I combustibili a basse emissioni di carbonio della California stanno cambiando il mercato del petrolio: il quarzo

166

Non tutto il petrolio è uguale. Pensiamo al petrolio come equivalente sia che provenga dal suolo in Arabia Saudita o in Texas. Ma non è del tutto corretto. Ci sono centinaia di tipi di combustibili là fuori, ciascuno con impronte di carbonio diverse e impatti diversi sul clima.

L'olio più sporco, come la sostanza viscosa delle sabbie bituminose canadesi, deve essere vaporizzato dal terreno e pesantemente raffinato prima di essere spedito sulla costa. Ciò lo rende responsabile di tre volte più emissioni di carbonio di un barile di "greggio leggero", che sgorga dal terreno in Arabia Saudita. Il petrolio saudita contiene anche meno acqua e tende a uscire dal terreno con meno metano, il che significa meno emissioni per gallone nel momento in cui viene bruciato nel tuo motore.

Questa variazione nell'intensità di carbonio promette di scuotere il mercato petrolifero globale, scrive l'economista energetico Philip Verleger in un rapporto agli investitori. I governi preoccupati per il cambiamento climatico generalmente non vietano i combustibili fossili in modo definitivo; stanno creando standard di rendimento a basse emissioni di carbonio, che consentono di tassare i combustibili in base al loro contenuto di carbonio. Un prezzo in costante aumento per il carbonio significa che i combustibili più sporchi, provenienti da luoghi disparati come Canada, Venezuela e Alaska, alla fine verranno espulsi da quei sistemi.

Chi saranno i vincitori e i vinti? Per aiutarci a scoprirlo, possiamo rivolgerci alla California.

La California lo prezzi

L'approccio della California agli standard del carburante di carbonio è forse il più aggressivo del mondo. Entro il 2030, il programma statale basato sul mercato mira a ridurre l'intensità di carbonio dei carburanti per i trasporti della California del 20% rispetto ai livelli del 2010.

Tutti i combustibili usati in California che scendono al di sotto del suo obiettivo di intensità di carbonio – etanolo, biodiesel, diesel rinnovabile, gas naturale compresso e biogas, idrogeno ed elettricità per veicoli elettrici (EV) – possono generare crediti. Quelli di cui sopra, come il diesel o la benzina convenzionali, generano un deficit, richiedendo crediti per essere conformi allo standard. I conducenti non vedono mai la tassa, ad eccezione dei prezzi leggermente più alti per la benzina convenzionale. Invece, gli importatori di petrolio, le raffinerie ei grossisti che rientrano nel programma devono pagare la differenza o trovare combustibili diversi.

L'ente di regolamentazione aerea dello stato, il California Air Resources Board (CARB), misura le emissioni del ciclo di vita per ogni carburante principale, consentendogli di assegnare crediti o imporre deficit di credito ai fornitori di carburante. La variazione è drammatica: il carbonio che arriva nei combustibili spediti in California è molto diverso non solo tra i paesi (che può variare di un fattore cinque), ma anche tra i singoli giacimenti petroliferi.

Il petrolio dell'Alaska è uno dei più energivori là fuori, con un'intensità di carbonio di 16 g CO2e / MJ (grammi di emissioni equivalenti di anidride carbonica per megajoule, un'unità di energia). La Thailandia, sebbene un piccolo fornitore, si colloca tra i più bassi: solo 4 g di CO2e / MJ.

Questa vasta gamma rivela come l'intensità del carbonio potrebbe cambiare le dinamiche competitive tra i fornitori di carburante in tutto il mondo. Il petrolio è una merce globale. Anche un piccolo cambiamento nei prezzi relativi potrebbe creare grandi vincitori e vinti per le nazioni esportatrici di petrolio. Un chiaro vincitore è l'Arabia Saudita. "Il più alto contenuto di anidride carbonica di molti greggi rispetto ai greggi sauditi avverte che l'emanazione di una tassa sul carbonio conferirà un vantaggio competitivo al petrolio saudita rispetto, ad esempio, al petrolio greggio dalla Russia o da molti altri paesi", scrive Verleger. "Questo vantaggio si aggiungerà al vantaggio in termini di costi di produzione dei sauditi".

In altre parole, gli standard di intensità di carbonio come quelli della California potrebbero aumentare la domanda di greggio dell'Arabia Saudita a breve termine, anche se aumenta costantemente i prezzi di tutti i combustibili fossili.

Oltre i combustibili fossili

Un altro chiaro vincitore creato dagli standard di intensità del carbonio: i combustibili alternativi. Poiché gli importatori, le raffinerie e i grossisti di petrolio cercano di ridurre al minimo il costo delle emissioni di carbonio, si stanno rivolgendo a un improbabile gruppo di fornitori di combustibili nella concorrenza a basse emissioni di carbonio della California.

Più di 840 fonti di carburante non convenzionali sono state certificate da CARB per l'utilizzo nel suo schema di scambio. Le mucche da latte nell'Indiana, i maiali nel Missouri, le discariche ricche di metano nell'Illinois, i produttori di melassa di etanolo in Brasile e persino il vino di scarto dei viticoltori della California sono tutte fonti di combustibili per i trasporti come l'etanolo (derivato dalle piante), il biogas (tramite letame animale) e l'idrogeno prodotto dividendo l'acqua usando l'elettricità solare. Diversi, come la produzione di biogas negli allevamenti di suini e latticini, producono emissioni negative a causa del loro spostamento delle emissioni di metano, un potente gas serra. Al momento, l'etanolo e il biodiesel sono i due maggiori contributori alternativi al sistema di trasporto della California, rappresentando ben oltre la metà dei suoi crediti per la generazione di combustibili alternativi, stimati in circa 1 miliardo di dollari nel 2018, secondo Stillwater Associates, una società di consulenza energetica.

Finora, lo sforzo nello stato ha visto le emissioni diminuire prima del previsto. I ricercatori della rivista PLOS One stimano che le emissioni nel settore dei trasporti della California sono diminuite di circa il 10% a causa del programma, risparmiando nel contempo centinaia di milioni di dollari in una maggiore produttività dei lavoratori grazie alla migliore qualità dell'aria.

La California sta pianificando di inasprire i limiti di carbonio ogni anno. Nel 2020, il CARB ha imposto nuove sanzioni per il carburante più sporco poiché l'intensità di carbonio del carburante dello stato è aumentata al di sopra dei suoi obiettivi iniziali, aumentando i costi di conformità di circa 24 centesimi per gallone di benzina.

Mentre la maggior parte del mondo manca di rigorosi standard di intensità di carbonio, il programma sta ora ispirando i seguaci (pdf). Il Canada, l'Unione Europea, l'Oregon e altri stanno ora adottando i propri standard a basse emissioni di carbonio. Quasi una dozzina di stati americani li stanno prendendo in considerazione. Con l'inasprimento degli standard globali sul carbonio, le fonti di carburante a più alta intensità di carbonio vedranno probabilmente i loro mercati contrarsi per primi ei prezzi scenderanno al di sotto dei benchmark storici.

Quindi, sarà il momento per una nuova classe di fornitori di energia di fornire carburanti per i trasporti a basse emissioni di carbonio e persino negativi.