È tempo che gli stati che sono diventati ricchi grazie al petrolio, al gas e al carbone capiscano cosa c'è dopo

89

Questi sono tempi molto difficili per gli stati americani produttori di combustibili fossili, come Wyoming, Alaska e North Dakota. La recessione economica del COVID-19 ha ridotto la domanda di energia, con prospettive incerte sull'entità della sua ripresa. Nel frattempo, la crescente preoccupazione per il cambiamento climatico e il calo dei costi delle energie rinnovabili stanno accelerando un forte calo della domanda di carbone in particolare.

Di conseguenza, gli stati e le comunità dipendenti dai combustibili fossili affrontano la prospettiva di carenze di bilancio e di una riduzione dell'occupazione per i prossimi anni. In qualità di ricercatori che studiano l'energia dal punto di vista economico, culturale e delle politiche pubbliche, riteniamo che sia giunto il momento per questi stati di sviluppare piani a lungo termine per diversificare le loro economie e contribuire a garantire transizioni giuste ed eque.

L'idea di una transizione giusta è emersa dal diritto del lavoro nordamericano ed è diventata parte delle discussioni internazionali sul rendere le società più sostenibili dal punto di vista ambientale. Si concentra sulla protezione dei diritti e dei mezzi di sussistenza dei lavoratori mentre escono dalle industrie in declino.

A nostro avviso, i programmi di transizione giusta sono probabilmente il modo migliore per questi stati di costruire basi economiche più sostenibili e diversificate, riducendo la loro dipendenza dalla produzione di combustibili fossili come fonte di reddito. Per sostenere posti di lavoro sicuri e sostenibili per la famiglia con il declino della dipendenza globale dai fossili, dovranno creare nuove economie a basse emissioni di carbonio.

Dal boom al fallimento

I combustibili fossili arricchiscono gli stati produttori attraverso molteplici flussi di reddito. Includono imposte e royalties legate al valore della produzione; imposte sulle vendite sugli idrocarburi; utilizzare le tasse sulle attrezzature; e le imposte sul reddito sui salari dei dipendenti del settore.

Il Texas guadagna la maggior parte di qualsiasi stato dalla produzione di energia, generando 16,3 miliardi di dollari nell'anno fiscale 2019, pari al 7% delle entrate dello stato. Gli stati che dipendono maggiormente dall'energia sono l'Alaska, dove ha rappresentato il 70% delle entrate statali (1,1 miliardi di dollari) nell'anno fiscale 2019; Wyoming, dove l'energia e altri minerali hanno prodotto il 52% delle entrate statali ($ 2,2 miliardi) nel FY2017; e North Dakota, che ha raccolto il 45% dei suoi ricavi (1,6 miliardi di dollari) dalla produzione di energia nell'anno fiscale 2017.

Il calo della produzione e la riduzione della forza lavoro possono avere impatti economici importanti negli stati dei combustibili fossili. Ad esempio, il Wyoming prevede che avrà il 29% in meno di denaro nel suo fondo generale rispetto a quanto previsto in precedenza negli anni fiscali 2021-22. L'Alaska prevede un deficit di bilancio stimato del 18% nell'anno fiscale 2021.

Anche supponendo che la produzione di petrolio e gas riprenda dai minimi del FY2020-2021, questi stati si aspettano di essere costretti a colmare il deficit di finanziamento per i prossimi anni.

La riduzione dell'attività economica correlata alla pandemia COVID-19 ha modificato i modelli di domanda e offerta di energia nel 2020 e ha aumentato l'incertezza sui prezzi a breve termine.
VIA

Blocchi stradali culturali e politici

Il Wyoming illustra le sfide che un panorama energetico in cambiamento pone per gli stati energetici. A breve termine, lo stato prevede un calo del 54% delle tasse relative ai combustibili fossili dovute nell'anno fiscale 2021-22 rispetto all'anno precedente. Secondo i dati che abbiamo ottenuto dal Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti, la produzione stimata di carbone nell'aprile-giugno del 2020 è diminuita di quasi il 45% rispetto alla precedente media quinquennale, riflettendo le tendenze nazionali.

Più strutturalmente, esperti e produttori di carbone hanno riconosciuto che il carbone termico – il tipo utilizzato per produrre elettricità – è in costante declino. I funzionari statali hanno lanciato l'allarme su un'industria "sotto assedio", mentre cercavano modi per mantenere a galla la produzione di carbone.

Questi sforzi includono la prevenzione della chiusura anticipata delle centrali elettriche a carbone da parte delle società di servizi pubblici, l'investimento nella produzione di energia a carbone più pulita e la ricerca di usi a basse emissioni di carbonio per il carbone come fonte di prodotti, che possono variare dai materiali da costruzione ai compositi di carbonio e ai computer. dispositivi di memoria.

Nel frattempo, gli studi mostrano che i residenti del Wyoming ricevono dallo stato fino a 10 volte il valore dei servizi che pagano in tasse, grazie soprattutto alle tasse legate ai combustibili fossili. Queste tendenze chiaramente non possono continuare in parallelo: con la diminuzione delle entrate del carbone, la spesa statale dovrà contrarsi.

Ma mentre lo stato considera il suo futuro, i fattori culturali e politici influenzano le opinioni pubbliche tanto quanto l'economia. L'etica di lunga data del robusto individualismo del Wyoming rende i residenti riluttanti ad accettare assistenza economica esterna. I suoi lavoratori dell'industria del carbone sono da tempo orgogliosi del loro ruolo nel fornire una fonte di elettricità in tutti gli Stati Uniti.

Quando l'utilità PacifiCorp ha recentemente annunciato l'intenzione di chiudere 20 delle sue 24 centrali elettriche a carbone in Occidente, tra cui diverse nel Wyoming, e investire in stoccaggio di energia eolica, solare ed a basso costo, alcuni lavoratori e legislatori hanno sostenuto che la società stava provando per accontentare i clienti negli stati di sinistra. Gli investimenti in corso nell'energia eolica sono pronti a compensare parzialmente i posti di lavoro nei combustibili fossili e le perdite di reddito. Ma alcuni residenti del Wyoming sostengono che i progetti eolici
potrebbe danneggiare la conservazione, le attività ricreative all'aperto e il turismo, la seconda industria più grande dello stato.

I residenti del Wyoming sono alle prese con la chiusura di due miniere di carbone nel 2019.

Ciò che le giuste transizioni richiedono per avere successo

I programmi di transizione giusta si concentrano tipicamente sulla promozione dello sviluppo economico, sull'attrazione di investimenti per stimolare l'imprenditorialità e sulla riqualificazione dei lavoratori. Spesso forniscono sostegno al reddito per colmare il periodo tra i lavori.

I leader statali e locali possono cercare di promuovere settori specifici che riflettono obiettivi politici più ampi, ad esempio corteggiare le aziende del solare per promuovere la decarbonizzazione. Diverse attuali proposte di politica di sviluppo economico adottano questo approccio, tra cui il piano Build Back Better del candidato democratico alla presidenza Joe Biden. Tuttavia, riteniamo che le nuove attività siano sviluppate al meglio a livello di comunità in modo da incorporare il capitale intellettuale locale, le capacità dei lavoratori e le risorse naturali e ottenere un maggiore consenso politico dalle comunità.

Esistono diversi esempi di programmi di transizione giusta di successo. Uno è il Progetto QUEST a San Antonio, che evidenzia i vantaggi della "contestualizzazione locale" e ha aiutato i lavoratori a passare dalla produzione all'assistenza sanitaria, alla tecnologia dell'informazione e ad altri mestieri.

La provincia di Alberta, Canada, ha ottenuto un notevole consenso da parte dei sindacati e delle società elettriche poiché ha accelerato il ritiro dall'energia a carbone, in parte sfruttando le sue risorse di gas naturale e collaborando con i sindacati locali. E il programma New Economy, promosso dall'organizzazione senza scopo di lucro Appalachian Voices, sta amplificando le idee dei residenti per nuove iniziative economiche per compensare la perdita di posti di lavoro e la riduzione delle entrate fiscali sul carbone. Questo tipo di approccio partecipativo alla diversificazione economica è fondamentale per garantire il sostegno della comunità e generare nuove idee per lo sviluppo economico.

[Expertise in your inbox. Sign up for The Conversation’s newsletter and get expert takes on today’s news, every day.]

È probabile che questi programmi richiedano investimenti finanziari significativi. Il Wyoming, il North Dakota e l'Oklahoma non hanno molti debiti, quindi potrebbero prendere in prestito ingenti somme per pagare questi programmi.

Alaska, Texas, New Mexico, Wyoming e North Dakota hanno anche ingenti fondi sovrani – conti di proprietà statale, finanziati con entrate derivanti dall'estrazione di risorse naturali. Questi fondi potrebbero aiutare a colmare il divario, ma solo se i politici riusciranno a resistere alle pressioni per utilizzare il denaro in modi più popolari, come i pagamenti annuali dell'Alaska ai residenti statali dai proventi del petrolio.

Un'opportunità per comunità più sostenibili

I guadagni inaspettati degli stati dei combustibili fossili dallo sviluppo energetico e dalle loro culture di libero mercato possono rendere difficile per i residenti accettare la loro dipendenza dalla tassazione del settore e la vulnerabilità alle recessioni del settore. Le soluzioni che comportano un aumento delle tasse e della spesa rischiano di affrontare forti venti contrari politici, anche se i fondi sovrani offrono aiuto.

Le scelte che gli Stati fanno mentre navigano in un panorama energetico in rapida evoluzione avranno importanti implicazioni per i loro lavoratori e le loro comunità. Giuste transizioni richiederanno investimenti significativi e mirati, istituzioni impegnate e un profondo coinvolgimento della comunità. Sebbene questi processi non siano probabilmente facili, offrono la possibilità di costruire economie sostenibili e rispettose dell'ambiente che possono aiutare questi stati a prosperare in futuro.