Dibattito naturale: le foreste crescono meglio con il nostro aiuto o senza?

0
59

Quando Susan Cook-Patton stava facendo un post-dottorato in ripristino delle foreste presso lo Smithsonian Environmental Research Center nel Maryland sette anni fa, dice di aver aiutato a piantare 20.000 alberi lungo la baia di Chesapeake. È stata una lezione salutare. "Quelle che sono cresciute meglio sono state per lo più quelle che non abbiamo piantato", ricorda. “Sono semplicemente cresciuti naturalmente sul terreno che avevamo messo da parte per la semina. Sono spuntate molte cose intorno. È stato un buon promemoria che la natura sa cosa sta facendo ".

Ciò che è vero per Chesapeake Bay è probabilmente vero in molti altri posti, dice Cook-Patton, ora a The Nature Conservancy. A volte, dobbiamo solo dare spazio alla natura per ricrescere naturalmente. La sua conclusione segue un nuovo studio globale che rileva che il potenziale per la ricrescita naturale delle foreste di assorbire il carbonio atmosferico e combattere il cambiamento climatico è stato seriamente sottovalutato.

Piantare alberi è di gran moda in questo momento. Il Forum economico mondiale di quest'anno a Davos, in Svizzera, ha chiesto al mondo di piantare un trilione di alberi. In una delle sue poche azioni per affrontare i problemi climatici, l'amministrazione degli Stati Uniti – con il supporto di aziende e organizzazioni non profit come American Forests – il mese scorso ha promesso di contribuire con quasi un miliardo di loro – 855 milioni, per la precisione – attraverso circa 2,8 milioni acri.

L'Unione Europea quest'anno ha promesso 3 miliardi di alberi in più nell'ambito di un Green Deal; e gli impegni mondiali esistenti nell'ambito della Bonn Challenge del 2011 e dell'Accordo sul clima di Parigi del 2015 hanno fissato obiettivi per ripristinare più di 850 milioni di acri di foreste, principalmente attraverso la semina. Questa è un'area leggermente più grande dell'India e offre spazio per circa un quarto di trilione di alberi.

Lo studio ha scoperto che la rigenerazione naturale può catturare più carbonio in modo più rapido e sicuro rispetto alle piantagioni di alberi.

La semina è ampiamente vista come una vitale "soluzione basata sulla natura" al cambiamento climatico – un modo per moderare il cambiamento climatico nei prossimi tre decenni mentre il mondo lavora per realizzare un'economia a zero emissioni di carbonio. Ma c'è un respingimento.

Nessuno condanna gli alberi. Ma alcuni critici sostengono che una spinta aggressiva per raggiungere obiettivi di piantagione fornirà copertura ambientale per l'accaparramento di terreni per coprire centinaia di milioni di acri con piantagioni di monocoltura di una manciata di specie commerciali a crescita rapida e spesso non autoctone come acacia, eucalipto e pino. Altri chiedono: perché piantare, quando spesso possiamo semplicemente lasciare la terra affinché le foreste vicine possano seminare e ricolonizzare? La natura sa cosa coltivare e lo fa meglio.

Il nuovo studio di Cook-Patton, pubblicato su Nature e co-autore di ricercatori di 17 organizzazioni accademiche e ambientali, afferma che le stime del tasso di accumulo di carbonio dovuto alla ricrescita delle foreste naturali, approvate lo scorso anno dall'Intergovernmental Panel on Climate Change delle Nazioni Unite, sono in media 32 per cento troppo basso, una cifra che sale al 53 per cento per le foreste tropicali.

Lo studio è il tentativo più dettagliato fino ad ora di mappare dove le foreste potrebbero ricrescere naturalmente e di valutare il potenziale di quelle foreste di accumulare carbonio. "Abbiamo esaminato quasi 11.000 misurazioni dell'assorbimento di carbonio dalle foreste in ricrescita, misurate in circa 250 studi in tutto il mondo", ha detto Cook-Patton a Yale Environment 360.

