Emissioni nette zero: strategia vincente o destinata al fallimento?

12

Zero netto. Queste due parole sono diventate il linguaggio quasi universale per i responsabili politici intenti a concludere un accordo alla conferenza delle Nazioni Unite sul clima a Glasgow, in Scozia, a novembre. Ma sono la chiave per mantenere le promesse di mantenere il riscaldamento a 1,5 gradi fatte in un vertice sul clima simile a Parigi sei anni fa o, come dicono ora alcuni scienziati e attivisti, sono una pericolosa delusione di cui gli scienziati del clima sono diventati complici? ?

Il raggiungimento dello "zero netto" richiede che le emissioni di anidride carbonica o altri gas a effetto serra siano bilanciate assorbendo una quantità equivalente di CO2 dall'atmosfera, a volte chiamate emissioni negative. Più di 100 paesi, compresi i tre maggiori emettitori – Cina, Stati Uniti e Unione Europea – si sono impegnati a raggiungere gli obiettivi di zero netto nei prossimi decenni. Vengono applauditi per aver finalmente preso il controllo del cambiamento climatico.

Ma mentre la strategia net-zero ha unito i politici, ha diviso gli scienziati del clima e gli attivisti. Alcuni vedono la fretta di impegnarsi per lo zero netto nel periodo precedente a Glasgow come un enorme successo per l'azione per il clima. Ma in un violento commento il mese scorso, un ex presidente dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), Robert Watson, e due coautori hanno denunciato il net zero come una trappola tesa da industriali e governi per ingannare il mondo e criticare i ricercatori sul clima per mostrando "codardia" nel non chiamarli fuori.

Net-zero "aiuta a perpetuare la fiducia nella salvezza tecnologica e diminuisce il senso di urgenza", scrivono i critici.

La speranza è che consentire alle emissioni negative di bilanciare le continue emissioni di CO2 come parte delle politiche zero-netto fornirà una rete di sicurezza per i settori in cui è tecnicamente impossibile eliminare tutte le emissioni, ad esempio nel settore dell'aviazione e dell'agricoltura. Le emissioni negative potrebbero essere ottenute aumentando l'assorbimento di CO2 da parte delle foreste e di altri ecosistemi o utilizzando la chimica industriale per catturare la CO2 dall'aria. Ma alcuni temono che la rete di sicurezza diventi una copertura per le normali attività nelle industrie altamente inquinanti.

Il dibattito riguarda tanto la politica di riduzione delle emissioni quanto la scienza del clima o il potenziale della tecnologia.

Watson è stato presidente dell'IPCC dal 1997 al 2002, quando l'amministrazione statunitense del presidente George W. Bush ha rifiutato di nominare l'ex scienziato del clima della NASA per un secondo mandato. Da allora ha lavorato come accademico, attualmente presso l'Università di East Anglia. Lui ei suoi coautori hanno scritto il mese scorso che mentre lo zero netto potrebbe essere "una grande idea, in linea di principio", in pratica "aiuta a perpetuare la fede nella salvezza tecnologica e diminuisce il senso di urgenza che circonda la necessità di ridurre le emissioni ora". Gli scienziati che sostengono l'attuale spinta per lo zero netto, sostengono, hanno "concesso in licenza un approccio spericolato" brucia ora, paga dopo ", che ha visto le emissioni di carbonio continuare a salire".

Watson e i suoi colleghi ammettono i propri ruoli. "Ammettiamo che ci abbia ingannati", hanno scritto lui e altri scienziati del clima James Dyke dell'Università di Exeter e Wolfgang Knorr dell'Università di Lund in Svezia. Ma "è giunto il momento di dare voce alle nostre paure e di essere onesti con la società in generale … Le attuali politiche di zero netto non manterranno il riscaldamento entro 1,5 gradi, perché non erano destinate a farlo. Erano e sono ancora guidati dalla necessità di proteggere gli affari come al solito ".

