Gli alberi stanno scomparendo – e velocemente – dalle città americane

0
39

Solo un paio di mesi dopo che il servizio forestale degli Stati Uniti ci ha avvisato dei vantaggi economici sbalorditivi forniti dall'abbattimento di sostanze inquinanti, dalla riduzione delle emissioni, dal sequestro del carbonio e dal miglioramento dell'efficienza degli alberi urbani, l'USFS è tornato con alcune notizie non così grandi: il i multitasker frondosi che rendono vivibili le città americane sono in declino.

O, più precisamente, la copertura arborea urbana americana è stata in declino dal 2009 al 2014, quando è passata dal 40,4% al 39,4%. E mentre un nuovo studio sulla chioma degli alberi guidato dagli scienziati dell'USFS David Nowak ed Eric Greenfield non arriva fino a concludere che la copertura degli alberi urbani si sta attualmente riducendo, non c'è motivo di credere che non sia il caso in base alle tendenze passate .

Detto questo, un calo dell'1% su un periodo di cinque anni potrebbe non sembrare una cifra per cui vale la pena farsi prendere dal panico, specialmente quando si indossano occhiali color rosa e si presume che questi alberi perduti siano stati sostituiti da allora. E in alcuni casi lo hanno fatto.

Ma come dettagliano le scoperte di Nowak e Greenfield, un calo dell'1% quando si tratta di copertura arborea urbana è molto: circa 175.000 acri ogni anno decimati o un totale di 36 milioni di alberi urbani persi a causa di malattie, danni da insetti, sviluppo, tempeste e vecchiaia ogni anno. anno. Inoltre, la percentuale di copertura impermeabile nelle aree urbane – tetti, marciapiedi, strade, parcheggi e simili – è aumentata dal 25,6% al 26,6% durante lo stesso periodo di cinque anni.

E proprio come studi precedenti hanno attribuito un prezzo ai vasti vantaggi economici che le città in rapida crescita possono trarre dagli alberi urbani, Nowak e Greenfield hanno dato una cifra prudente – un enorme $ 96 milioni – alle perdite economiche associate a cinque anni di costante declino degli alberi urbani.

Scrivendo per Scientific American, Richard Conniff sottolinea che questa perdita di 96 milioni di dollari prende in considerazione solo i suddetti benefici ambientali forniti direttamente dagli alberi: la rimozione o l'inquinamento atmosferico, una maggiore efficienza energetica dovuta alla maggiore ombra, sequestro del carbonio e così via e così via. Non vengono presi in considerazione altri vantaggi significativi legati agli alberi, tra cui l'aumento dei valori delle case, la riduzione dei tassi di criminalità e gli abitanti delle città più felici e meno stressati.

Mentre gli alberi del Piedmont Park di Atlanta non stanno andando da nessuna parte, quasi 19.000 acri di foresta urbana altrove in Georgia sono scomparsi ogni anno tra il 2009 e il 2014.
(Foto: Tim Dorr / Flickr)

Diradamento dei baldacchini urbani negli stati grandi e piccoli

Naturalmente, il declino degli alberi urbani variava da stato a stato durante la durata dello studio Google Earth-aided di Nowak e Greenfield, che è stato recentemente pubblicato sulla rivista Urban Forestry and Urban Greening.

Ventidue stati hanno registrato cali relativamente piccoli nella copertura arborea, mentre Alaska, Minnesota e Wyoming non hanno subito alcun cambiamento nella copertura arborea. Tre stati – New Mexico, Montana e Mississippi – hanno registrato aumenti modesti ma incoraggianti della copertura. Tuttavia, 22 stati insieme al Distretto di Columbia hanno sperimentato quello che Nowak e Greenfield hanno considerato un calo "statisticamente significativo" della copertura arborea sia nei nuclei urbani (1%) che nei sobborghi periferici (0,7%) delle aree metropolitane.

Per Nowak e Greenfield, gli stati con il maggior calo statistico annuale della copertura arborea sono stati Alabama (-0,32%), Oklahoma (-0,30%), Rhode Island (-0,44%), Oregon (-0,30%), Florida (-0,26 per cento), Tennessee (-0,27 per cento) e Georgia (-0,40 per cento). Anche Washington, DC, è in cima alla lista con un calo del -0,44%.

In termini di superficie complessiva di foresta urbana persa, tre stati del sud-est – Georgia, Alabama e Florida – insieme al Texas hanno superato ciascuno i 10.000 acri all'anno.

Senza contare i guadagni o le perdite, il Maine aveva la percentuale maggiore di copertura arborea urbana con il 68,4%, mentre il Nord Dakota aveva la minima con solo il 10,7%.

Ma come spiega Nowak a Popular Science, l'ubicazione ha sempre la meglio sulle dimensioni: "Gli alberi del Montana potrebbero rimuovere più inquinamento atmosferico rispetto agli alberi di New York City, ma gli alberi di New York City sono più preziosi perché puliscono l'aria dove le persone respirano e riducendo l'energia e la temperatura dell'aria dove le persone vivono e lavorano. Più dell'80% della popolazione degli Stati Uniti vive in aree urbane. Di conseguenza, quegli alberi sono fondamentali in termini di salute e benessere umano ".

Providence, Rhode Island, è senza dubbio frondosa in alcuni punti. Tuttavia, il minuscolo Stato dell'Oceano ha registrato la più alta percentuale di declino della copertura arborea urbana in un arco di cinque anni.
(Foto: Jeff Nickerson / Flickr)

La piantagione di alberi e la mentalità americana della "soluzione rapida"

Quindi cosa si può fare negli stati con aree urbane che stanno perdendo alberi vitali a un ritmo allarmante?

Scientific American osserva che alcune città, in sforzi concertati per contrastare l'effetto isola di calore urbano, limitare l'inquinamento atmosferico e gestire le acque piovane, si sono prodigate per aumentare i loro baldacchini urbani.

Ma apparentemente il più delle volte, queste campagne di piantagione di alberi non vanno abbastanza lontano. In alcune città, comprese quelle che hanno lanciato iniziative popolari "1 milione di alberi", il numero target non viene mai raggiunto a causa di problemi di finanziamento e / o di entusiasmo in calo. Di conseguenza, gli alberi appena piantati sono semplicemente in inferiorità numerica rispetto agli alberi che hanno perso a causa di malattie, età e sviluppo rampante. Nelle città che raggiungono il milione di alberi, gli alberi in questione sono alberelli che spesso non vengono rilevati dalle immagini di Google Earth. Nowak suggerisce che con il tempo questi giovani alberi faranno la differenza.

Notando che la cultura americana è "tutta incentrata sulla soluzione rapida", Deborah Marton del New York Restoration Project spiega a Scientific American perché le campagne di piantumazione di alberi urbani, per quanto cruciali e grandi per il morale possano essere, a volte vacillano: "È lento. Non è sexy. Se pianti un nuovo albero, è eccitante. Se lo innaffi per cinque anni … forse crescerà di qualche centimetro. "

"Non esiste quasi nessuna metrica di salute pubblica, criminalità o qualità ambientale che si possa osservare che non sia migliorata dalla presenza di alberi", prosegue Marton.

William Sullivan, capo del dipartimento di architettura del paesaggio presso l'Università dell'Illinois a Urbana-Champaign, suggerisce che sarebbe utile se le città con tettoie diradate semplicemente si sedessero e prendessero del tempo per considerare i benefici ad ampio raggio degli alberi urbani oltre al loro fascino estetico . Sullivan ritiene che per essere veramente efficaci in un'era di temperature in aumento, clima selvaggio e urbanizzazione dilagante, gli alberi devono dominare il paesaggio urbano, non solo essere educatamente limitati a parchi e greenways. Le città devono essere aggressive.

"Troppe persone pensano che vivere a stretto contatto con la natura sia bello, è un piacere, è bello avere se te lo puoi permettere", dice. "Non hanno ricevuto il messaggio che sia una necessità. È una componente fondamentale di un habitat umano sano".