Gli schemi di riciclaggio della restituzione della posta non funzionano così bene

0
7

Secondo Jan Dell, gli schemi di riciclaggio della restituzione della posta sono una pessima idea. L'ingegnere indipendente e fondatrice di una ONG chiamata The Last Beach Cleanup è così arrabbiata per il greenwashing generato da questi schemi, che la sua organizzazione ha avviato una causa contro TerraCycle, il più noto sostenitore del riciclaggio della posta, e altri otto prodotti aziende, tra cui Gerber, Clorox, Tom's of Maine, Procter & Gamble e Coca-Cola. La causa chiede a queste aziende di interrompere la pubblicità, il marketing e l'etichettatura di centinaia di migliaia (se non milioni) di prodotti come riciclabili quando i numeri non tornano.

I programmi di restituzione della posta comportano il riempimento di una scatola con imballaggi scartati che in genere sono difficili da riciclare, come bustine di condimento, sacchetti di patatine, spazzolini da denti e altro, e l'invio a un riciclatore di terze parti come TerraCycle per l'elaborazione. Ai consumatori viene detto che i loro rifiuti vengono trasformati in oggetti utili come panchine e tavoli da picnic, nonostante il fatto ovvio che questi oggetti hanno una durata di vita limitata e alla fine verranno inviati alle discariche poiché la plastica può essere solo riciclata e trasformata in una versione minore di si.

Questi programmi di mail-back non sono ancora ampiamente utilizzati, ma Dell non vuole che lo siano perché hanno poco senso. Li descrive in un comunicato stampa come un "grande fallimento climatico", basato su calcoli che sono stati fatti insieme a Beyond Plastics, come parte di una scheda informativa pubblicata nel giugno 2021:

"[We assessed] le emissioni di carbonio e i rifiuti di imballaggio di quattro tipi di comuni prodotti di plastica monouso se dovessero essere rispediti in scatole di cartone su scala nazionale: pacchetti di condimenti, sacchetti di patatine, bicchieri di plastica e posate di plastica. Le emissioni di carbonio derivanti dalla spedizione di 6,6 miliardi di pacchetti di condimenti sarebbero 104.000 tonnellate di CO2 all'anno, all'incirca pari alle emissioni annuali di carbonio di 23.000 automobili statunitensi. Rispedire indietro il 60% delle buste per snack prodotte da un produttore statunitense equivarrebbe alle emissioni annuali di carbonio di circa 580.000 auto statunitensi".

Ciò significa che il trasporto di milioni di scatole di prodotti di plastica usati in tutto il paese non farebbe altro che "accelerare l'aumento delle temperature globali man mano che ci avviciniamo sempre più all'aumento di 1,5°C in cui gli scienziati concordano che dobbiamo rimanere per evitare i peggiori impatti del cambiamento climatico. "

The Last Beach Cleanup contesta alcuni fatti chiave. Il principale è che molte aziende affermano che la confezione del loro prodotto è riciclabile tramite TerraCycle o un altro programma, e tuttavia hanno un numero limitato di partecipanti al programma di restituzione della posta, probabilmente a causa del costo esorbitante delle scatole di spedizione tramite UPS. Come Dell ha spiegato in un'e-mail a Treehugger, "Nella causa, sosteniamo che è illegale etichettare e affermare che i prodotti sono riciclabili se ci sono limiti di partecipazione".

Lei stessa è stata messa in una lista d'attesa di 9 mesi per spedire indietro le patatine di mais di fine luglio (di proprietà di Campbell's Soup) per il riciclaggio. "Durante quel periodo, Campbell's Soup ha continuato a vendere milioni di sacchetti di patatine etichettati come 'riciclabili' e ha continuato a dichiarare sul proprio sito Web che i sacchetti di patatine sono riciclabili. Questo problema di etichetta ingannevole è il problema principale della denuncia".

Sacchetto di patatine di fine luglio, pronto per la spedizione per essere riciclato.
Jan Dell/L'ultima pulizia della spiaggia

Le persone che desiderano bypassare la lista d'attesa possono acquistare una costosa scatola "zero rifiuti" che possono riempire con prodotti che necessitano di riciclaggio, ma questo è un costo che non dovrebbero sostenere. Dal documento della causa: "Lasciati senza altre scelte libere, i consumatori devono quindi gettare l'imballaggio nella spazzatura dove alla fine finirà in una discarica. Peggio ancora, alcuni consumatori invece scartano l'imballaggio nei loro cassonetti per la raccolta differenziata, contaminando così flussi di riciclaggio legittimi con materiali non riciclabili e aumento dei costi per i comuni".

Il secondo punto controverso è l'affermazione di TerraCycle che la maggior parte della plastica che riceve viene riciclata. Considerando che le bottiglie in PET hanno solo un tasso di riciclaggio del 70% (con il 30% perso come spreco nel ritrattamento), a causa delle complessità tecniche e dell'alto costo di ritrattamento, l'affermazione di TerraCycle secondo cui il 97% della sua plastica viene riutilizzata ha sollevato una bandiera rossa per The Last Pulizia della spiaggia. Quando è stata richiesta la prova, TerraCycle ha rimosso l'affermazione dal suo sito Web, ma rimane l'impressione imprecisa di un riciclaggio diffuso.

La causa sottolinea che il modello di business del riciclaggio della restituzione della posta incoraggia le aziende a continuare a produrre imballaggi realizzati con materiali difficili da riciclare e i clienti a continuare ad acquistare quei prodotti perché sono convinti che vada bene per l'ambiente. Questo distoglie energia e attenzione dall'innovazione del packaging che potrebbe fare una differenza davvero positiva. Dell scrive: "Dando l'impressione al pubblico che i prodotti siano riciclabili, i consumatori vengono indotti a credere che siano prodotti "verdi" quando potrebbero acquistare prodotti più rispettosi dell'ambiente".

Judith Enck, presidente di Beyond Plastics ed ex amministratore regionale dell'EPA, ha dichiarato in un comunicato stampa: "Alcune aziende stanno cinicamente sfruttando l'impegno degli americani nel ridurre l'inquinamento da plastica creando programmi di restituzione per articoli che non sono progettati per essere riciclati. Purtroppo , spedire imballaggi e prodotti in plastica usati in tutto il paese non ha senso né dal punto di vista ambientale né da quello finanziario, rendendo questa un'altra falsa soluzione propagandata dal settore alla nostra crisi dei rifiuti di plastica".

Il sacchetto per trucioli è "riciclabile con TerraCycle" quando viene rispedito per posta.
Jan Dell/L'ultima pulizia della spiaggia

The Last Beach Cleanup vorrebbe che l'attenzione si spostasse dagli schemi di riciclaggio della restituzione della posta e più verso la pressione delle aziende per la progettazione di imballaggi che possano essere riciclati nelle strutture locali (non è necessario che siano trasportati su autocarri per migliaia di miglia in tutto il paese) e sostenendo il riutilizzabile , ricaricabili e soluzioni a zero rifiuti, tutte fattibili ma che non diventeranno mai mainstream finché lo status quo dell'usa e getta sarà sostenuto da schemi di riciclaggio poco pratici come questo.

L'inquinamento da plastica è aumentato drammaticamente negli ultimi anni, con una stima di 8,3 miliardi di tonnellate di plastica prodotta nell'ultimo decennio. La maggior parte di questo finisce come spazzatura o inquinamento; solo il 9% stimato è stato riciclato e non sta migliorando. Il tasso di riciclaggio in California è sceso dal 50% nel 2014 al 37% nel 2019.

L'inquinamento da plastica provoca anche enormi danni ambientali, sociali ed economici. La causa elenca "miseria e morte per oltre 100 specie; tossine che penetrano nell'ambiente e nella nostra catena alimentare; vulnerabilità a eventi meteorologici estremi perché i tombini sono intasati di plastica; costi per i contribuenti per la raccolta dei rifiuti; degrado sui nostri paesaggi; [and] diffusione di vettori di malattie come la febbre dengue" come ragioni per cui le aziende e i responsabili politici dovrebbero lavorare per eliminarla gradualmente il più rapidamente possibile.

Gli schemi di riciclaggio della restituzione della posta non affrontano il problema della plastica. Piuttosto, lo perpetuano rimandando l'inevitabile scarto che deve avvenire, emettendo più gas serra attraverso il trasporto e creando un falso senso di autocompiacimento nei consumatori. Sicuramente possiamo fare di meglio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui