Gli abitanti di un villaggio remoto nella foresta pluviale salvano la loro comunità con l'aiuto di WildArk

0
6

Per mesi, i membri della comunità Tuke in Papua Nuova Guinea avevano assistito alla distruzione intorno al loro villaggio sulle montagne Nakanai della Nuova Bretagna.

Le rigogliose foreste che avevano circondato generazioni ancestrali per secoli venivano ripulite per fare spazio alle piantagioni di olio di palma. La comunità osservava i camion che si muovevano attraverso l'area un tempo incontaminata, faticando lungo strade fangose ​​e di recente creazione. Il loro prezioso legno tropicale stava lasciando la foresta pluviale per terre lontane.

I Tuke temevano che presto sarebbe rimasta ben poco della foresta che avevano curato per così tanto tempo. Nella speranza di trovare una soluzione, tre membri della comunità hanno intrapreso una passeggiata di tre giorni nell'agosto 2016 per chiedere aiuto.

"Quando la nostra foresta sarà scomparsa, non avremo più nulla", ha detto Thomas Telgonu, un portavoce della comunità Tuke.

Gli uomini hanno incontrato l'esperto di turismo locale Riccard Reimann, originario della Papua Nuova Guinea, proprietario del Baia Sport Fishing Lodge sull'isola della Nuova Bretagna. Dopo aver ascoltato la loro storia, ha studiato l'area e si è reso conto di quanto fosse parte integrante del paese. Determinato ad aiutare il popolo Tuke a proteggere la propria terra, Reimann ha contattato i suoi amici Mark e Sophie Hutchinson, dell'organizzazione no profit WildArk, per vedere cosa potevano fare.

Creare una tutela

Gli Hutchinson hanno immediatamente accettato di aiutare.

WildArk lavora per proteggere le specie e gli ecosistemi abbracciando le partnership locali e l'impegno della comunità per creare paradisi sicuri per la biodiversità. Unendosi alla comunità di Tuke e Reimann, WildArk ha creato la Tuke Rainforest Conservancy per proteggere le persone e le foreste di Tuke.

L'area all'interno della riserva copre circa 42.000 acri e comprende foreste pluviali, cascate, vulcani e fiumi sotterranei. Brulica di fauna selvatica, da coccodrilli estuari e tartarughe liuto a una serie di pipistrelli e uccelli. Grazie alla collaborazione scatenata da quella fatidica escursione nel 2016, queste creature e il loro habitat sono ora protetti dal disboscamento e dalle attività legate all'olio di palma.

Secondo Conservation International, il luogo è "una delle ultime grandi aree selvagge di isole tropicali del mondo e una delle meno esplorate" sulla Terra.

Alla fine del 2018, un team di WildArk ha visitato la Tuke Rainforest Conservancy accompagnato dall'ecofisiologo delle piante Joseph Holtum e dallo scienziato Terry Reardon, che ha studiato batteri, funghi, insetti e mammiferi, con un interesse speciale per i pipistrelli. Guarda alcuni dei loro viaggi nel video qui sopra.

Questo team ha avviato una ricerca preliminare sulla biodiversità locale. Secondo WildArk, la New Britain potrebbe essere uno dei luoghi biologicamente più significativi del pianeta, con foreste secolari, doline profonde, grotte di montagna e fiumi nascosti.

Poiché le piante e gli animali non sono ben noti a causa della posizione remota dell'area, il gruppo prevede di completare uno studio completo sulla diversità per saperne di più sul significato della regione.

Fornire assistenza sanitaria

Per proteggere la terra, WildArk afferma di aver bisogno di sostenere le persone che si sono prese cura delle foreste pluviali per molte generazioni. L'assistenza sanitaria è una delle esigenze più urgenti del popolo Tuke.

Le donne incinte hanno un disperato bisogno. Secondo WildArk, le future mamme devono camminare per 24 ore attraverso una fitta e ripida giungla con più attraversamenti di fiumi per raggiungere un ospedale. Poiché molti devono fare questo viaggio durante il travaglio, alcuni muoiono lungo la strada.

WildArk vuole aiutare a costruire una struttura medica nel villaggio e lavorare per assicurarsi che ci sia personale medico qualificato disponibile quando le persone hanno bisogno di cure mediche.

Educare un villaggio

Il villaggio di Tuke ha una scuola elementare costruita da missionari tedeschi, ma raramente ha insegnanti. I giovani aspiranti studenti che si presentano per le lezioni spesso non trovano nessuno a fornire le conoscenze che desiderano. I bambini più grandi devono fare un trekking di tre giorni per raggiungere un collegio.

WildArk sta fornendo finanziamenti a 27 studenti per frequentare il collegio, qualcosa che molte famiglie non sono state in grado di permettersi. La prossima missione del gruppo è raccogliere fondi per insegnanti locali che possono fornire istruzione nel villaggio di Tuke. Il costo è di $ 5 l'ora per un insegnante.

Istruzione e assistenza sanitaria vanno di pari passo con la conservazione della biodiversità della regione, consentendo alla popolazione di Tuke di proteggere il proprio ambiente e il proprio stile di vita.

"Voglio vedere quest'area protetta per sempre", dice Reimann, "mantenendo non solo il ricco ecosistema ma, soprattutto, la cultura delle persone".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui