grido di battaglia o elegia per il fringuello dalla gola nera?

49

Nelle ultime settimane, artisti provenienti da tutta l'Australia hanno creato piccole opere d'arte raffiguranti il ​​fringuello dalla gola nera in via di estinzione e le hanno inviate ai politici coinvolti nel processo decisionale intorno alla miniera di Adani Carmichael nel bacino della Galilea del Queensland. Prima di essere spedite, le opere d'arte vengono fotografate e caricate su Instagram. Finora ne sono stati spediti oltre 1.400.

Questa non è la prima volta che gli artisti australiani si uniscono per protesta. Nel 2014 Transfield Holdings è stata costretta dalle proteste degli artisti a ritirarsi come sponsor principale della Biennale di Sydney – un ruolo filantropico che risale a 40 anni fa – quando gli artisti partecipanti hanno appreso che una società allora collegata era coinvolta nel programma di detenzione offshore dell'Australia.

Allo stesso modo, nel 2017 gli artisti hanno condotto una campagna di successo chiedendo alla National Gallery of Victoria di licenziare la sua azienda di sicurezza sotto contratto, Wilson, che è anche attiva nella detenzione dei richiedenti asilo.

Per penetrare nella coscienza pubblica, tuttavia, le proteste guidate dagli artisti devono andare oltre le arene relativamente di nicchia dei musei d'arte e di Instagram. La serie di campagne di poster di Peter Drew, iniziata nel 2015 con Real Australians Say Welcome, ad esempio, sono diventate immagini accettate, persino previste negli spazi pubblici di tutto il paese. L'artista di Brisbane Richard Bell ha portato il suo progetto Ambasciata alla Biennale di Venezia quest'anno, dove è stato accolto dalla comunità artistica internazionale e dalle sue migliaia di accoliti, pochi dei quali avevano una conoscenza preliminare del movimento per i diritti degli aborigeni in Australia.

I poster di Peter Drew's Real Australians Say Welcome sono stati ampiamente riconosciuti in tutto il paese.
RaeAllen / flickr

L'attuale Black Finch Project prende il nome dal minuscolo uccello quasi estinto il cui ultimo habitat chiave è minacciato dalla miniera di Adani. Si pensa che siano solo 1.000 delle specie rimaste e gli scienziati hanno avvertito che il fringuello nativo potrebbe essere spazzato via dall'operazione mineraria che distrugge l'habitat.

À lire aussi:
Morte per 775 tagli: come la legge sulla conservazione sta fallendo il fringuello dalla gola nera

Il piano di gestione di Adani per l'uccello in via di estinzione è stato inizialmente respinto dal governo dello stato del Queensland, prima che un piano riveduto fosse approvato il 31 maggio. Nonostante le revisioni, gli scienziati hanno serie riserve sulla capacità di sopravvivenza del fringuello.

Un fringuello dalla gola nera del sud.
ERIC VANDERDUYS / BIRDLIFE AUSTRALIA

Il progetto Black Finch è stato lanciato dall'artista di Melbourne Charlotte Watson, che ha proposto di “inviare 1.000 fringuelli neri al governo QLD; disegni, sculture, qualsiasi cosa per far conoscere la vita di queste creature. Nessun testo. Niente slogan. Nessun messaggio di rabbia. Solo fringuelli morti ”.

Il risultato è un mix di arte professionale e amatoriale, rappresentazioni per lo più realistiche dell'uccellino in piedi da solo o morto e capovolto. Facendo eco all'apparentemente casuale disprezzo dei politici per il fringuello, Laura E. Kennedy ha disegnato un ritratto circolare a pannelli dell'uccellino con un fumetto che dice semplicemente "ciao"; anche chiaro nel suo messaggio, Stephanie Hicks ha contribuito con un paio di immagini monocromatiche in cui il fringuello stesso è sbiancato.

Le opere d'arte del Black Finch Project sono state indicate dai media come "strazianti", con il ministro federale dell'ambiente Sussan Ley che descrive piuttosto con condiscendenza alcune di quelle ricevute dal suo ufficio come "sincere", dicendo che poteva riconoscere la "passione" e la "creatività " dietro di loro.

Se lei li avesse descritti, al contrario, come "informati", "perspicaci" e "stimolanti", i creatori delle opere potrebbero almeno essere soddisfatti che il loro messaggio avesse raggiunto il loro obiettivo.

Il progetto Black Finch è stato progettato per non contenere messaggi di rabbia – "solo fringuelli morti".
Linda Studenta

Fare arte e artigianato può essere terapeutico. L'artista potrebbe raggiungere un senso di catarsi e persino di potere. Tuttavia, a meno che il pubblico mirato dell'opera d'arte non sia di mentalità aperta, l'opera d'arte, non importa quanto realizzata, avrà scarso impatto sullo status quo.

Mentre il progetto Black Finch sta guadagnando terreno su Instagram e sta costruendo con successo la consapevolezza del pubblico sulla questione, ci vorrà più che arte per fermare il colosso Adani nel Queensland.

La storia mostra che l'arte ha il potenziale per illuminare, educare e persino cambiare le menti. Come spiegò Frate Michele da Carcano alla fine del Quattrocento, l'arte narrativa commissionata dalle chiese fu introdotta per tre ragioni.

Primo, a beneficio della gente “semplice” che non sa leggere, ragione che oggi potrebbe essere più opportunamente applicata a persone impazienti che non vogliono investire il tempo per leggere notizie e analisi; in secondo luogo, a causa di quella che chiamava la "lentezza emotiva" di coloro che non si commuovono facilmente dalle parole ma possono essere influenzati dalle immagini; e infine perché molte persone non riescono a conservare nella memoria ciò che sentono, ma ricordano se vedono le immagini.

Il progetto Black Finch Art sta prendendo piede, ma basterà?
Amaya Iturri

À lire aussi:
Saggio del venerdì: l'arte può davvero fare la differenza?

L'economia generalmente prevale sulla scienza, che ha sempre la meglio sul sentimento nei dibattiti ambientali. A differenza dei fedeli del XV secolo, i politici di oggi sono pragmatici, non facilmente influenzabili dalle emozioni, figuriamoci dall'arte.

La minacciata estinzione del fringuello dalla gola nera è più di una questione emotiva. Se l'arte avrà un impatto nei dibattiti che si basano su fatti scientifici per fornire gravità ai movimenti di protesta basati sull'ambiente, deve prendere spunto dal libro di Frate da Carcano e raccontare l'intera storia. Le immagini sentimentali di Gesù bambino, non importa quanto creative, appassionate e sincere, non furono mai invocate esclusivamente durante il Rinascimento per trasmettere efficacemente i racconti biblici.

Ironia della sorte, nonostante la richiesta di "nessun testo" da parte del Black Finch Project, uno dei contributi più succinti non è di un artista ma della guida turistica di Melbourne Matthew Webb, ben posizionato per spiegare cosa stiamo guardando. Include le parole "Se la terra che Adani ha riservato per il fringuello dalla gola nera era adatta, loro ci abitavano già". Quel messaggio è chiaro, anche alle persone più povere di tempo, emotivamente pigre e smemorate.