La posizione di Watson – soprattutto proveniente da un ex capo dell'IPCC – ha fatto arrabbiare alcuni colleghi ricercatori. In una replica pubblicata questo mese, Richard Black dell'Imperial College di Londra ha affermato che non ha molto senso attaccare lo zero netto quando è "l'obiettivo definitivo attraverso il quale molti governi, aziende, ONG e altri tipi di entità vedono la decarbonizzazione". Black ha dichiarato a Yale Environment 360: "I sostenitori delle alte emissioni di carbonio hanno sempre trovato scuse per ritardare, e lo farebbero qualunque sia la definizione della politica". Ma "non ha nulla a che fare con lo zero netto di per sé".

Turbine a vapore in un progetto pilota di cattura e stoccaggio del carbonio presso la centrale elettrica a carbone Mountaineer in West Virginia nel 2009. Il progetto è stato interrotto nel 2011.
SAUL LOEB / AFP tramite Getty Images

In ogni caso, Black è ottimista. A marzo, è stato l'autore principale di un'analisi degli impegni netti zero secondo cui "lo slancio globale sullo zero netto rappresenta una finestra entusiasmante". Oltre a 124 governi nazionali che si sono impegnati ad adottare varie versioni di zero netto come obiettivi, ha trovato impegni di zero netto da oltre 1.500 grandi aziende, che rappresentano 14 trilioni di dollari di entrate.

Black concorda sul fatto che non tutti questi governi e aziende intendono onorare i loro impegni. E verificare se lo fanno è particolarmente difficile laddove questi impegni implicano la compensazione delle loro continue emissioni acquistando certificati cartacei da altre organizzazioni che affermano di aver prevenuto le emissioni altrove o di aver assorbito CO2 nelle foreste.

"Ci sono grossi difetti nel modo in cui lo zero netto viene implementato in alcuni casi", ha detto Black. "Ma impegnare un obiettivo significa che l'entità può essere tenuta a rendere conto da elettori, azionisti o clienti."

Sta succedendo, dice Black. Cita l'esempio del governo tedesco. Il mese scorso la più alta corte del paese ha ordinato di aumentare le sue riduzioni delle emissioni a breve termine per garantire che il suo obiettivo zero-netto di metà secolo non lasciasse una quota sproporzionata di responsabilità alle generazioni future.

Saranno giudicate anche le industrie. Gli impegni pubblici dell'industria dei combustibili fossili per lo zero netto entro il 2050 saranno d'ora in poi confrontati con una road map dettagliata per il raggiungimento dello zero netto in tutta l'industria energetica pubblicata questo mese dall'Agenzia internazionale per l'energia (IEA), un ente intergovernativo a lungo considerato dagli ambientalisti come apologeta delle compagnie di combustibili fossili.

Se adeguatamente progettate, le soluzioni basate sulla natura "possono avere un ruolo importante nel ridurre le temperature", afferma una nuova analisi.

Non più. L'AIE ora afferma che il raggiungimento dello zero netto richiede la fine immediata a livello mondiale delle approvazioni di nuovi giacimenti di petrolio e gas, il che significa che tutte le trivellazioni per ulteriori riserve di petrolio o gas dovrebbero cessare. Ciò lo mette in contrasto con i giganti del petrolio che stanno promuovendo strategie aziendali zero-netto pur continuando a cercare più petrolio.

Questi includono Shell. I suoi azionisti questo mese hanno approvato una strategia per portare a zero il proprio business entro il 2050. Ma una minoranza ha protestato dicendo che la strategia contravviene alla richiesta dell'AIE di porre fine a tutta l'espansione dei combustibili fossili ora. Invece, il piano Shell prevede un aumento del 20% della produzione di gas entro il 2030.

La versione di Shell del raggiungimento dello zero netto si basa fortemente sugli investimenti in progetti forestali per compensare le proprie emissioni. Molti si sono già dimostrati controversi. A seguito di un'analisi della strategia zero-netto della società che hanno coautore, Johan Rockstrom dello Stockholm Resilience Center e Gail Whiteman dell'Università di Execter hanno affermato che le emissioni negative di cui Shell avrà bisogno per compensare la sua continua attività di combustibili fossili "richiede una foresta il dimensione del Brasile. "

Rockstrom e Whiteman chiedono che la società venga eliminata dalle iniziative net-zero, come la campagna delle Nazioni Unite Race to Zero, e si interroga sul suo ruolo di consulente del governo britannico in vista della conferenza sul clima di Glasgow.

