Come saranno i nostri parchi nazionali nel 2116?

0
16

L'anno scorso, il National Park Service ha commemorato il suo 100 ° anniversario con una celebrazione di un anno che includeva programmi speciali, un nuovissimo film IMAX, monete da collezione e persino una nuova serie di francobolli. L'NPS ha dato uno sguardo indietro al secolo scorso e ha riconosciuto la conservazione e la protezione delle 417 unità di servizio del parco sparse in ogni stato del paese.

Ora che quei festeggiamenti si sono conclusi, è tempo di guardare a come potrebbero essere i prossimi 100 anni per i parchi della nazione. I parchi della nazione rimarranno rilevanti per una generazione cresciuta con i selfie stick e Siri? Le sponsorizzazioni aziendali ci vedranno consegnare le redini di "America's Best Idea" al miglior offerente? E il cambiamento climatico ci lascerà con qualche parco nazionale da proteggere nei prossimi 100 anni?

Ecco uno sguardo ad alcuni dei principali problemi che dovranno affrontare i parchi della nostra nazione nel prossimo secolo:

Il cambiamento climatico interesserà tutti i parchi

Ho parlato con i dipendenti del parco dei parchi nazionali di tutto il paese e il cambiamento climatico è il più grande problema di conservazione sul loro radar per il prossimo futuro. Dall'innalzamento del livello del mare nel Parco nazionale delle Everglades ai cambiamenti glaciali nel Parco nazionale di Kenai Fjords, i gestori del parco prevedono grandi cambiamenti a seguito delle fluttuazioni di temperatura e meteorologiche che accompagneranno i cambiamenti climatici.

Allo Shenandoah National Park, i funzionari del parco notano che l'aumento delle temperature nei torrenti ha già avuto un impatto sui pesci nativi. Sono anche preoccupati che il cambiamento climatico porterà a un aumento di siccità, inondazioni e incendi. Il personale dell'Assateague Island National Seashore, un parco nazionale che comprende una catena di isole barriera al largo delle coste del Maryland e della Virginia, si aspetta di sentire in prima persona gli effetti del cambiamento climatico. L'innalzamento del livello del mare e le tempeste più intense possono produrre nuove spiagge e insenature mentre distruggono vecchi habitat, minacciando specie come il piviere e l'amaranto della spiaggia del mare. Nella Golden Gate National Recreation Area in California, i funzionari del parco prevedono ondate di calore, inondazioni costiere ed erosione e distruzione dell'habitat in risposta ai cambiamenti climatici.

Temperature più calde possono attirare più visitatori

In tutto il paese, molti – ma non tutti – i parchi nazionali prevedono un aumento delle presenze grazie alle temperature più elevate causate dai cambiamenti climatici. Ma alcuni parchi, in particolare quelli situati in luoghi caldi o caldi come Arches National Park nello Utah o Big Cypress National Preserve in Florida, probabilmente vedranno una diminuzione delle presenze con l'aumento delle temperature.

Quindi, se le persone affollano ancora i parchi nazionali tra 100 anni, che aspetto avranno quei visitatori? Accanto al cambiamento climatico, la diversità potrebbe essere il problema più grande che dovrà affrontare il servizio dei parchi nazionali nel prossimo secolo, perché per dirla senza mezzi termini, non ne ha. Al momento, il visitatore medio del parco è anziano (oltre i 50 anni) e bianco. Senza una base di fan, i parchi nazionali potrebbero diventare irrilevanti per la prossima generazione di amministratori ambientali.

"Ci sono momenti in cui sembra che i parchi nazionali non siano mai stati così superati come nell'era dell'iPhone", ha detto l'ex direttore dell'NPS Jonathan Jarvis in un discorso che ha portato al centenario. "I parchi nazionali rischiano l'obsolescenza agli occhi. di una fascia demografica sempre più diversificata e distratta ".

Proprio per questo motivo, il servizio del parco ha investito molto nell'attrarre giovani e minoranze alle sue porte. Nuovi opuscoli e segnaletica per i parchi nazionali presentano visitatori di tutte le forme, età e colori che si godono i parchi in modi diversi. E un'iniziativa chiamata Every Kid in the Park, che offre pass gratuiti per il parco a livello nazionale a ogni bambino di quarta elementare e alle loro famiglie, spera di riportare i parchi nazionali nella lista dei desideri delle destinazioni di vacanza di ogni famiglia.

