Ho parlato con 99 grandi pensatori di come potrebbe essere il nostro “ mondo dopo il coronavirus '': questo è quello che ho imparato

54

A marzo, i miei colleghi del Frederick S. Pardee Center for the Study of the Longer-Range Future presso la Boston University pensavano che potesse essere utile iniziare a pensare al "giorno dopo il coronavirus". Per un centro di ricerca dedicato al pensiero a lungo termine, aveva senso chiedersi come sarebbe potuto essere il nostro mondo post-COVID-19.

Nei mesi che seguirono, ho imparato molte cose. Soprattutto, ho imparato che non è possibile "tornare alla normalità".

La mia stagione di apprendimento

Il progetto ha assunto una vita propria. In 190 giorni, abbiamo pubblicato 103 video. Ciascuno durava circa cinque minuti, con una semplice domanda: in che modo COVID-19 potrebbe avere un impatto sul nostro futuro? Guarda la serie completa di video qui.

Ho intervistato importanti pensatori su 101 argomenti distinti: dal denaro al debito, dalle catene di approvvigionamento al commercio, dal lavoro ai robot, dal giornalismo alla politica, dall'acqua al cibo, dai cambiamenti climatici ai diritti umani, dall'e-commerce alla sicurezza informatica, dalla disperazione alla salute mentale, dal genere alla razzismo, belle arti alla letteratura e persino speranza e felicità.

I miei intervistati includevano il presidente dell'Accademia nazionale delle scienze degli Stati Uniti, un ex direttore della CIA, un ex comandante supremo alleato della NATO, un ex primo ministro italiano e l'astronomo reale britannico.

Ho “Zoomato” – la parola era diventata un verbo quasi dall'oggi al domani – con Kishore Mahbubani a Singapore, Yolanda Kakabadse a Quito, Judith Butler a Berkeley, California, Alice Ruhweza a Nairobi e Jeremy Corbyn a Londra. Per il nostro ultimo episodio, l'ex segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon si è unito da Seoul.

Per me è stata davvero una stagione di apprendimento. Tra le altre cose, mi ha aiutato a capire perché COVID-19 non è una tempesta che possiamo semplicemente aspettare. Il nostro mondo pre-pandemico era tutt'altro che normale, e il nostro mondo post-pandemico non sarà affatto come tornare alla normalità. Ecco quattro motivi per cui.

Le interruzioni accelereranno

Proprio come le persone con condizioni mediche preesistenti sono più suscettibili al virus, l'impatto globale della crisi accelererà le transizioni preesistenti. Come sottolinea il presidente di Eurasia Group Ian Bremmer, un anno di pandemia globale può contenere un decennio o più di interruzioni come al solito.

Ad esempio, Phil Baty di "Times Higher Education" avverte che le università cambieranno "profondamente [and] per sempre ”, ma soprattutto perché il settore dell'istruzione superiore stava già chiedendo il cambiamento.

La redattrice vincitrice del premio Pulitzer Ann Marie Lipinski arriva alla stessa prognosi per il giornalismo, e l'economista di Princeton Atif Mian si preoccupa in modo simile per il debito globale strutturale.

Ad Harvard, l'esperto di politica commerciale Dani Rodrik pensa che la pandemia stia accelerando la "ritirata dall'iperglobalizzazione" che era già in corso prima del COVID-19. E l'economista della Pardee School Perry Mehrling è convinto che "la società sarà trasformata in modo permanente … e il ritorno allo status quo ante non è, credo, possibile".

La politica diventerà più turbolenta

Mentre le nuvole sopra l'economia globale sono minacciose – con persino il solitamente ottimista economista vincitore del Premio Nobel Sir Angus Deaton preoccupato che potremmo entrare in una fase oscura che richiede "20-30 anni prima di vedere progressi" – sono i commentatori politici che sembrano molto perplesso.

Il teorico politico della Stanford University Francis Fukuyama confessa di non aver "mai visto un periodo in cui il grado di incertezza su come sarà il mondo politicamente è maggiore di quanto lo sia oggi".

COVID-19 ha sottolineato questioni fondamentali sulla competenza del governo, l'ascesa del nazionalismo populista, l'emarginazione delle competenze, il declino del multilateralismo e persino l'idea della stessa democrazia liberale. Nessuno dei nostri esperti – nessuno – si aspetta che la politica in qualsiasi luogo diventi meno turbolenta di quanto non fosse pre-pandemia.

Geopoliticamente, questo si manifesta in quella che il decano fondatore della Kennedy School di Harvard, Graham Allison, chiama una "rivalità Tucididea sottostante, fondamentale, strutturale" in cui una nuova potenza in rapida ascesa, la Cina, minaccia di soppiantare il potere costituito, gli Stati Uniti. . COVID-19 ha accelerato e intensificato questa grande rivalità di potere con ramificazioni in Asia, Europa, Africa, America Latina e Medio Oriente.

Le abitudini pandemiche persisteranno

Non tutte le turbolenze, tuttavia, sono sgradite.

In tutti i settori, esperti dopo esperti mi hanno detto che le abitudini sviluppate durante la pandemia non scompariranno, e non solo le abitudini di Zoom e del lavoro da casa.

Robin Murphy, professore di ingegneria presso la Texas A&M University, è convinto che "avremo robot ovunque" come risultato di COVID-19. Questo perché sono diventati così pervasivi durante la pandemia di consegne, test COVID-19, servizi automatizzati e persino uso domestico.

Abbiamo sentito sia da Karen Antman, decano della Scuola di medicina dell'Università di Boston, sia da Adil Haider, decano di medicina dell'Università Aga Khan in Pakistan, che la telemedicina è qui per restare.

Vala Afshar, chief digital evangelist presso la società di software Salesforce, va anche oltre. Sostiene che nel mondo post-COVID-19 “ogni azienda lo sarà[come] un'impresa digitale ”e dovrà occupare online gran parte del suo commercio, delle sue interazioni e della sua forza lavoro.

[Deep knowledge, daily. Sign up for The Conversation’s newsletter.]

La crisi creerà opportunità

La giornalista scientifica Laurie Garrett, che da decenni mette in guardia sulle epidemie globali, immagina un'opportunità per affrontare le ingiustizie dei nostri sistemi economici e sociali. Perché "non ci sarà una singola attività che va avanti come una volta", dice, c'è anche la possibilità di una ristrutturazione fondamentale nello sconvolgimento.

L'ambientalista Bill McKibben afferma che la pandemia potrebbe diventare un campanello d'allarme che fa capire alle persone che "crisi e disastri sono possibilità reali", ma possono essere evitati.

Non sono soli in questo pensiero. L'economista Thomas Piketty riconosce i pericoli del crescente nazionalismo e della disuguaglianza, ma spera che impariamo "a investire di più nello stato sociale". Dice che "COVID rafforzerà la legittimità degli investimenti pubblici in [health systems] e infrastrutture. "

L'ex ministro dell'Ambiente dell'Ecuador, Yolanda Kakabadse, ritiene similmente che il mondo riconoscerà che "la salute dell'ecosistema è uguale alla salute umana" e concentrerà una nuova attenzione sull'ambiente. E lo storico militare Andrew Bacevich vorrebbe vedere una conversazione sulla "definizione di sicurezza nazionale nel 21 ° secolo".

Achim Steiner, amministratore del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, è sbalordito dalla straordinaria quantità di denaro che è stata mobilitata per rispondere a questa crisi globale. Si chiede se il mondo potrebbe diventare meno avaro riguardo alle quantità molto più piccole necessarie per combattere il cambiamento climatico prima che sia irreversibile e catastrofico.

In definitiva, penso che Noam Chomsky, uno dei più importanti intellettuali pubblici dei nostri tempi, abbia riassunto meglio. "Dobbiamo chiederci quale mondo verrà fuori da questo", ha detto. "Qual è il mondo in cui vogliamo vivere?"

John Prandato, specialista in comunicazione presso il Frederick S. Pardee Center for the Study of the Longer-Range Future, è stato redattore della serie per il progetto video e ha contribuito a questo saggio.