Dopo due omicidi, un leader indigeno brasiliano intensifica la lotta

63

A giugno, un sostenitore dei gruppi indigeni dell’Amazzonia e un giornalista che lo accompagnava sono stati assassinati nella valle brasiliana di Javari, un fitto tratto di foresta – più grande dell’Austria – che ha la più alta concentrazione di gruppi indigeni incontattati al mondo. L’avvocato, Bruno Pereira, stava lavorando per fermare le incursioni implacabili di minatori, taglialegna, narcotrafficanti, pescatori e cacciatori che stanno invadendo illegalmente la terra indigena sotto il regime del presidente nazionalista brasiliano, Jair Bolsonaro, che ha rifiutato di far rispettare l’ambiente e le leggi territoriali.

Beto Marubo, un importante leader indigeno in Brasile e membro coordinatore dell’Unione dei popoli indigeni della valle di Javari (UNIVAJA), era un amico di Pereira e ha lavorato al suo fianco per proteggere la valle di Javari, la cui posizione al confine con il Perù e vicino alla Colombia l’ha resa particolarmente suscettibile alle incursioni illegali. Otto uomini sospettati di appartenere a una banda di pescatori illegali in Amazzonia sono stati arrestati in relazione agli omicidi di Pereira e del giornalista britannico Dom Phillips, che stava studiando un libro intitolato Come salvare l’Amazzonia.

Iscriviti alla Newsletter E360 per ricevere aggiornamenti settimanali nella tua casella di posta. Iscrizione.

In un’intervista con Yale Environment 360, Marubo descrive il lavoro cruciale svolto da Pereira per consentire ai gruppi indigeni di monitorare e proteggere i loro territori; parla di come, sotto Bolsonaro, l’agenzia brasiliana per la protezione delle terre e dei popoli indigeni, nota come FUNAI, abbia praticamente smesso di difendere i territori indigeni; e spiega come le politiche anti-indigene di Bolsonaro abbiano portato a un aumento degli omicidi di leader indigeni e un forte aumento della distruzione ambientale.

“Tutto di [these] fattori sono stati causati dall’assenza del governo brasiliano in Amazzonia”, afferma Marubo. “La criminalità organizzata si sta impossessando di questo vuoto lasciato dallo Stato”.

Beto Marubo Lucas Landau / Reuters

Yale Ambiente 360: Raccontami del monitoraggio del territorio che stavi facendo con l’aiuto di Bruno Pereira.

Beto Marubo: Prima che Bruno iniziasse a lavorare con UNIVAJA, lavorava già sul tema del monitoraggio del territorio. È stato il lavoro a cui si è dedicato di più quando ha lavorato per il FUNAI. Ci siamo conosciuti grazie a quel lavoro. Nel 2019, quando ha chiesto di prendere un congedo dal FUNAI, l’ho invitato a venire a lavorare con noi. Ha accettato l’invito. Io sono stato quello che ha lavorato sulla parte organizzativa, trovando partner, persone che potessero aiutarci con la protezione del territorio, e lui ha lavorato sul campo.

La nostra iniziativa è partita proprio per l’assenza del [federal government] nella Javari Valley, che non è una novità in Amazzonia in generale, e la deliberata distruzione del FUNAI a livello regionale e nazionale, l’indebolimento del lavoro sul campo. Non avevamo alcuna garanzia che qualsiasi agenzia federale in Brasile avrebbe protetto i gruppi indigeni incontattati, di cui eravamo particolarmente preoccupati nel contesto del governo Bolsonaro. Quindi abbiamo dovuto prendere l’iniziativa attraverso l’organizzazione indigena UNIVAJA per ricoprire quel ruolo.

Ci concentriamo sulla valle Javari. Dal momento che il FUNAI non stava facendo il suo lavoro, e nemmeno la polizia federale, l’esercito e altre istituzioni statali, abbiamo deciso di quantificare le informazioni disponibili. Perché fino a quel momento tutto ciò che abbiamo sentito è stato che c’era un aumento delle invasioni delle terre indigene, che i gruppi indigeni incontattati erano in pericolo. Il discorso era molto vago. Volevamo quantificare le informazioni in modo tecnico, per fornire dettagli su ciò che stava accadendo.

