Cosa ha funzionato e le tendenze future

78

Nel 1972, la pioggia acida stava distruggendo gli alberi. Gli uccelli stavano morendo a causa dell’avvelenamento da DDT e i paesi erano alle prese con fuoriuscite di petrolio, contaminazione da test sulle armi nucleari e danni ambientali della guerra del Vietnam. L’inquinamento atmosferico stava attraversando i confini e danneggiando i paesi vicini.

Su sollecitazione della Svezia, le Nazioni Unite hanno riunito rappresentanti di paesi di tutto il mondo per trovare soluzioni. Quel vertice – la Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente umano, tenutasi a Stoccolma 50 anni fa dal 5 al 16 giugno 1972 – segnò il primo sforzo globale per trattare l’ambiente come una questione politica mondiale e definire i principi fondamentali per la sua gestione.

La Conferenza di Stoccolma è stata un punto di svolta nel modo in cui i paesi hanno pensato al mondo naturale e alle risorse che tutte le nazioni condividono, come l’aria.

Ha portato alla creazione del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente per monitorare lo stato dell’ambiente e coordinare le risposte ai principali problemi ambientali. Ha anche sollevato questioni che continuano a sfidare i negoziati internazionali fino ad oggi, come chi è responsabile della pulizia dei danni ambientali e quanto ci si può aspettare che facciano i paesi più poveri.

La Conferenza di Stoccolma iniziò il 5 giugno 1972. Foto delle Nazioni Unite/Yutaka Nagata

Nel 50° anniversario della Conferenza di Stoccolma, diamo un’occhiata a dove ha portato mezzo secolo di diplomazia ambientale e alle questioni che emergono per i prossimi decenni.

La conferenza di Stoccolma, 1972

Dal punto di vista della diplomazia, la Conferenza di Stoccolma è stata un risultato importante.

Ha spinto i confini di un sistema delle Nazioni Unite che si basava sul concetto di sovranità statale e ha sottolineato l’importanza di un’azione congiunta per il bene comune. La conferenza ha riunito rappresentanti di 113 paesi, nonché di agenzie delle Nazioni Unite, e ha creato una tradizione di inclusione di attori non statali, come i gruppi di difesa dell’ambiente. Ha prodotto una dichiarazione che includeva principi per guidare la gestione ambientale globale in futuro.

Un video delle Nazioni Unite ha catturato scene all’interno e intorno alla Conferenza di Stoccolma, inclusi giovani manifestanti e il discorso del primo ministro indiano Indira Gandhi.

La dichiarazione riconosceva esplicitamente il “diritto sovrano degli Stati a sfruttare le proprie risorse in conformità alle proprie politiche ambientali, e la responsabilità di garantire che le attività sotto la loro giurisdizione o controllo non causino danni all’ambiente di altri Stati o di aree oltre i limiti di giurisdizione nazionale”. Un piano d’azione ha rafforzato il ruolo delle Nazioni Unite nella protezione dell’ambiente e ha stabilito l’UNEP come autorità globale per l’ambiente.

La Conferenza di Stoccolma ha anche messo in luce la disuguaglianza globale. Il primo ministro indiano Indira Gandhi ha messo in dubbio l’urgenza di dare la priorità alla protezione ambientale quando così tante persone vivevano in povertà. Altri paesi in via di sviluppo condividevano le preoccupazioni dell’India: questo nuovo movimento ambientalista impedirebbe alle persone povere di utilizzare l’ambiente e rafforzerebbe la loro privazione? E i paesi ricchi che hanno contribuito al danno ambientale fornirebbero finanziamenti e assistenza tecnica?

Il Vertice della Terra, 1992

Vent’anni dopo, la Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo del 1992 – il Vertice della Terra – a Rio de Janeiro ha fornito una risposta. Ha abbracciato lo sviluppo sostenibile, uno sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni. Ciò ha aperto la strada al consenso politico in diversi modi.

Le conferenze delle Nazioni Unite come il Vertice della Terra, tenutosi dal 3 al 14 giugno 1992, attirano l’attenzione globale sui problemi ambientali. Antonio Ribeiro/Gamma-Rapho via Getty Images, 1992

In primo luogo, il cambiamento climatico stava rendendo chiaro che le attività umane possono alterare in modo permanente il pianeta, quindi la posta in gioco era alta per tutti. L’imperativo era stabilire una nuova partnership globale che mobiliti stati, settori chiave delle società e persone per proteggere e ripristinare la salute degli ecosistemi della Terra.

In secondo luogo, lo sviluppo economico, la protezione dell’ambiente e lo sviluppo sociale sono stati trattati come interdipendenti.

Infine, mentre ci si aspettava che tutti i paesi perseguissero lo sviluppo sostenibile, è stato riconosciuto che i paesi sviluppati avevano maggiori capacità di farlo e che le loro società esercitavano maggiori pressioni sull’ambiente.

I giovani al Vertice della Terra del 1992 hanno protestato contro il nucleare. Antonio Ribeiro/Gamma-Rapho via Getty Images, 1992

L’Earth Summit ha prodotto la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, ponendo le basi per i negoziati globali sul clima che continuano ancora oggi; la Convenzione sulla Diversità Biologica; Principi forestali non vincolanti; e un piano d’azione globale per la transizione verso la sostenibilità.

Progressi, ma grandi sfide da affrontare

La crescente consapevolezza delle sfide ambientali negli ultimi 50 anni ha portato alla diffusione delle agenzie ambientali nazionali e alla crescita del diritto ambientale globale.

Il mondo si è unito per fermare la distruzione dello strato di ozono, eliminare gradualmente la benzina con piombo e frenare gli inquinanti provenienti dalla combustione di combustibili fossili che creano piogge acide. Nel 2015, i paesi membri delle Nazioni Unite hanno adottato 17 obiettivi di sviluppo sostenibile con obiettivi misurabili e hanno firmato l’accordo di Parigi sul clima. I paesi nel 2022 si sono impegnati a sviluppare un trattato per ridurre l’inquinamento da plastica. Anche i cambiamenti climatici e l’uso sostenibile delle risorse sono diventati priorità più importanti nella definizione della politica estera, nelle organizzazioni internazionali e nei consigli di amministrazione delle aziende.

Ma mentre la diplomazia ambientale ha dimostrato che il progresso è possibile, le sfide che il mondo deve ancora affrontare sono immense.

Le concentrazioni di gas serra sono ancora in aumento e le temperature in aumento stanno alimentando incendi devastanti, ondate di calore e altri disastri. Più di un milione di specie vegetali e animali sono minacciate di estinzione, portando potenzialmente alla peggiore perdita di vite umane sul pianeta dai tempi dei dinosauri. E il 99% della popolazione mondiale respira aria che supera le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per gli inquinanti.

I prossimi 50 anni: tendenze da tenere d’occhio

Mentre la diplomazia ambientale si avvia ai suoi prossimi 50 anni, i cambiamenti climatici, la biodiversità e gli effetti sulla salute umana sono in cima all’agenda. Ecco alcune tendenze più recenti che meritano anche di essere osservate.

L’idea di un’economia circolare sta guadagnando interesse. Le persone producono, consumano e buttano via miliardi di tonnellate di materiali ogni anno, riciclando o riutilizzando solo una piccola percentuale. Gli sforzi in corso per creare un’economia più circolare, che elimini gli sprechi e mantenga i materiali in uso, possono aiutare a mitigare i cambiamenti climatici e ripristinare i sistemi naturali.

La difesa dei diritti della natura e dei diritti degli animali sta diventando sempre più importante nella diplomazia ambientale.

Lo spazio esterno è un altro tema, poiché diventa sempre più un dominio di esplorazione umana e ambizioni di insediamento con la crescita dei viaggi spaziali privati. La spazzatura spaziale si sta accumulando e minacciando lo spazio orbitale terrestre e l’esplorazione di Marte solleva nuove domande sulla protezione degli ecosistemi spaziali.

Il 50° anniversario della Conferenza di Stoccolma è un’importante opportunità per riflettere sui diritti e le responsabilità dello sviluppo per il futuro, utilizzando oggi la diplomazia ambientale per preservare e rigenerare la Terra.