Come prosperare durante l'incertezza elettorale negli Stati Uniti

87

Nei giorni in cui si sente che l'incertezza è troppo da sopportare, sarebbe saggio prendere appunti da un'umile e gigante alga: le alghe.

Noi terrestri raramente pensiamo alle alghe, ma abbiamo molto in comune con questo amico dell'oceano. Per prima cosa, nessuno di noi due sono piante; kelp è in realtà un tipo di alga chiamata heterokont. Le nostre vite condividono anche inizi e fini simili: entrambi creiamo prole tramite la riproduzione sessuale e, alla fine, le nostre cellule invecchiano e muoiono.

Queste somiglianze dovrebbero ispirarci a sapere che anche noi possiamo essere come alghe nella sua impresa forse più notevole: rimane saldamente radicata tra forze tumultuose al di fuori del suo controllo e, così facendo, crea inavvertitamente un ambiente nutritivo per gli altri.

Kelp è in qualche modo limitato a dove può vivere; poiché è alghe, deve aderire all'acqua salata poco profonda dove può assorbire i raggi del sole. Sfortunatamente, però, queste secche subiscono acque incredibilmente turbolente, troppo agitate per la maggior parte degli organismi da gestire. Queste forze farebbero a pezzi gli esseri umani, dice Sean Grace, un ecologo marino presso la Southern Connecticut State University.

Sebbene le alghe possano essere più felici in un ambiente più calmo, continuano a prosperare. Lo fa essendo sia risoluto che flessibile. Nella parte inferiore delle scorte di alghe ci sono appendici chiamate holdfast, che sono all'altezza dei loro nomi, dice Grace. I Holdfast si fondono con le rocce e si radicano in modo imperturbabile.

Centro del Parco Nazionale degli Stati Uniti

Raggiungere verso l'alto.

I holdfast consentono alle parti di alghe che si estendono fino al cielo, chiamate strisce e lame, di piegarsi alla volontà dell'acqua. Questa flessibilità è ciò che consente loro di sopravvivere, invece di essere portati via e ridotti a brandelli. Anche se sopporta spinte e tirate impreviste, le alghe non smettono mai di raggiungere i raggi del sole.

Ma ecco di più: poiché le alghe si sostengono assorbendo la luce solare, l'acqua e letteralmente tonnellate di anidride carbonica (ripulendo gran parte del nostro lavoro sporco, potrei aggiungere), la sua stabilità crea un habitat per tutti i tipi di vita marina. Lo fa fisicamente, fornendo un nascondiglio affidabile per pesci, crostacei e mammiferi; e biologicamente, fornendo a queste creature il nutrimento di cui hanno bisogno per prosperare.

"Se guardi in tutto il mondo ovunque ci siano foreste di alghe, trovi una maggiore biodiversità, che è un segnale di salute", dice Grace. Più alghe, più altri tipi di vita prosperano.

Non abbiamo chiesto di vivere le tensioni e le tensioni del 2020, né le alghe hanno chiesto di vivere i flussi e gli alti e bassi delle maree. Eppure le alghe sopravvivono e aiutano gli altri a prosperare, come dovremmo noi. Anche se non abbiamo vincoli, abbiamo famiglia e persone care che ci tengono con i piedi per terra. Abbiamo valori fondamentali che ci consentono di tenere d'occhio i nostri obiettivi, anche se siamo trascinati in direzioni indesiderabili. E possiamo fare spazio anche agli altri lungo la strada.

Forse quando Confucio ha fatto riferimento alla forza dell'umile canna verde rispetto alla quercia rigida, intendeva davvero dire "alghe".