haiti, Honduras, Iraq, Giamaica, Laos, Madagascar, Malta, Mauritania, Nicaragua, Filippine, Senegal, Sierra Leone, Suriname , Tonga, Cisgiordania e Striscia di Gaza e (di recente) in molte parti degli Stati Uniti. Molte delle leggi che regolano l’aborto in queste regioni sono resti di un’era coloniale, imposte dai paesi europei che da tempo hanno abbandonato tali leggi restrittive per se stessi.

Ogni nuovo bambino nato nel Regno Unito genererà 35 volte più emissioni di gas serra rispetto a un bambino nato in Bangladesh.

Evitare le gravidanze (e le nascite) indesiderate non dovrebbe, tuttavia, essere immaginato come un’alternativa o un sostituto del bisogno dell’umanità di decarbonizzare radicalmente l’economia globale. La soluzione definitiva al cambiamento climatico è impedire al carbonio fossile di entrare nell’atmosfera; tutte le altre politiche devono essere subordinate a questo obiettivo. La decarbonizzazione richiederà tempo, tuttavia, il che significa che è necessario un approccio “tutte le mani sul ponte”, riconoscendo che alcune soluzioni prendono un morso dal problema più di altre.

Per ridurre la popolazione in modo coerente con i diritti umani e le libertà, dobbiamo riformulare questa opportunità di mitigazione come mezzo per prevenire nascite indesiderate. La riduzione della popolazione in questo modo è coerente con l’allargamento delle libertà umane; ancora una volta, il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di ridurre o eliminare le nascite chiaramente indesiderate.

A livello globale, le gravidanze indesiderate derivano da una miriade di cause, tra cui la mancanza di accesso alla contraccezione, costi proibitivi della contraccezione, contraccezione fallita, aggressioni e violenze sessuali, matrimoni infantili e forzati, opposizione religiosa, leggi che vietano l’aborto, assenza di educazione sessuale e preoccupazioni sul lato effetti della contraccezione chimica. Milioni di bambini nati nel mondo ogni anno sono il risultato di un concepimento coercitivo, il che significa che l’accesso alla contraccezione può aiutare a risolvere la crisi climatica mentre amplia le libertà umane.

Il nostro mondo di dati

Naturalmente, non tutte le nascite sono uguali quando si tratta di impronta di carbonio. Secondo la Banca Mondiale, l’abitante medio di una nazione ad alto reddito contribuisce con 10 tonnellate di carbonio all’anno, mentre la persona media che vive in una nazione a basso reddito contribuisce solo con 0,2 tonnellate. Ciò significa che le nascite evitate nei paesi ricchi si tradurranno in maggiori risparmi di carbonio rispetto alle nascite evitate nelle parti più povere del mondo. Burundi, Etiopia e Papua Nuova Guinea insieme hanno all’incirca la stessa popolazione totale degli Stati Uniti, ma collettivamente contribuiscono solo per circa l’uno per cento al carico di carbonio aggiunto globale, rispetto agli Stati Uniti, che generano il 15 per cento delle emissioni globali di carbonio. Secondo un calcolo, ogni nuovo bambino nato nel Regno Unito genererà 35 volte più emissioni di gas serra rispetto a un bambino nato in Bangladesh.

Perché l’India sta facendo progressi nel rallentare la crescita della sua popolazione. Leggi di più.

Cruciale anche da capire, tuttavia, è che diversi paesi hanno un accesso diverso a un efficace controllo delle nascite e all’aborto. Nella maggior parte dei paesi europei, ad esempio, la contraccezione è inclusa nell’assistenza sanitaria ordinaria e l’aborto è prontamente disponibile. Al contrario, in molti stati degli Stati Uniti, la contraccezione efficace è spesso costosa e l’aborto molto limitato, in particolare dopo che la Corte Suprema a giugno ha annullato il diritto costituzionale di una donna all’aborto quando ha annullato la decisione Roe v. Wade del 1973. Un elevato fabbisogno insoddisfatto di servizi per la salute riproduttiva, insieme a elevate emissioni di CO2 pro capite, crea un’opportunità per una pianificazione familiare più efficace negli Stati Uniti

A livello globale, dobbiamo pensare alla mitigazione del clima in modo più ampio, per includere le tecnologie riproduttive o la loro mancanza. I vantaggi della pianificazione familiare devono essere ampliati per includere il suo valore nell’aiutare a prevenire il cambiamento climatico. È un vantaggio per tutti: salvare il pianeta ampliando le libertà umane.