Gli archeologi scoprono il sistema di riciclaggio nell'antica Pompei

0
4

In un certo senso, l'antica città romana di Pompei imitava una città moderna: una volta racchiusa all'interno delle mura protettive della città, mentre l'area urbana cresceva e prosperava, si diffuse nelle campagne, creando periferie. Ma per altri versi era estremamente diverso. I pompeiani avevano un rapporto con la loro spazzatura che suona come l'opposto polare del nostro.

Gli archeologi dicono che è importante ricordare che tutte le società, passate o presenti, non hanno gli stessi atteggiamenti nei confronti della pulizia o dell'igiene. Ciò che costituisce spazzatura e come e dove conservarlo è deciso dai membri della comunità. Pensaci: la lettiera è un concetto malleabile, e anche nell'era moderna era accettabile lasciare la spazzatura alle spalle. Molti fumatori pensano ancora che sia giusto gettare i mozziconi di sigaretta dal finestrino dell'auto.

Capire come le diverse culture vedono la morte e la spazzatura è una chiave per comprenderle. A Pompei, le tombe venivano collocate nelle zone ad alto traffico della città (per meglio ricordare i morti) e le fosse di smaltimento erano tenute negli stessi spazi di stoccaggio dell'acqua. Hanno anche ordinato il riciclaggio in modo diverso. Invece di impacchettarlo e inviarlo in uno stato lontano (o paese, come facevano gli Stati Uniti con la Cina fino a quando non hanno iniziato a rifiutarlo), nuove prove mostrano che i pompeiani riciclavano direttamente a casa.

Gli archeologi l'hanno capito esaminando pile di detriti e i tipi di terreno che contenevano. Escrementi umani o rifiuti alimentari domestici lascerebbero il suolo organico in una fossa, e i rifiuti stradali si accumulerebbero contro i muri e si mischerebbero con il terreno sabbioso dell'area, degradandosi in un terreno simile, non il materiale organico più scuro e ricco. Alcuni di quei rifiuti sarebbero stati trovati in pile considerevoli, più grandi di quelle che sarebbero state spazzate o spazzate via dal traffico pedonale.

"La differenza nel suolo ci consente di vedere se la spazzatura è stata generata nel luogo in cui è stata trovata o raccolta da altrove per essere riutilizzata e riciclata", ha affermato Allison Emmerson, archeologa dell'Università di Tulane che faceva parte del team che ha condotto lo scavo, ha detto al The Guardian. (Ulteriori dettagli sulla ricerca di Emmerson sono previsti per un libro di prossima uscita, "Life and Death in the Roman Suburb.")

https://www.youtube.com/watch?v=9G6ysTKQV68

Mentre i ricercatori hanno scavato in pile alte 6 piedi spinte contro le mura della città, hanno trovato materiali come intonaco e pezzi di ceramica rotti. In origine, si pensava che questi cumuli facessero parte del caos lasciato quando un terremoto devastò la città 17 anni prima dell'eruzione del Vesuvio, ma è più probabile che siano prove di riciclaggio, postula Emmerson, dal momento che gli archeologi hanno scoperto che lo stesso tipo di materiale era utilizzato come materiale da costruzione in altre parti della città e nelle aree suburbane. (Salta alle 15:30 nel video sopra di una recente conferenza di Emmerson per vedere come appare oggi una strada pompeiana ed esplorare le attività commerciali e la pianta della città.)

Gli archeologi sapevano già che le pareti interne degli edifici di Pompei spesso contenevano pezzi di piastrelle rotte, pezzi di intonaco usato e pezzi di ceramiche domestiche, che sarebbero stati ricoperti con uno strato superiore di nuovo intonaco per un aspetto finito.

Ora era ovvio da dove provenisse il materiale delle pareti interne: i "bidoni per la raccolta differenziata" accuratamente selezionati addossati alle antiche mura della città. Ha senso: questo era un luogo in cui scaricare il materiale da uno smontaggio o rimodellamento e un luogo in cui i costruttori potevano quindi raccogliere materiale da riutilizzare. "Le pile fuori dalle mura non erano materiale che è stato scaricato per sbarazzarsene. Sono fuori dalle mura che vengono raccolte e smistate per essere rivendute all'interno delle mura", ha detto Emmerson.

In questo modo, i pompeiani non stavano solo riciclando, stavano riciclando localmente, con materiali da costruzione e rifiuti rimossi da un'area della città e usati per costruire in un'altra.

Considerando che i rifiuti da costruzione costituiscono almeno un terzo – e forse addirittura il 40% – dello spazio in discarica, questa è una lezione che le società moderne potrebbero trarre dagli antichi.

Emmerson spiega perché: "I paesi che gestiscono più efficacemente i loro rifiuti hanno applicato una versione del modello antico, dando priorità alla mercificazione piuttosto che alla semplice rimozione".