Con il cambiamento climatico, ci saranno ancora i Mondiali di calcio nel 2100?

47

Molti importanti raduni sportivi sono stati sconvolti da eventi meteorologici estremi negli ultimi anni. Un tifone ha costretto al rinvio di diverse partite durante la Coppa del mondo di rugby 2019 in Giappone. L’aria è diventata irrespirabile durante gli Australian Tennis Open 2020 a causa degli incendi boschivi. La maratona olimpica è stata spostata più a nord per sfuggire al caldo opprimente di Tokyo. E la situazione è simile per le Olimpiadi invernali, il cui futuro è incerto.

Il mondo del calcio non sarà risparmiato.

A partire dal 20 novembre, le migliori squadre nazionali, tra cui quella canadese, si ritroveranno in Qatar per competere nella 22a edizione della Coppa del mondo di calcio. Per la prima volta nella sua storia, la manifestazione – oggetto di critiche sociali e ambientali – si svolgerà a fine autunno a causa delle alte temperature che colpiscono il Paese durante l’estate, e che potrebbero pregiudicare la salute degli spettatori e atleti.

Ci saranno ancora i Mondiali di calcio nel 2100? Che impatto ha l’inquinamento sulle prestazioni dei giocatori? Dovremo scegliere tra il nostro amore per il calcio e la lotta al cambiamento climatico?

Come ricercatori nelle scienze dell’attività fisica, ci proponiamo di fare luce sugli impatti dei cambiamenti climatici sul futuro del calcio.

Calcio: vittima o collaboratore del cambiamento climatico?

La combinazione di dati storici e attuali scenari di emissione rivela che l’innalzamento del livello del mare, l’intensificarsi delle ondate di calore, l’aumento del rischio di megaincendi, inondazioni e il deterioramento della qualità dell’aria rappresentano tutti gravi minacce sia per il calcio amatoriale che per quello professionistico. Tuttavia, il calcio non è solo una vittima del cambiamento climatico. È anche un contributo significativo, come dimostra l’impronta di carbonio annuale dei giocatori della Premier League (campionato di calcio inglese), stimata in 29 tonnellate di CO₂ equivalenti, e questo solo per il viaggio che comporta.

Si tratta di quasi tre volte l’impronta di carbonio annuale dei cittadini del Regno Unito e supera di gran lunga l’obiettivo globale di due tonnellate per persona, fissato per rispettare gli impegni dell’accordo di Parigi (COP21).

Interruzione di una partita in Brasile a causa di un incendio, 2019. Screenshot di YouTube

Calore, condizioni meteorologiche e inondazioni: quali sono gli impatti sulla pratica?

A breve termine, le preoccupazioni riguardano principalmente la bassa qualità dell’aria e il caldo, che potrebbero influire sulla salute di spettatori, operatori sportivi e atleti, nonché sulle loro prestazioni. Alcune associazioni sportive come la Major League Soccer (MLS) o l’Alberta Soccer in Canada hanno già stabilito soglie di sicurezza per regolamentare lo svolgimento di eventi durante eventi con clima caldo e picchi di inquinamento.

Poiché si stima che queste condizioni diventeranno più frequenti nel prossimo futuro (si prevede che la colonnina di mercurio supererà i 30°C per più di 50 giorni all’anno in diverse città canadesi, tra cui Montreal e Toronto, entro il 2050-2080), è possibile stimare un maggior numero di rinvii e annullamenti di allenamenti e partite. C’è anche il potenziale impatto degli incendi sulle infrastrutture e il deterioramento dei campi in erba naturale a causa della siccità e delle restrizioni di irrigazione estive. Questi campi potrebbero risentire anche di condizioni invernali sempre più rigide.

Uno studio del 2013 in Inghilterra riportava già una perdita da tre a 13 settimane di utilizzo di alcune piazzole naturali a causa di piogge più intense. A lungo termine, è probabile che l’innalzamento degli oceani e le inondazioni più frequenti rappresentino una minaccia temporanea o permanente per le operazioni dei club, mettendo a repentaglio il futuro del calcio in alcune parti del mondo se le emissioni di gas serra seguiranno la tendenza attuale.

Secondo un rapporto basato su modelli, entro il 2016 gli stadi di 23 squadre professionistiche in Inghilterra potrebbero subire allagamenti parziali o totali in ogni stagione. Tali eventi si sono già verificati a Montpellier, in Francia (2014) ea Carlisle, in Inghilterra (2015), rendendo i terreni inagibili per diversi mesi.