Il direttore dell'AIE Fatih Birol afferma anche che lo zero netto richiede un programma globale per la chiusura anticipata delle centrali elettriche a carbone, soprattutto in Asia. Tuttavia, i firmatari delle politiche zero-netto, compreso il governo cinese, continuano a finanziare nuove centrali a carbone, così come le principali società finanziarie come Barclays e BNP Paribas, nonostante entrambe abbiano aderito a un'alleanza bancaria Net-Zero delle Nazioni Unite.

Una centrale elettrica a carbone a Yokohama, in Giappone.
Associated Press

Tuttavia, alcune ONG ambientali, come The Nature Conservancy, hanno restituito lo zero netto e hanno creato i propri progetti di compensazione per aiutare le aziende a trarre vantaggio dalla compensazione delle emissioni. Ma altri lo disapprovano. Friends of the Earth lo chiama "inseguire unicorni climatici", consentendo agli inquinatori di "nascondersi dietro la" rete "a zero netto, sostenendo che devono solo pagare qualcun altro per rimuovere il carbonio".

Dyke ha detto all'e360: "Le politiche di zero netto sono meglio comprese come l'ultima manifestazione di un sistema di politica climatica disfunzionale" – l'ultima "definizione" da parte degli apologeti dello status quo.

Crede che la china scivolosa sia iniziata negli anni '90, quando ci fu una spinta per persuadere un riluttante Stati Uniti ad affrontare il cambiamento climatico permettendogli di contare il carbonio assorbito dalle sue foreste come contributo. L'idea, dice Dyke, era che "se avesse gestito bene le sue foreste", il carbonio immagazzinato "avrebbe dovuto essere sottratto dai suoi obblighi di limitare la combustione di carbone, petrolio e gas".

Seguirono aggiustamenti tecnologici. Alla conferenza sul clima di Copenaghen nel 2009, le aziende hanno promesso di sviluppare la cattura e lo stoccaggio del carbonio (CCS), la cattura della CO2 mentre sale sui camini delle centrali elettriche per la sepoltura nel sottosuolo. Ma un decennio dopo, dice, non ci sono tali strutture in operazioni pratiche su larga scala.

A Parigi nel 2015, la "nuova tecnologia salvatrice" è stata la bioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio (BECCS). Questo ha combinato la CCS con la combustione di legna o altre colture bioenergetiche nelle centrali elettriche. Se il legno o altro combustibile fosse poi ricresciuto, assorbirebbe più carbonio dall'aria. In questo modo, il mondo potrebbe combinare la generazione di energia e le emissioni negative.

Nell'ambito delle strategie di riduzione della C02, alcuni paesi affermano che i processi naturali sono già inclusi nei futuri modelli climatici.

Ma da Parigi, è emerso che il pieno dispiegamento di BECCS richiederebbe piantagioni di alberi raccolti frequentemente o colture bioenergetiche che coprano dal 25 all'80% di tutta la terra attualmente coltivata. Ciò "devasterebbe la biodiversità", secondo Watson, che sin dal suo periodo presso l'IPCC ha anche presieduto la piattaforma intergovernativa di scienza e politica sulla biodiversità e i servizi ecosistemici.

"Il risultato finale di tutte queste deviazioni", ha detto Dyke, "è stato lo stesso – nessuna mitigazione efficace". Le emissioni oggi sono del 60 per cento superiori al livello del 1992, l'anno in cui il mondo ha concordato per la prima volta al vertice della Terra di Rio di prevenire il cambiamento climatico "pericoloso". "Lo zero netto è solo l'ultimo esempio di un pio desiderio che ci impedisce di riflettere in modo critico sul motivo per cui abbiamo fallito", ha detto.

Nella ricerca di mezzi per raggiungere le emissioni negative per raggiungere gli obiettivi zero-netto, c'è stata una crescente attenzione su quelle che vengono chiamate "soluzioni basate sulla natura". Questi implicano l'utilizzo della piantumazione di foreste o il ripristino di zone umide che trattengono il carbonio, come torbiere o paludi di mangrovie, per estrarre CO2 dall'aria.

