Distruggere le foreste lungo il fiume della Nigeria è dannoso per l'ecosistema di acqua dolce

0
5

La crescita della popolazione della Nigeria – a un tasso di oltre il 2,5% all'anno – sta indirettamente determinando tutti i tipi di degrado ambientale. C'è una richiesta incessante di più spazio per le persone in cui vivere e utilizzare. Una delle conseguenze è la distruzione delle foreste. Le foreste vicine all'acqua, note come foreste ripariali, tendono ad essere le più vulnerabili.

L'accesso a un corso d'acqua ha spesso informato la scelta dell'insediamento o dell'attività umana. Avendo bisogno di una fornitura d'acqua per un anno per i loro raccolti, gli agricoltori spesso convertono le foreste ripariali in terreni agricoli. In molti casi, specialmente nella stagione secca, tali terreni agricoli invadono quasi i corsi d'acqua.

Anche altri tipi di attività necessitano di una fonte d'acqua. In Nigeria, i centri di autolavaggio sono spesso situati lungo fiumi e torrenti dove un tempo esistevano foreste. Anche le operazioni di blocco sono spesso situate vicino ai corsi d'acqua.

Il rapido declino della biodiversità dell'acqua dolce è stato attribuito alla deforestazione dei corridoi ripariali e alle attività umane dove un tempo c'erano foreste.

Questo perché le foreste ripariali sono il collegamento tra ecosistemi acquatici e terrestri.

Le foreste ripariali forniscono una vasta gamma di servizi ecosistemici e conferiscono un grande vantaggio alle loro acque dolci superficiali adiacenti. Riducono gli impatti del cambiamento climatico assorbendo anidride carbonica, regolando il microclima e fornendo copertura agli ecosistemi acquatici. Inoltre stabilizzano le rive dei fiumi, controllano l'erosione e l'insabbiamento delle acque interne e forniscono cibo agli animali acquatici.

Il mio gruppo di ricerca ha recentemente studiato un corso d'acqua nigeriano, Opa Stream, Ile-Ife, il cui corridoio ripariale era stato disboscato. Abbiamo riscontrato nell'acqua un livello preoccupante di inquinamento da metalli pesanti. Questo è probabilmente il risultato delle attività umane e legato alla perdita di foresta.

Effetti della deforestazione

La deforestazione del corridoio ripariale ha due impatti principali. Il primo è la perdita dei servizi ecosistemici, che porta alla cattiva salute degli ecosistemi di acqua dolce adiacenti. Il secondo è l'impatto negativo sui sistemi di acqua dolce delle attività umane che si svolgono su terreni convertiti da foreste. La vegetazione mitigherebbe l'inquinamento da metalli pesanti perché la sua presenza significa nessuna attività agricola o industriale sul corridoio ripariale. Riduce anche la quantità di deflusso nei sistemi di acqua dolce, riducendo così la quantità di inquinanti generati dall'uomo.

Un impatto più evidente è il rilascio di sostanze tossiche bioaccumulative persistenti nelle acque adiacenti. Questi agenti tossici includono metalli pesanti e composti organo-metallici, che si accumulano nei tessuti animali a concentrazioni più elevate lungo la catena alimentare.

Il mio gruppo di ricerca ha trovato cinque metalli pesanti – piombo, cadmio, ferro, arsenico e rame – che superavano i limiti raccomandati per l'acqua dolce nel flusso che abbiamo studiato. Abbiamo anche trovato un forte legame per le concentrazioni di piombo, rame e arsenico tra la colonna d'acqua e il letto del torrente. Ciò suggerisce che l'intero sistema di acqua dolce era contaminato dai metalli e tutti gli organismi residenti erano predisposti alla contaminazione a causa dei metalli.

In questo caso, la concentrazione di metalli pesanti è dovuta alle attività di autolavaggio e alle industrie di blocchi sul corridoio ripariale.

Anche l'uso di pesticidi nelle aziende agricole di sussistenza e commerciali ha contribuito. La concentrazione di cadmio era particolarmente alta nei campioni di acqua e sedimenti. L'alta concentrazione di cadmio è un'altra conseguenza della pratica agricola nel corridoio ripariale e ha vari livelli di tossicità tra gli animali acquatici.

Non disponiamo di dati di riferimento al riguardo, ma le concentrazioni di questi metalli avrebbero potuto essere aumentate dalle attività prevalenti nel corridoio ripariale.

Abbiamo riferito che un buon numero di animali nel torrente potrebbe essere sotto stress a causa dell'inquinamento da metalli pesanti. Questi includono i microrganismi, il plancton, gli insetti e i pesci, che possono diventare tutti meno fisiologicamente adatti a causa dell'inquinamento da metalli pesanti. Il plancton, ad esempio, può assorbire metalli pesanti nella colonna d'acqua, trasferendoli ad animali più grandi nella catena alimentare dove vengono ingranditi in concentrazioni.

Ripristino di sistemi di acqua dolce tropicale degradati

È importante conservare i sistemi di acqua dolce tropicale incontaminati o quasi incontaminati e ripristinare quelli degradati. Un buon modo per iniziare sarebbe conservare o ripristinare la salute delle foreste ripariali, poiché questo spesso determina la salute dei loro corpi idrici adiacenti.

Le foreste ripariali sono una parte inseparabile degli ecosistemi di acqua dolce e dovrebbero essere protette dalle autorità governative competenti a livello locale, statale e nazionale.

Le persone spesso pensano a ciò che possono ottenere dalla natura. Pensano a cibo, acqua, riparo e guadagno economico, ma non sempre pensano ai numerosi servizi ecosistemici che ottengono che sono meno ovvi. L'esistenza umana dipende dai servizi ecosistemici visibili e nascosti della natura, comprese le foreste ripariali e gli ecosistemi di acqua dolce.

Questo è il motivo per cui gli individui, le comunità locali e i governi dovrebbero fare di più per controllare il tasso di invasione umana nei corridoi ripariali. Occorrono inoltre ulteriori sforzi per bonificare e rimboschire queste aree.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui