È l'ora del solstizio d'estate! Ecco cosa sapere

244

Il solstizio del 2019 cade il 21 giugno … festeggia con un corso accelerato di curiosità sul giorno più lungo dell'anno.

È difficile credere che solo sei mesi fa, quelli di noi nell'emisfero settentrionale stavano affrontando cupamente il giorno più corto dell'anno – e ora improvvisamente, il sole sta tramontando al momento di coricarsi e il primo giorno non ufficiale dell'estate è alle porte! Come è successo?! Ad essere onesti, i solstizi invernali ed estivi a volte sembrano fuori posto con le stagioni che rappresentano – il giorno più lungo dell'anno non dovrebbe essere il più caldo e verificarsi in piena estate? Risposte a quella curiosità e ad altre spiegate di seguito.

(Nota: per l'emisfero australe questo è tutto invertito, grazie al nostro mondo sottosopra.)

1. Per prima cosa, quando di tutto
In Nord America quest'anno possiamo goderci il periodo di luce solare più lungo Venerdì 21 giugno 2019 11:54 Eastern. (o l'equivalente per il tuo fuso orario) Questo è il momento preciso in cui, fondamentalmente, il sole si ferma nel suo punto più settentrionale visto dalla Terra. Il suo apice non oscilla a nord o a sud, ma si trova pazientemente al Tropico del Cancro prima di cambiare direzione e dirigersi di nuovo a sud. Da qui deriva la parola solstizio; il latino solstitium, da sol (sole) e stitium (fermarsi).

2. Ci sarà COSÌ TANTA LUCE SOLARE
Tira fuori gli occhiali da sole, scopri le spalle, metti la crema solare! Se il meteorologo vuole, avremo una gran quantità di luce solare. A New York City, avremo 15 ore e 5 minuti di affermazione dell'anima tra il sorgere del sole e il tramonto e aggiungeremo alcune ore di luce su entrambe le estremità per quando l'alba si fa davvero e l'oscurità scende. (Puoi controllare la durata della giornata con il calcolatore di alba e tramonto del Farmer’s Almanac, per vedere cosa aspettarti nel tuo collo dei boschi.)

3. Il giorno più lungo non è il più caldo
Dato che il sole passa direttamente sopra le nostre teste durante il solstizio – ed è il giorno con la maggior parte della luce solare – non si sarebbe fuori base pensare che potrebbe richiedere anche le temperature più alte. Ma no. Come spiega NOAA, negli Stati Uniti le temperature continuano a salire fino a luglio. "L'aumento della temperatura dopo il solstizio si verifica perché il tasso di apporto di calore dal sole durante il giorno continua ad essere maggiore del raffreddamento notturno per diverse settimane, fino a quando le temperature iniziano a scendere a fine luglio e all'inizio di agosto". La mappa sottostante, basata su 30 anni di dati, riporta alcuni anni ma fornisce comunque una buona indicazione di cosa aspettarsi e dove.

4. Il nord subisce cambiamenti brevi con il sole estivo
Anche se certamente potrebbe non sembrare così, nell'estate dell'emisfero settentrionale siamo effettivamente più lontani dal sole grazie all'inclinazione del pianeta; riceviamo il 7% in meno di luce solare rispetto all'emisfero australe durante l'estate. Qualcosa di cui saremo grati tra pochi miliardi di anni (vedi n. 8).

credito: stampe e fotografie della Library of Congress

Stampe e fotografie della Library of Congress / CC BY 2.0

5. La costellazione del Cancro ruba i riflettori
Il Tropico del Cancro è così chiamato perché molto tempo fa, quando durante l'antica denominazione di queste cose, il sole del solstizio apparve nella costellazione del Cancro. A causa del successivo spostamento dell'asse terrestre, spiega Discovery, il Tropico del Cancro è ora chiamato erroneamente. Quest'anno, il solstizio di giugno, il sole sarà effettivamente nella costellazione del Toro ed entrerà nei Gemelli il 22.

6. Tanta luce solare, ma una giornata buia per la scienza
Secondo la leggenda, Galileo fu, piuttosto ironicamente, costretto a ritrattare la sua teoria secondo cui la Terra ruota attorno al sole nel solstizio d'estate del 1633.

7. È un giorno di festa
Il solstizio è stato un giorno così importante nel corso della storia che sarebbe impossibile elencare qui tutte le celebrazioni significative. Da Stonehenge in poi, la giornata è più che mai caratterizzata da baldoria, tra cui non mancano libagioni, nudità, balli nei boschi, costumi, sfilate, falò e allegre feste in generale.

8. Il futuro del solstizio d'estate è luminoso. Davvero, davvero brillante
I doni del sole sono stati motivo di celebrazione per millenni e, a quanto pare, sulla base di modelli di evoluzione stellare, il sole è circa il 40% più luminoso oggi rispetto a quando è nata la Terra, circa 4,5 miliardi di anni fa. E non sembra che rallenterà. Gli scienziati stimano che tra 1 miliardo e 3 miliardi di anni, l'intensità incombente del sole "farà evaporare gli oceani della Terra, trasformando il nostro pianeta in un deserto infinito", osserva Discovery. In tal caso, il solstizio d'inverno diventerà sicuramente il giorno in cui scatenarsi nudi nella foresta …