Nuova vegetazione cresce tra gli alberi bruciati in Amazzonia, nello stato di Para, in Brasile.
ANTONIO SCORZA / AFP tramite Getty Images

Ha scoperto che gli attuali tassi di accumulo di carbonio variano di un fattore cento, a seconda del clima, del suolo, dell'altitudine e del terreno. Questo è molto maggiore di quanto valutato in precedenza. "Anche all'interno dei paesi c'erano enormi differenze". Ma nel complesso, oltre ad essere migliore per la biodiversità, lo studio ha mostrato che la rigenerazione naturale può catturare più carbonio in modo più rapido e sicuro rispetto alle piantagioni.

Il cambiamento climatico stravolgerà le proiezioni della futura crescita delle foreste? Leggi di più.

Cook-Patton concorda sul fatto che con l'accelerazione del cambiamento climatico nei prossimi decenni, i tassi di accumulo di carbonio cambieranno. Ma mentre alcune foreste cresceranno più lentamente o addirittura moriranno, altre probabilmente cresceranno più velocemente a causa dell'effetto di fertilizzazione di più anidride carbonica nell'aria, un fenomeno esistente a volte chiamato greening globale.

Lo studio ha identificato fino a 1,67 miliardi di acri che potrebbero essere accantonati per consentire agli alberi di ricrescere. Ciò esclude la terra coltivata o edificata, insieme a preziosi ecosistemi esistenti come le praterie e le regioni boreali, dove gli effetti del riscaldamento della foresta oscura superano i benefici del raffreddamento dell'assorbimento di carbonio.

Combinando la mappatura e i dati sull'accumulo di carbonio, Cook-Patton stima che la ricrescita delle foreste naturali potrebbe catturare nella biomassa e nel suolo 73 miliardi di tonnellate di carbonio da qui al 2050. Ciò equivale a circa sette anni di emissioni industriali attuali, rendendola "la più grande soluzione climatica naturale. "

Cook-Patton ha affermato che le stime locali dell'accumulo di carbonio dello studio colmano un'importante lacuna di dati. Molti paesi intenti a coltivare foreste per immagazzinare carbonio hanno dati su ciò che può essere ottenuto piantando, ma mancano di dati equivalenti per la rigenerazione naturale. “Continuavo a ricevere email da persone che mi chiedevano da quale carbonio avrebbero ottenuto [natural] progetti di rimboschimento ", dice. "Dovevo continuare a dire: 'Dipende'. Ora abbiamo dati che consentono alle persone di stimare cosa succede se si erige una recinzione e si lascia che la foresta ricresca".

Tassi di accumulo di carbonio fuori terra, in tonnellate metriche di carbonio per ettaro all'anno, nelle foreste che ricrescono naturalmente nei biomi delle foreste e della savana.
Cook-Patton et al., Nature 2020

Le nuove stime locali consentono anche confronti tra potenzialità di ricrescita naturale e piantumazione. "Penso che piantare abbia il suo posto, ad esempio dove i suoli sono degradati e gli alberi non crescono", ha detto. "Ma penso che la ricrescita naturale sia enormemente sottovalutata."

Il bello del ripristino naturale delle foreste è che spesso non richiede altro che l'inazione umana. La natura è costantemente al lavoro per ripristinare le foreste frammentarie e spesso invisibili ai margini dei campi, sui pascoli abbandonati, nella boscaglia e ovunque le foreste giacciono degradate o le ex foreste vengono abbandonate.

Ma poiché non richiede iniziative politiche, investimenti o supervisione, i dati sulla sua portata sono gravemente carenti. I satelliti come il Landsat sono bravi a identificare la deforestazione, che è improvvisa e visibile; ma l'entità del successivo recupero è più lenta, più difficile da individuare e raramente valutata. Le statistiche sui titoli dei giornali sulla perdita delle foreste del mondo generalmente lo ignorano.

In uno studio raro, Philip Curtis dell'Università dell'Arkansas ha recentemente tentato di aggirare il problema ideando un modello in grado di prevedere da immagini satellitari cosa aveva causato la deforestazione e quindi il potenziale di recupero della foresta. Ha scoperto che solo circa un quarto delle foreste perdute viene definitivamente assorbito per attività umane come edifici, infrastrutture o agricoltura. I restanti tre quarti hanno sofferto di incendi boschivi, spostamento della coltivazione, pascolo temporaneo o disboscamento, e almeno avevano il potenziale per un recupero naturale.

Un altro studio pubblicato quest'anno ha rilevato che tale ripresa è stata diffusa e rapida anche in un epicentro di deforestazione come l'Amazzonia. Quando Yunxia Wang dell'Università di Leeds in Inghilterra ha analizzato i dati brasiliani rilasciati di recente dall'Amazzonia, ha scoperto che il 72% della foresta bruciata dagli allevatori per creare nuovi pascoli per il bestiame non è foresta incontaminata, come ampiamente ipotizzato, ma in realtà è recente ricrescita. La foresta era stata ripulita, convertita in pascolo per il bestiame e poi abbandonata, dopo di che la foresta è tornata così rapidamente che in genere erano solo sei anni prima che fosse ripulita di nuovo. La confusione causata da questo rapido ricambio delle foreste era tale che le valutazioni periodiche dell'uso del suolo spesso classificavano erroneamente questa nuova crescita come foresta vecchia e degradata.

"La reintroduzione attiva di piante autoctone sarà ancora un'opzione migliore in siti altamente degradati", afferma uno scienziato.

Wang ha osservato che se il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, voleva mantenere una promessa fatta dal suo predecessore Dilma Rousseff al vertice sul clima di Parigi del 2015 per ripristinare 30 milioni di acri di foresta entro il 2030, allora non avrebbe bisogno di piantare affatto. Poteva semplicemente consentire alla ricrescita di procedere in Amazzonia senza ulteriore compensazione.

L'altra grande foresta del Brasile, la foresta atlantica, è già su quel percorso, riprendendosi lentamente dopo oltre un secolo di sgombero per caffè e bestiame. Il governo ha un patto di ripristino della foresta atlantica che sovvenziona i proprietari terrieri per ripiantare, spesso con alberi destinati a rifornire l'industria della carta. Eppure Camila Rezende dell'Università Federale di Rio de Janeiro afferma che la maggior parte della ricrescita forestale non proviene dalla semina ma dalla ricrescita "spontanea", poiché i resti forestali colonizzano i vicini terreni agricoli abbandonati. Stima che circa 6,7 ​​milioni di acri di foresta atlantica si siano rigenerati naturalmente in questo modo dal 1996. Ora costituiscono circa un decimo della foresta.

Più o meno lo stesso è accaduto in Europa, dove la copertura forestale è ora fino al 43%, spesso derivante dalla ricolonizzazione naturale dei terreni agricoli piuttosto che dalla semina. L'Italia, ad esempio, ha aumentato la sua copertura forestale di 2,5 milioni di acri. Nelle ex nazioni comuniste dell'Europa centrale, il 16% dei terreni agricoli nei Carpazi è stato abbandonato negli anni '90, gran parte del quale è stato bonificato dalle famose faggete della regione. In tutta la Russia, un'area di ex terreni agricoli circa il doppio della Spagna è stata ricolonizzata dalle foreste. Irina Kurganova dell'Accademia delle scienze russa definisce questo ritiro dell'aratro "il cambiamento più diffuso e repentino dell'uso del suolo nel XX secolo nell'emisfero settentrionale".

Gli Stati Uniti hanno anche assistito alla rigenerazione delle foreste naturali poiché i terreni coltivabili sono diminuiti di quasi un quinto negli ultimi 30 anni. "Gli interi Stati Uniti orientali sono stati deforestati 200 anni fa", dice Karen Holl dell'Università della California, Santa Cruz. "Molto di questo è tornato senza piantare attivamente alberi." Secondo il servizio forestale degli Stati Uniti, negli ultimi tre decenni le foreste in crescita del paese hanno assorbito circa l'11% delle emissioni nazionali di gas serra.

Un operaio pianta piantine di abete rosso Sitka in un progetto di riforestazione a Doddington, in Inghilterra, nel 2018.
Dan Kitwood / Getty Images

Con la natura in marcia, una delle principali preoccupazioni è se una spinta per la semina potrebbe afferrare terra per piantagioni che le foreste naturali potrebbero altrimenti ricolonizzare. Il risultato sarebbe meno fauna selvatica, meno amenità per gli esseri umani e spesso meno carbonio immagazzinato.

Gli ecologisti hanno tradizionalmente respinto i vantaggi ecologici derivanti dal ripristino naturale di quella che viene spesso chiamata foresta "secondaria". Tale ricrescita è spesso considerata effimera, raramente ricercata dalla fauna selvatica e incline a essere nuovamente eliminata. Ciò ha portato molti a considerare preferibile la semina per imitare le foreste naturali.

Thomas Crowther, coautore di uno studio ampiamente pubblicizzato lo scorso anno che chiede un "ripristino globale" di un trilione di alberi per assorbire l'anidride carbonica, sottolinea che, mentre la natura potrebbe svolgere il lavoro in alcuni luoghi, "le persone hanno bisogno di aiutare spargendo semi e piantando alberelli ".

Ma è in corso una rivalutazione. J. Leighton Reid, direttore di Restoration Ecology presso Virginia Tech, che ha recentemente messo in guardia contro i pregiudizi negli studi che confrontano la rigenerazione naturale con la semina, ha comunque dichiarato a e360: "La rigenerazione naturale è un'eccellente strategia di ripristino per molti paesaggi, ma la reintroduzione attiva delle piante autoctone sarà ancora un'opzione migliore in siti altamente degradati e in luoghi in cui dominano le specie invasive ".

Altri sostengono che il più delle volte il ripristino naturale delle foreste secondarie è un'opzione migliore rispetto alla semina. Nel suo libro Second Growth, Robin Chazdon, un'ecologa forestale in precedenza presso l'Università del Connecticut, afferma che le foreste secondarie "continuano ad essere fraintese, sottovalutate e non apprezzate per quello che sono realmente: giovani ecosistemi forestali auto-organizzati che sono in costruzione. . "

Sì, è d'accordo, sono lavori in corso. Ma generalmente si riprendono "notevolmente velocemente". Ricerche recenti mostrano che la ricrescita delle foreste tropicali recupera l'80% della ricchezza di specie entro 20 anni e spesso il 100% entro 50 anni. Sembra essere migliore di quello che ottengono i forestali umani quando cercano di ripiantare gli ecosistemi forestali.

La piantumazione di alberi può peggiorare i risultati per tutto, dal numero di specie di uccelli e insetti alla copertura delle chiome.

Una revisione di oltre 100 progetti di ripristino della foresta tropicale da parte di Renato Crouzeilles dell'Istituto internazionale per la sostenibilità di Rio de Janeiro, con Chazdon come coautore, ha rilevato che le percentuali di successo erano più elevate per le foreste secondarie autorizzate a rigenerarsi naturalmente rispetto a quelle soggette a le tecniche di “ripristino attivo” dei forestali. In altre parole, la semina può spesso peggiorare i risultati per qualsiasi cosa, dal numero di specie di uccelli, insetti e piante, alle misure di copertura della chioma, densità degli alberi e struttura della foresta. La natura sa meglio.

Ora, Cook-Patton ha esteso la rivalutazione al potenziale di accumulo di carbonio della rigenerazione naturale delle foreste. Anch'esso può spesso essere superiore.

Questo ripensamento scientifico richiede un ripensamento politico, afferma Holl. "Leader aziendali e politici sono saltati sul carro della piantagione di alberi e numerose organizzazioni non profit e governi in tutto il mondo hanno avviato iniziative per piantare miliardi o addirittura trilioni di alberi per una serie di ragioni sociali, ecologiche ed estetiche".

Ammette che su alcune terre danneggiate, "dovremo piantare alberi, ma questa dovrebbe essere l'ultima opzione, poiché è la più costosa e spesso non ha successo".

Perché gli impegni verdi non creeranno le foreste naturali di cui abbiamo bisogno. Leggi di più.

Piantare un trilione di alberi nei prossimi tre decenni sarebbe un'enorme sfida logistica. Un trilione è un gran numero. Quell'obiettivo richiederebbe un migliaio di nuovi alberi nel terreno ogni secondo, e poi perché tutti sopravvivessero e crescessero. Una volta presi in considerazione i costi dei vivai, della preparazione del terreno, della semina e del diradamento, dice Crouzeilles, costerebbe centinaia di miliardi di dollari. Se la crescita naturale delle foreste è più economica e migliore, ha senso?