I detriti di plastica di acque profonde rimangono intatti dopo decenni

0
4

Molto è stato scritto sul destino dei detriti di plastica sulla superficie dell'oceano. Percosse dall'azione del vento e delle onde ed esposte alla luce solare, queste plastiche tendono a rompersi in pezzi più piccoli, causando l'inquinamento da microplastiche che è diventato un problema negli ultimi anni. Ma cosa succede quando la plastica cade direttamente sul fondo dell'oceano, senza passare del tempo in superficie? Di questo si sa meno.

Ecco perché gli scienziati sono stati lieti di recuperare due pezzi di detriti di plastica dal fondo dell'Oceano Pacifico orientale, da una profondità di 4.150 metri (13.615 piedi), che sono stati in grado di dire che erano caduti direttamente sul fondo senza essere soggetti alla superficie degrado di alcun genere. Gli articoli – un contenitore di yogurt e una lattina di Coca-Cola in alluminio con un fazzoletto di carta Alitalia racchiuso all'interno di un sacchetto di plastica della spesa – avevano informazioni sul prodotto stampate su di essi che hanno permesso agli scienziati di stimare approssimativamente quando sono stati prodotti, tra il 1988 e il 1996.

"Supponiamo che la deposizione sul fondo del mare possa essere avvenuta nel giro di poche ore o giorni anziché settimane e che i polimeri siano stati sottoposti principalmente a condizioni di acque profonde tra lo scarto e il recupero, ma non siano stati esposti alla luce UV e all'azione delle onde. sulla superficie del mare per periodi prolungati."

Ciò ha consentito un'analisi univoca di ciò che accade alla plastica quando rimane sul fondo dell'oceano per vent'anni; ciò ha portato a uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports. La risposta? Molto poco. La maggior parte della plastica era completamente intatta, quasi senza degradazione o frammentazione. Gli scienziati hanno anche analizzato i microbi che erano cresciuti sulle loro superfici nel corso degli anni. Da ScienceAlert:

"Anche se il contenitore e la borsa avevano forme diverse ed erano realizzati con diversi tipi di plastica, il loro impatto sui batteri circostanti era lo stesso; gli scienziati hanno scoperto che la diversità microbica era molto più bassa sulla plastica rispetto ai sedimenti del fondo marino circostante".

Gli scienziati hanno scritto che la crescita batterica è stata probabilmente inibita da sostanze chimiche pericolose lisciviate dalla plastica per un lungo periodo di tempo. Questo "presumibilmente ha influenzato la struttura della comunità di superficie microbica per quanto riguarda il numero [of bacteria] e la loro distribuzione».

Cosa significa questa ricerca?

È utile saperne di più su una sostanza che costituisce il 60% dei detriti oceanici e su come si comporta a varie profondità del mare per periodi di tempo diversi. Questa è la prima serie di dati per integrare il "destino e la funzione ecologica della plastica" su "più di due decenni in condizioni ambientali naturali di acque profonde del mare", che si aggiunge al corpus di conoscenze sull'inquinamento plastico degli oceani. Ha dimostrato che gli oggetti di plastica depositati sul fondo del mare profondo hanno "impatti ambientali a lungo termine che creano habitat artificiali con forti gradienti chimici".

È importante capire cosa succede alla plastica, perché gran parte di essa entra negli oceani del mondo ogni anno, circa 8 milioni di tonnellate. Successivamente, il team di ricerca esaminerà dove va a finire la plastica, perché gran parte di essa è ancora dispersa.

Leggi lo studio completo qui.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui