gli scrittori degli anni '30 che descrivevano la calamità ambientale causata dalle fosse

0
41

Vengo da una famiglia di minatori. L'ultima persona a lavorare nella fossa è stato mio nonno paterno, che ha scavato il carbone dai tunnel sotterranei nascosti nelle profondità delle Marche gallesi, che si trovano lungo il confine inglese. In confronto alle innumerevoli miniere di carbone che hanno reso il Galles meridionale a un certo punto la più grande regione esportatrice di carbone nel mondo, il nostro era il giacimento dimenticato.

Mio nonno era un minatore orgoglioso, ma era fermamente convinto che nessuno dei suoi figli avrebbe seguito le sue orme. L'annientamento da parte della Thatcher delle comunità minerarie è stato condotto in modo spaventoso, ma il ripristino del settore non era la risposta. Tuttavia, quando mi sono trasferito nel Galles meridionale per studiare, ero consapevole di un diverso atteggiamento nei confronti della nostra eredità nazionale.

Poco dopo aver iniziato il mio master a Cardiff, ho partecipato a un evento con una giuria di ex-collier. Durante la sessione di domande e risposte, un membro del pubblico ha espresso il desiderio che l'attività mineraria ritorni nell'area, che è stata accolta con l'approvazione di altri. Sapevo che ciò rifletteva la realtà che gran parte del Galles meridionale non si è mai completamente ripresa dalla brusca rimozione dell'industria, ma anche consapevole che, in quell'occasione, non c'era quasi nessuno a sostenere il contrario.

Il prezzo del carbone

Certo, l'industria del carbone ha portato occupazione, comunità e un forte senso di identità in alcune parti del Galles. Tuttavia, ciò è avvenuto a costo di una diffusa distruzione ecologica e, nonostante l'attuale pandemia di coronavirus, la minaccia più significativa per la nostra sopravvivenza rimane il cambiamento climatico. Come persone, abbiamo una naturale tendenza a guardare al passato con affetto, ma per evitare di regredire, è importante ricordare gli aspetti negativi della storia.

La letteratura sull'estrazione del carbone gallese ha attirato negli anni un buon grado di attenzione critica. Tuttavia, è stata prestata poca considerazione al modo in cui gli scrittori descrivono l'impatto ambientale del settore.

Minatore di carbone scultura nella Baia di Cardiff.
Steve F / Wikimedia, CC BY

Negli ultimi tre anni, ho esaminato una serie di testi pubblicati negli anni '30, un decennio che ha visto una maggiore richiesta – oltre il Galles – di letteratura sulle dure realtà della vita nelle comunità minerarie. Questa scrittura industriale gallese, come divenne nota, è solitamente vista come un documento sociale di quell'epoca. A mio avviso, dovremmo riclassificare questi scritti come prime articolazioni dei cambiamenti causati dall'uomo che hanno creato l'emergenza climatica odierna.

Scrivere catastrofe ambientale

Il Galles fu devastato durante gli anni '30 dalla Grande Depressione. L'industria del carbone era in declino e nel 1932 quasi la metà di tutti gli uomini erano disoccupati. Questa desolazione economica è rispecchiata dalle rappresentazioni letterarie del degrado ambientale nella scrittura industriale gallese, che all'epoca stava attraversando un boom.

Le miniere di carbone hanno utilizzato i fiumi locali per lavare il carbone, trattando anche le fonti d'acqua come deposito di rifiuti. Di conseguenza, l'ecologia fluviale ha sofferto per generazioni. La parata nera di Jack Jones (1935) comunica la realtà mortale di questo inquinamento fluviale nel Merthyr Tydfil vittoriano, nel Galles meridionale. In tutto il romanzo di Jones, la presenza del fiume locale contaminato ossessiona i personaggi. I rifiuti umani e industriali si combinano per creare condizioni di vita intollerabili in cui i topi dominano supremi.

Jack Jones.
Wikimedia

Durante il periodo dell'industrializzazione, vaste aree della foresta gallese sono state bonificate per produrre gli oggetti di scena in legno utilizzati per creare tunnel sotterranei per l'estrazione del carbone. Nella lunga poesia di Idris Davies, Gwalia Deserta (1938), il poeta traccia parallelismi tra la perdita di alberi gallesi a favore dell'industria e la privazione della popolazione locale durante la Depressione. La poesia di Davies serve come un chiaro avvertimento di ciò che diventa un luogo quando perde i suoi alberi.

L'inquinamento atmosferico diffuso è stata una delle principali conseguenze dell'estrazione del carbone gallese. Il testo autobiografico di BL Coombes, These Poor Hands (1939), descrive come le miniere di carbone abbiano creato innumerevoli quantità di polvere che hanno annerito il paesaggio naturale e le comunità vicine, mentre sotto terra i minatori sono stati sottoposti a condizioni di lavoro abiette che hanno causato malattie respiratorie fatali.

Durante l'estrazione del carbone gallese, anche grandi quantità di materiale di scarto sono state rimosse dalla terra e poste in superficie. Ciò ha provocato enormi cumuli di terra nera, noti come punte di bottino, che hanno disseminato il paesaggio gallese.

How Green Was My Valley (1939) di Richard Llewellyn è criticato per la sua rappresentazione imprecisa delle comunità minerarie, ma in quanto racconto più letto della vita nel bacino del Galles, merita attenzione. Il romanzo si concentra interamente sulla minacciosa punta di bottino che si profila sopra la casa del protagonista. Pubblicato quasi 30 anni prima del disastro dell'Aberfan, in cui una punta di bottino crollò sul villaggio gallese di Aberfan, uccidendo 116 bambini e 28 adulti, il testo di Llewellyn è inquietantemente profetico.

Data l'urgenza di invertire la catastrofe climatica globale, è importante porre fine alla nostra dipendenza dai combustibili fossili. In Galles, possiamo essere orgogliosi del nostro patrimonio industriale pur riconoscendo le sue realtà ecologicamente distruttive. La letteratura, nella sua capacità di coinvolgere le persone, può aiutarci a ricordare gli aspetti negativi del nostro passato, quindi evitiamo di fare passi regressivi in ​​futuro.