“Con l’arrivo del governo Bolsonaro, l’azione dello Stato è diventata nulla”.

Fu allora che fu creata la squadra di sorveglianza dell’UNIVAJA. Era una squadra di indigeni dei villaggi, ma non avevano una conoscenza tecnica di base di computer, cartografia, fotografia e video, tanto meno sul funzionamento di apparecchiature complesse che richiedevano, come minimo, quella conoscenza. Quindi dovevamo insegnarglielo. Bruno è stato fondamentale in questo. Bruno ha iniziato ad addestrarli all’uso delle informazioni cartografiche e all’utilizzo di app e apparecchiature, come i cellulari, per monitorare il loro territorio in modo semplice e di grande utilità tecnica. Ha insegnato loro come catturare immagini con i droni, quelli piccoli che sono davvero accessibili, e ci sono stati diversi vantaggi. Ma il motivo principale per cui abbiamo dovuto farlo è stato l’indebolimento del FUNAI e l’aumento delle invasioni sul nostro territorio, soprattutto a causa dei rischi per i popoli indigeni incontattati che vivono nella Valle di Javari.

e360: Cosa stavate facendo lei e gli altri gruppi indigeni della regione per monitorare e proteggere la vostra terra prima che Bruno aiutasse?

Marubo: Stavamo già monitorando il nostro territorio, ma in maniera più istituzionalizzata in collaborazione con il governo. Quando non c’erano dipendenti pubblici federali, personale del FUNAI disponibile, il FUNAI è stato in grado di assumere, attraverso mezzi più flessibili, gli indigeni stessi per lavorare dalle loro basi di sorveglianza. Quindi avevamo già gli indigeni che lavoravano, ma ufficialmente, insieme, monitoravano la Javari Valley. Ma questo era con il FUNAI in prima linea, il FUNAI in carica.

Per i Kayapó, una lunga battaglia per salvare la loro patria amazzonica. Leggi di più.

Ora la differenza [under Bolsonaro] è che abbiamo dovuto agire da soli. Siamo molto più vulnerabili ora. Non abbiamo supporto.

e360: Questo nuovo progetto di monitoraggio con Bruno e UNIVAJA è iniziato nel 2019, quando Bolsonaro è entrato in carica. Com’era la situazione prima?

Marubo: La questione indigena in Brasile non è mai stata una priorità per nessun governo. Vale la pena evidenziare. Il FUNAI, ad esempio, non è mai stato una priorità per nessun governo. Tuttavia, il governo brasiliano, prima, ha agito – con limitazioni, ma lo stato ha agito – tramite il FUNAI e le agenzie di sicurezza, come la polizia federale, l’esercito e altri. Nel bene e nel male, hanno fatto qualcosa. C’era un piano.

Xukuru indigeno al funerale di Bruno Pereira, 24 giugno 2022. BRENDA ALCANTARA / AFP via Getty Images

E360: Com’è cambiato quando Bolsonaro è diventato presidente?

Marubo: Con l’arrivo dell’attuale governo Bolsonaro, l’azione statale è divenuta nulla. Tutto è diventato solo retorica. Dice cose del tipo: “Abbiamo autonomia sull’Amazzonia… Ci prendiamo cura della nostra Amazzonia”. Ma niente di tutto questo è vero.

C’è quel problema, e poi c’è un altro fattore importante e ancora più dannoso, che è che sostiene direttamente le azioni di quelle terre indigene invasori. Sostiene persino le iniziative del Congresso Nazionale per creare leggi contro la protezione dell’ambiente, contro i diritti degli indigeni, contro le persone che dipendono dalla foresta amazzonica. Ci sono potenziali leggi che mirano a relativizzare il diritto alla terra, come il disegno di legge 490, attualmente al Congresso nazionale e ancora in fase di analisi, e il disegno di legge 191, che consente l’estrazione mineraria sulle terre indigene. Altri meccanismi legali — e istituti — [protecting the environment] erano indeboliti o semplicemente estinti. Ciò ha anche contribuito all’aumento delle invasioni delle terre indigene. In altre parole, c’è un’autorizzazione indiretta, implicita, tacita proveniente dal governo federale.

Il risultato è quello che stiamo vedendo oggi attraverso l’aumento degli indicatori di distruzione ambientale in Brasile, soprattutto in Amazzonia, e l’aumento dei crimini contro la vita di coloro che vogliono proteggere l’ambiente.

“Nonostante le ripercussioni nazionali e internazionali della morte dei miei amici, non è cambiato molto”.

Pereira e Dom Phillips furono altre due vittime di questo processo. Ce ne sono stati anche molti altri. C’è Ari Uru-Eu-Wau-Wau a Rondônia, che è morto [in 2020] nello stesso contesto. C’è Paulino Guajajara nel Maranhão [killed in 2019], che stava facendo lo stesso lavoro di UNIVAJA. Ci sono molti altri leader che sono diventati vittime.

Nella Javari Valley, abbiamo anche [Indigenous expert and FUNAI employee] Maxciel [Pereira dos Santos]ucciso nel 2019, apparentemente per lo stesso motivo: stava proteggendo la terra indigena nella valle di Javari.

Tutto questo, tutti i fattori che ho citato, sono stati causati dall’assenza del governo brasiliano in Amazzonia. La criminalità organizzata si sta impossessando di questo vuoto lasciato dallo Stato.

e360: C’era speranza che ci potesse essere un piccolo risvolto positivo quando Pereira e Phillips fossero scomparsi, che le autorità potessero farsi avanti e iniziare a proteggere la Javari Valley a causa di quello che è successo. Com’è adesso la situazione nella regione?

Marubo: È tornato come era prima. Le stesse cose che succedevano una volta succedono ancora adesso. Nonostante le ripercussioni nazionali e internazionali della morte dei miei amici, non molto è cambiato. Lo Stato è ancora assente.

Ironia della sorte, quando la ricerca [for the bodies of Pereira and Phillips] Stava succedendo, tutte le forze di sicurezza sono venute in aiuto: polizia militare, polizia civile, polizia federale, esercito, marina, aviazione, molta gente. Ma dopo che hanno trovato i loro corpi, le cose sono tornate come prima. Le invasioni della terra indigena non sono cambiate. Stanno invadendo allo stesso modo di prima. C’è una totale mancanza di sicurezza in un’area molto tesa, dove i crimini transnazionali dilagano perché siamo in una regione di confine nota nel mondo per la sua violenza. Non è cambiato niente.

Dom Phillips parla con due uomini indigeni ad Aldeia Maloca Papiú, Brasile, 16 novembre 2019. JOAO LAET / AFP via Getty Images

e360: Cosa vuoi dal governo che ora non hai?

Marubo: A questo punto non è quello che vogliamo; è ciò di cui abbiamo bisogno.

Il Brasile avrà una grande responsabilità nei prossimi anni in termini di questioni ambientali. E se non si adatta alle regole del buon senso ea ciò che ha promesso alla comunità internazionale – il raggiungimento degli obiettivi di protezione ambientale, il raggiungimento degli obiettivi sui cambiamenti climatici – verrà messo da parte o subirà un boicottaggio economico.

La nostra aspettativa è che il governo – il prossimo governo, non questo governo pazzo che abbiamo ora – prenda questo impegno e capisca che dovrà usare tutta la forza dello stato brasiliano per invertire le attuali battute d’arresto causate dal governo Bolsonaro.

La deforestazione e il riscaldamento spingeranno l’Amazzonia a un punto di svolta? Leggi di più.

Il FUNAI deve svolgere un ruolo fondamentale in questo piano. Perché il FUNAI è l’organismo che ha il compito di proteggere le terre indigene e, in alcuni casi, la responsabilità della protezione fisica degli Indigeni, soprattutto degli Indigeni incontattati. Deve avere la forza per fare il suo lavoro, così come altre istituzioni, come IBAMA [the Brazilian Institute of the Environment and Renewable Natural Resources], la polizia federale, i militari. Devono essere sistematici e forti e dare un chiaro esempio. In caso contrario, ci vorranno più dei prossimi 10 anni per uscire da questo pantano in cui ci ha messo il governo.