Dune – un racconto profetico sulla distruzione ambientale causata dalla colonizzazione dell’Africa

107

L’epopea fantascientifica più recente del regista Denis Villeneuve è l’ultimo tentativo di raccontare la storia dell’acclamato romanzo del 1965 di Frank Herbert, Dune. Il film è ambientato millenni nel futuro, quando la galassia è governata da una classe di casate familiari. Ogni casata combatte per il controllo della risorsa più preziosa della galassia, la “spezia”, ​​un potente allucinogeno che si verifica anche per alimentare i viaggi interstellari.

La spezia viene estratta su un solo inospitale pianeta desertico: Arrakis, noto anche come Dune. Arrakis è popolata dai Fremen, un gruppo di guerrieri e abitanti del deserto che devono combattere contro una serie di colonizzatori imperiali, ognuno dei quali utilizza diversi metodi di controllo per estrarre e vendere spezie.

Dune offre un’utile narrazione allegorica della “corsa per l’Africa”, che ha visto gli imperi europei dividere il continente in potenze colonizzate basate esclusivamente sulla ricerca di vantaggi commerciali.

Estrazione violenta di risorse

La “scramble” iniziò ufficialmente nel 1884 con la Conferenza di Berlino. Qui le maggiori potenze imperiali europee e di altro tipo – Germania, Gran Bretagna, Belgio, Austria-Ungheria, Francia, Spagna, Stati Uniti, Impero ottomano e altre – hanno colluso violentemente nel delineare violentemente le varie geografie tribali del continente in stati nazionali coloniali.

I motivi coloniali e aristocratici europei in Dune di Villeneuve non sono difficili da individuare: decreti di sigillo con anelli con sigillo su cera, abiti regali apertamente occidentalizzati e uniformi militari.

Basandosi su specifiche specialità commerciali e sulla conoscenza esistente delle risorse, nel 1914 l’Africa era un continente colonizzato. Come Arrakis, le sue preziose risorse naturali (sia umane che non umane) venivano estratte per servire i mercati coloniali occidentali.

Il duca Leto Atreides con altri uomini delle famiglie regnanti che vogliono estrarre la spezia ad Arrakis. Chiabella James/2020 Warner Bros. Entertainment Inc.

In Africa, il re Leopoldo II del Belgio intraprese uno dei più famigerati saccheggi di risorse del Congo, noto per l’abbondanza di gomma. Leopold fu molto più brutale nel suo accaparramento di terre rispetto ad altri colonizzatori, commettendo un genocidio di massa nel processo.

Considerando il popolo congolese inferiore, Leopoldo li costrinse a lavorare per le preziose risorse e uccise coloro che si rifiutarono. Le cifre esatte sono difficili da discernere, ma si pensa che i suoi eserciti abbiano ucciso più della metà della popolazione.

Nel film, il pubblico viene presentato a Vladimir, leader della Casata Harkonnen, che per anni ha messo in atto una brutale e violenta colonizzazione di Arrakis. La sua corpulenza, avidità e brutalità hanno una sorprendente somiglianza con le azioni di Leopold. C’è anche una scena in cui si bagna nella gomma fusa.

L’impatto duraturo della colonizzazione

Come ha sottolineato lo stesso Villeneuve, i temi della sua versione di Dune parlano di quanto possa essere fragile l’ecosistema di un pianeta. Evidenzia anche come dobbiamo cambiare la nostra dipendenza dall’estrazione di risorse per avviare un processo di guarigione planetaria.

Mentre la catastrofe climatica continua a manifestarsi in tutto il mondo, molti commentatori (me compreso) indicano la natura estrattiva delle aziende di combustibili fossili, le pratiche di deforestazione e le industrie che inquinano gli oceani come i principali colpevoli. Queste pratiche hanno un’eredità nel saccheggio coloniale dell’Africa, con diverse società noleggiate istituite per organizzare il commercio globale delle risorse ottenute dalle invasioni coloniali.

Ad esempio, Cecil Rhodes, ampiamente noto per la campagna di decolonizzazione #RhodesMustFall, ha fatto fortuna estraendo diamanti in Sud Africa. Questa industria produce molto inquinamento locale ed è anche ad alta intensità energetica.

Molte moderne compagnie minerarie e petrolifere hanno le loro radici nell’invasione coloniale dell’Africa, con dannosi costi ambientali sia a livello locale nei paesi africani, ma anche a livello globale mentre eruttano carbonio nell’aria.

Dune getta una luce dura su questi processi.

Vediamo come “case” invasori tecnologicamente superiori stanno raccogliendo le materie prime, schiavizzando la popolazione e usando risorse preziose (come l’acqua) per nutrire alberi sacri piuttosto che placare la sete dei lavoratori indigeni. Ma questi poteri sono alla fine umiliati dalla popolazione indigena di Arrakis che usa le spezie come parte del loro rapporto sostenibile con il duro ambiente del pianeta, non per il commercio intergalattico o per generare enormi profitti.

In questo, Dune esplora in modo critico la geopolitica dietro l’estrazione delle risorse. Evidenzia i limiti e l’inevitabile resistenza ai poteri che tentano di esercitare le risorse naturali per il dominio. Predisse anche che la colonizzazione del passato avrebbe portato a gran parte della distruzione che stiamo vedendo ora.

Il prossimo decennio deve essere quello in cui noi, come pianeta, inizieremo a lavorare per ridurre l’impatto della catastrofe climatica. Parte di questo processo comporterà la comprensione delle passate trasgressioni del potere europeo nel Sud del mondo. Le storie che hanno un messaggio dietro di sé, come Dune, ci mostrano come.