Gli studi dimostrano che l'investimento potrebbe dare i suoi frutti. In un recente sondaggio AAA, il 46% dei millennial ha notato che era più che probabile che visitasse un parco nazionale nel prossimo anno. Questo è più della generazione Xers o anche dei baby boomer. Tale interesse potrebbe essere stato stimolato da tutto il fermento attorno al centenario dell'NPS, ma i funzionari del parco sperano che anche una sola visita a un parco nazionale susciti un interesse che potrebbe portare a una relazione amorosa per tutta la vita.

Un'altra cosa che i parchi stanno facendo per raggiungere le giovani generazioni è abbracciare gli schermi. Sembra controintuitivo: togliere i bambini dai loro schermi dando loro più schermi. Per anni il servizio del parco ha storcere il naso a questo approccio. Dopotutto, i parchi dovevano essere i posti dove vai per sfuggire alla tecnologia, non per abbracciarla, giusto?

Ma il servizio del parco ha scoperto che anche qualcosa di semplice come avere un servizio cellulare nel backcountry può aiutare i potenziali visitatori a sentirsi più a proprio agio nel fare una passeggiata nei boschi. E di certo non fa male quando ai visitatori capita anche di scatti panoramici di Instagram dalla loro escursione. Quando l'attrice e cantante 19enne Bella Thorne ha detto ai suoi 6,5 milioni di follower di #findyourpark, l'impatto è stato immediato.

Con i loro paesaggi mozzafiato e l'atmosfera pronta per l'avventura, i parchi della nazione sono fatti per i social media e i funzionari del parco sono pronti ad abbracciare questo concetto. "Stiamo facendo tutto il possibile per fare in modo che il volto dei parchi nazionali rifletta il volto degli Stati Uniti", ha detto Sally Jewell, l'ex Segretario degli Interni, in un'intervista al National Geographic.

I visitatori si comportano male

Quando il Parco Nazionale di Yellowstone fu designato come il primo parco nazionale della nazione nel 1872, il Congresso non aveva ancora stabilito fondi per il personale o per proteggere la sua nuova risorsa. Di conseguenza, i visitatori del parco hanno regolarmente cacciato via, saccheggiato e vandalizzato l'area fino a quando non sono intervenuti i militari.

Oggi, bracconieri e vandali mirano ancora a lasciare il segno sulle risorse naturali e culturali protette dal National Park Service, ma l'NPS ora ha un proprio ramo di forze dell'ordine che hanno il compito di proteggere quelle risorse per (e spesso dal) parco visitatori. Ci sono ancora molte storie di persone che tentano di nutrire gli orsi o accarezzare il bisonte o vandalizzare antiche pareti rocciose, ma come si vede da questa storia, i social media stanno rendendo più facile catturare e perseguire gli aspiranti violatori del parco che non possono sembrare resistere alla documentazione dei loro crimini.

E poi c'è quel backlog di manutenzione

Ovviamente un problema che potrebbe essere più grande sia del cambiamento climatico che della diversità per i parchi nazionali è il finanziamento. L'anno scorso, Jarvis ha emesso un nuovo ordine che per la prima volta ha consentito ai parchi nazionali di perseguire sponsorizzazioni aziendali come un modo per colmare le carenze di budget, come quel backlog di manutenzione da 11,9 milioni di dollari. Al momento, la sponsorizzazione è limitata a cartelli e determinati oggetti esposti, ma i detrattori avvertono che si tratta di un pendio scivoloso e che invita l'idea di cedere i parchi a società private.

Nonostante l'opposizione degli oltre 200.000 che hanno firmato petizioni e si sono espressi contro la direttiva, la nuova politica è entrata in vigore alla fine del 2016. Con carenze di bilancio e mantenimento ai massimi storici, è probabile che questo tipo di partnership diventerà solo più probabile in futuro.

I prossimi 100 anni

Nonostante alcune grandi preoccupazioni, il futuro del National Park Service sembra promettente. Il cambiamento climatico avrà sicuramente il suo pedaggio, ma i gestori dei parchi stanno lavorando per adattarsi a questi cambiamenti man mano che si presentano. E le generazioni più giovani stanno cercando nuovi modi per esplorare i parchi della nazione e farli propri.

Con un rinnovato livello di interesse e con l'aiuto di alcune sponsorizzazioni aziendali, i parchi potrebbero essere in grado di rimanere rilevanti e quindi protetti per il prossimo secolo. I parchi della nazione potrebbero avere un aspetto diverso nei prossimi 100 anni, ma è ancora probabile che rimangano "la migliore idea d'America".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui