Gli obiettivi di riduzione della plastica sono troppo bassi, secondo uno studio

0
5

Hai presente tutte quelle promesse che i governi stanno facendo per frenare la plastica monouso e ottenere una gestione dei rifiuti di plastica entro i prossimi 5-10 anni? Sfortunatamente, non faranno molto, anche se prenderanno la forma di politiche formali. Possono essere sostenuti da buone intenzioni, ma il livello di sforzo richiesto per "risolvere" questo problema è così straordinario che gli attuali obiettivi di riduzione del governo sono completamente fuori uso.

Questa notizia deludente arriva da un nuovo studio pubblicato sulla rivista Science. È il risultato di una collaborazione tra ricercatori dell'Università di Toronto, dell'Università della Georgia, dell'Ocean Conservancy e di numerose altre istituzioni internazionali che si sono unite come gruppo di lavoro SESYNC (National Socio-Environmental Synthesis Center). Il gruppo ha valutato l'impatto ambientale di tre strategie di gestione della plastica – riduzione, gestione dei rifiuti e recupero ambientale – a diversi livelli di sforzo per calcolare le emissioni di plastica per 173 paesi entro il 2030.

Quello che hanno scoperto è che, anche se gli attuali obiettivi del governo per la riduzione della plastica fossero stati raggiunti (e questo è ottimistico), ci sarebbero fino a 53 milioni di tonnellate di plastica che entrano negli oceani del mondo ogni anno. Questo è più o meno equivalente al carico di una nave che viene scaricato ogni giorno nell'oceano, ovviamente troppo.

Se i rifiuti di plastica oceanici annuali dovessero essere ridotti a meno di 8 milioni di tonnellate, che è il numero che la dottoressa Jenna Jambeck ha scoperto nel 2015, quando questo argomento ha fatto notizia a livello mondiale (e all'epoca era considerato inaccettabilmente alto), estremo sarebbero necessari sforzi. Il gruppo di lavoro SESYNC ha stabilito che

"La produzione e i rifiuti di plastica dovrebbero essere ridotti del 25-40%; tutti i paesi dovrebbero gestire correttamente il 60-99% di tutti i loro rifiuti [including in low-income economies]; e la società avrebbe bisogno di recuperare il 40% della plastica rimanente che entra nell'ambiente".

Per mettere in prospettiva questo numero finale, l'Ocean Conservancy ospita un annuale International Coastal Cleanup che attira volontari da oltre 100 paesi ogni settembre. Recuperare il 40% della plastica che entra nell'ambiente significherebbe un miliardo di persone che partecipano all'evento di pulizia, un aumento del 90.000% rispetto al 2019. In altre parole, dal suono meraviglioso, ma irrealistico.

La dottoressa Chelsea Rochman, assistente professore all'Università di Toronto e consulente senior dell'Ocean Conservancy, ha affermato che lo studio ha dimostrato che dobbiamo fare molto di più e non abbiamo un momento da perdere:

"Anche se raggiungiamo i nostri più ambiziosi obiettivi di riduzione e riciclaggio della plastica, la quantità di rifiuti di plastica che entrano negli ecosistemi acquatici potrebbe raddoppiare entro il 2030. Se falliamo e continuiamo lungo un percorso di "normalità", potrebbe quadruplicare. Lo studio mette a nudo che gli impegni attuali non sono sufficienti per arginare l'ondata di plastica che entra nei nostri ecosistemi acquatici".

I governi non sembrano cogliere il livello di ambizione di cui hanno bisogno per combattere questo problema e dovrebbero essere disposti ad adottare misure più estreme per farlo. È qualcosa che anche le persone devono realizzare e tenere a mente quando si prendono decisioni di acquisto relative alla plastica. Questa è una lotta che conta molto, che deve essere presa più seriamente e che richiede un'azione ora.