Cosa significa il governo di Liz Truss per l’azione per il clima

48

Da quando il cambiamento climatico è apparso nell’agenda politica, c’è stato un consenso generale sulla necessità di una risposta decisa. Sebbene l’attuazione della politica climatica sia rimasta indietro nell’ultimo decennio, quel consenso di base ha resistito. Il nuovo governo di Liz Truss lo mette seriamente a dura prova.

Ci sono una serie di componenti di cui preoccuparsi. Prima di tutto, il compito di coordinare la politica climatica è andato a Jacob Rees-Mogg, un uomo con una storia di negazionismo climatico che continua a denunciare “l’allarmismo climatico”. È aperto nella sua ostilità verso la ricerca dello zero netto e sfacciato nel suo sostegno ai combustibili fossili.

Anche vari altri membri del nuovo governo si oppongono attivamente a una politica climatica ambiziosa. Steve Baker, critico della strategia del governo per lo zero netto e fondatore del Net Zero Scrutiny Group, che lavora per minare l’azione per il clima, è ora un ministro del governo. Anche due dei principali consiglieri di Truss hanno problemi climatici.

La stessa primo ministro ha ampi legami con le organizzazioni che si oppongono all’azione per il clima. È anche una sostenitrice vocale del ruolo del gas come combustibile di transizione.

Truss è più ideologica del suo predecessore. L’opportunismo di Boris Johnson ha spesso creato aperture per l’azione per il clima che servivano altri elementi della sua agenda. Il suo sostegno alla produzione di turbine eoliche in sedili con pareti rosse ne è la prova. Spinto da un impegno ideologico per il “libero mercato”, è meno probabile che Truss adotti un simile approccio.

Ci sono alcuni appuntamenti che offrono ottimismo. Il nuovo sottosegretario per il cambiamento climatico, Graham Stuart, ha costantemente spinto per le energie rinnovabili. Mentre l’ex ministro del clima, Chris Skidmore, è stato nominato per guidare una revisione della strategia net zero del Regno Unito.

Tuttavia, la decisione di selezionare un gabinetto leale con credenziali ambientali discutibili indica un netto allontanamento dai precedenti impegni per l’azione per il clima.

Risposta alimentata a combustibili fossili alla crisi energetica

La risposta del nuovo governo alla crisi energetica finora è stata quella di aumentare l’offerta di combustibili fossili. Ingvar Tjostheim/Shutterstock

La risposta del nuovo governo alla crisi energetica riflette questo. Finora, l’attenzione si è concentrata sull’espansione della fornitura di combustibili fossili. Sono in fase di approvazione fino a 130 nuove licenze per la perforazione di petrolio e gas nel Mare del Nord, mentre sono stati annunciati piani per annullare la moratoria sul fracking.

Né il fracking né l’esplorazione del gas nel Mare del Nord avranno un impatto immediato sui prezzi del gas naturale. La nuova produzione non entrerà in funzione immediatamente e anche quando lo farà l’offerta rimarrà relativamente piccola.

La retorica populista sulla protezione delle persone dall’aumento dei costi ha visto incolpare pompe di calore, veicoli elettrici e energie rinnovabili. Tuttavia, i 130 miliardi di sterline presi in prestito per limitare le bollette energetiche aiuteranno le società energetiche molto più delle famiglie povere.

Queste azioni mineranno i tentativi di eliminare il consumo di combustibili fossili, consolidando invece una maggiore capacità per gli anni a venire. Ci si può anche aspettare che le compagnie petrolifere e del gas resistano ferocemente ai futuri tentativi di invertire questa mossa.

Misure coerenti con lo zero netto hanno invece il potenziale per affrontare la crisi energetica e dovrebbero essere prioritarie. Il miglioramento dell’efficienza energetica, l’isolamento degli alloggi e l’accelerazione dell’abbandono del gas naturale potrebbero avere un impatto immediato sulla domanda di energia. Tuttavia, queste misure minerebbero le industrie petrolifere e del gas alle quali il nuovo governo è alleato, rendendone improbabile l’adozione.

Quanto è grave la minaccia?

L’attenuazione della politica climatica del Regno Unito dipende da fattori al di fuori del controllo immediato del primo ministro.

La legislazione, compreso il Climate Change Act, è stata finora efficace nel limitare i governi dalla ricaduta. La sua struttura di budget quinquennali del carbonio e il controllo esterno hanno generalmente consentito alla politica di andare avanti.

C’è anche un sostegno organizzato per l’azione per il clima all’interno del partito conservatore. L’influente Conservative Environment Network, con un’adesione di 133 parlamentari e 17 membri della Camera dei Lord, resiste ai capovolgimenti sull’azione per il clima. Hanno immediatamente fatto pressione sul nuovo governo per i loro impegni netti zero.

L’efficacia con cui si oppongono ai cambiamenti politici dipenderà da vari fattori, comprese le loro ambizioni politiche e la situazione elettorale. Tuttavia, il fracking e l’espansione della produzione di combustibili fossili sono profondamente impopolari presso il pubblico, il che aiuterà ulteriormente il gruppo. Il sostegno parlamentare organizzato all’azione per il clima, se si concretizza, può limitare fino a che punto la politica climatica può essere minata.

La situazione in cui si trova il nuovo primo ministro è sia nuova che politicamente delicata. È il primo primo ministro ad essere eletto contro la volontà della maggioranza dei parlamentari del suo stesso partito. Ciò potrebbe indebolire la sua capacità di approvare la legislazione. La decisione di selezionare un gabinetto leale, formando una gamma ristretta di opinioni può intensificare il problema che deve affrontare.

Sebbene il nuovo governo rappresenti una minaccia per l’azione del Regno Unito sui cambiamenti climatici, la loro capacità di infliggere danni alla politica climatica sarà limitata. Tuttavia, permangono rischi immediati per quanto riguarda la produzione ampliata di idrocarburi. Ciò mina il perseguimento dello zero netto mentre fa poco per alleviare la pressione sui prezzi dell’energia.