Il termine è stato coniato nel 2017 da Bronson Griscom, allora presso The Nature Conservancy. In una nuova analisi di lui e di altri sulla rivista Nature questo mese, Griscom afferma che "possono avere un ruolo importante nel ridurre le temperature", anche a lungo termine, se sono adeguatamente progettati e hanno buoni standard contabili.

Ma anche questo ha attirato l'ira di Watson e dei suoi coautori. Knorr ha detto all'e360 che mentre era vero che gli ecosistemi ripristinati possono contenere più carbonio, calcolare qualsiasi beneficio aggiuntivo da interventi a breve termine è quasi impossibile. È anche ampiamente aperto a false dichiarazioni, ha affermato, poiché le aziende e i paesi adottano i serbatoi di carbonio naturali come parte dei loro piani per lo zero netto.

Mangrovie sulla penisola di Osa in Costa Rica. Le foreste di mangrovie sono i principali serbatoi di carbonio.
Prisma di Dukas Presseagentur GmbH / Alamy Stock Photo

"Circa un terzo delle attuali emissioni di CO2 sono assorbite dalle foreste e da altri ecosistemi", ha detto Knorr. “Il doppio conteggio è essenzialmente inevitabile. Abbiamo bisogno del sink naturale più la mitigazione, non del sink come mitigazione ".

Potenzialmente anche peggio, avverte, il cambiamento climatico stesso "potrebbe indebolire le foreste e renderle inclini a incendi o attacchi di insetti", a quel punto iniziano a rilasciare il loro carbonio. Per tali ragioni "le soluzioni basate sulla natura non offrono una garanzia che il carbonio rimarrà immagazzinato. È un vaso di Pandora ", ha detto Knorr.

Il modellatore del clima Myles Allen dell'Università di Oxford, un coautore del documento Nature di questo mese sulle soluzioni basate sulla natura, è d'accordo. Le soluzioni basate sul clima sono "temporanee e a rischio di inversione con il riscaldamento del mondo", ha detto a e360. La maggior parte dei modelli climatici mostra che la biosfera è passata da pozzo a fonte di carbonio nel corso di questo secolo. "Quindi immagazzinare carbonio fossile lì è rischioso", ha detto Allen, "a meno che tu non abbia un piano per immagazzinarlo da qualche parte in modo permanente se inizia a fuoriuscire di nuovo – a cui nessuno schema di compensazione pensa nemmeno".

Tali preoccupazioni non hanno impedito ad alcuni paesi di includere i loro pozzi naturali nel calcolo dei loro contributi al cambiamento climatico. Il Bhutan e il Suriname affermano entrambi di essere negativi al carbonio perché i loro alberi attualmente assorbono più di quanto emettono le loro industrie. Ma questo non ha senso scientifico, dicono i critici, perché sostengono come parte delle loro strategie di riduzione della CO2 processi naturali che sono già inclusi nei modelli del clima futuro. Il pericolo è che altri paesi provino a unirsi a loro.

Tra i segnali di pericolo, un leader mondiale dell'energia trova ragioni per sperare. Leggi di più.

Quando la Cina si è recentemente impegnata a raggiungere lo zero netto entro il 2060, ha affermato che lo avrebbe raggiunto in parte attraverso soluzioni basate sulla natura. L'inviato speciale del governo per il clima, Xie Zhenhua, ha affermato nel 2019 che le soluzioni basate sulla natura potrebbero ridurre di un terzo le emissioni nette della Cina. L'anno scorso, in un articolo su Nature, Yi Liu dell'Accademia cinese delle scienze e colleghi hanno calcolato che tra il 2010 e il 2016 le foreste cinesi hanno assorbito l'equivalente del 45 per cento delle sue emissioni di CO2 prodotte dall'uomo.

Allo stesso modo, il servizio forestale degli Stati Uniti afferma che l'11% delle emissioni nazionali di CO2 sono "compensate" dalle foreste americane. Se i due maggiori emettitori del mondo iniziassero a sostenere che il carbonio assorbito in queste foreste esistenti potrebbe essere compensato dalle loro emissioni per raggiungere lo zero netto, allora la base scientifica per le politiche zero-netto per porre fine al cambiamento climatico si sgretolerebbe rapidamente.