Uomini che trasportano tavole guadano un campo da calcio allagato nel quartiere Jukyty di Asuncion, Paraguay, il 4 aprile 2019. Più di 20.000 persone sono state evacuate dopo che le piogge torrenziali hanno causato vaste inondazioni. (Foto AP/Jorge Saenz)

In alcuni contesti i campi sintetici offrono un’interessante alternativa quando un campo naturale è indisponibile o troppo degradato; inoltre, possono essere utilizzati per un periodo più lungo dell’anno. Tuttavia, i dati mostrano che questi campi tendono a creare isole di calore, con una temperatura superficiale che può essere da 12°C a 22°C superiore alla temperatura di un’erba naturale. Questo livello di temperatura aumenta lo stress da calore sperimentato dagli atleti e, quindi, aumenta i rischi per la loro salute e le loro prestazioni. Lo stesso vale per la salute di arbitri, allenatori e membri del pubblico.

Impatti sulla salute e sulle prestazioni del giocatore

L’inquinamento atmosferico influisce negativamente sulla quantità e sulla qualità dei passaggi, sulla distanza percorsa e sugli sforzi ad alta intensità dei giocatori professionisti. Il picco di inquinamento potrebbe persino ridurre drasticamente il numero di gol segnati durante le partite.

Esistono prove empiriche osservate da diversi decenni che le possibilità di vincita sono maggiori quando si gioca in casa. In una città inquinata, questo aumento si accentua quando la squadra avversaria proviene da una città meno inquinata. Come mai? Perché la squadra ospitante è abituata a un inquinamento atmosferico medio più elevato, e quindi le sue prestazioni ne risentono meno.

Il caldo e la disidratazione possono incidere anche sulle prestazioni degli atleti e, di conseguenza, sulla qualità dei giochi e dello spettacolo offerto. Tuttavia, le analisi delle partite della Coppa del Mondo 2014 in Brasile suggeriscono che la qualità del gioco non è stata influenzata dal caldo opprimente. Tuttavia, questi risultati dovrebbero essere interpretati con cautela, poiché gli atleti di alto livello generalmente tollerano meglio il caldo e la disidratazione rispetto agli individui non allenati.

Pertanto, è possibile che gli atleti dilettanti o i giocatori più anziani con condizioni di salute specifiche sperimentino più effetti negativi sulla salute e sulle loro prestazioni.

Le giocatrici della squadra di calcio femminile giapponese si idratano durante l’allenamento alla vigilia della partita tra Giappone e Nuova Zelanda ai Mondiali femminili di Bochum, in Germania, il 26 giugno 2011. (AP Photo/Martin Meissner)

Urgente bisogno di cambiamento: da reattivo a proattivo

Con le sue dimensioni e la capacità di raggiungere un vasto pubblico, il calcio può svolgere un ruolo importante nell’attuale transizione ecologica, anche attraverso la mitigazione dei cambiamenti climatici e le strategie di adattamento.

La Fédération Internationale de Football Association (FIFA) è stata una delle prime federazioni sportive internazionali a impegnarsi nel quadro di azione sportiva per il clima delle Nazioni Unite, sviluppando la propria strategia climatica. Concretamente, la FIFA ha stabilito diverse iniziative che ruotano attorno a tre obiettivi principali: 1) rendere il calcio pronto per l’azione per il clima; 2) proteggere i tornei iconici dagli impatti negativi del cambiamento climatico; e 3) garantire lo sviluppo di un calcio resiliente.

Sulla scia di ciò, per mitigare gli impatti dei cambiamenti climatici sulle proprie operazioni, il mondo del calcio dovrà passare molto rapidamente da un approccio reattivo a uno proattivo, mettendo in atto azioni:

  • Vietare gli sponsor di combustibili fossili;

  • Riorganizzare le competizioni per ridurre gli spostamenti di atleti e tifosi richiedendo alle leghe professionistiche nazionali di raccomandare viaggi in treno per brevi tragitti;

  • Incoraggiare il trasporto pubblico o condiviso per tifosi e atleti dilettanti;

  • Ridurre la vulnerabilità di giocatori e spettatori adattando regolamenti e attività: pause di allenamento più frequenti, possibilità di apportare più modifiche durante le partite, revisione delle regole relative alla durata delle partite in caso di pareggio, spostamento delle partite in orari più freddi della giornata.

Poiché il calcio non è l’unico sport che è sia vittima che attore del cambiamento climatico, è necessaria un’azione urgente da parte della comunità sportiva nel suo insieme per continuare a giocare in modo sicuro e divertente.