I difensori indigeni si frappongono tra strade illegali e sopravvivenza della foresta amazzonica: le elezioni in Brasile e Perù potrebbero essere un punto di svolta

85

La donna Ashéninka con il viso dipinto irradiava una calma e paziente fiducia mentre si trovava sulle rive sabbiose del fiume Amonia e affrontava i taglialegna che minacciavano la sua comunità amazzonica.

I taglialegna avevano spianato una pista sugli alberelli di mogano e cedro che aveva piantato e bloccato i torrenti su cui la sua comunità faceva affidamento per l’acqua potabile e il pesce. Ora, gli estranei volevano allargare il sentiero in una strada per accedere alle imponenti foreste pluviali che uniscono il confine peruviano e brasiliano lungo il fiume Juruá.

María Elena Paredes, in qualità di capo del comitato di monitoraggio Sawawo Hito 40, ha detto di no e la sua comunità le è stata accanto.

Sapeva di rappresentare non solo la sua comunità e le altre comunità indigene peruviane, ma anche i suoi cugini brasiliani a valle che fanno affidamento anche su queste foreste, acque e pesci.

Le strade generano più strade. L’autostrada interoceanica, mostrata qui, ha consentito a taglialegna, allevatori e minatori di generare centinaia di miglia di ramificazioni illegali e informali che hanno portato ulteriore deforestazione e danni ambientali. David Salisbury

I residenti indigeni delle terre di confine amazzoniche capiscono che i taglialegna, i loro trattori e motoseghe sono il punto aguzzo di una strada che consente ai coltivatori di coca, ai trafficanti di terra e ad altri l’accesso ai territori e alle risorse indigene tradizionali. Si rendono anche conto che le loro comunità indigene potrebbero essere tutto ciò che difende la foresta e ferma gli invasori e i costruttori di strade.

Le elezioni di ottobre in Brasile e Perù potrebbero essere un punto di svolta per allontanarsi dalla deforestazione, dalla costruzione di strade insostenibili e dal prendere di mira le terre indigene, oppure i risultati elettorali potrebbero continuare ad aumentare la pressione.

Crescita esplosiva di strade illegali quando il governo si è ritirato

Durante la pandemia di COVID-19, la foresta pluviale amazzonica ha assistito a una crescita esplosiva in strade informali e illegali.

I dipartimenti amazzonici di Ucayali, Loreto e Madre de Dios, in Perù, hanno visto l’espansione delle strade aumentare del 25% dal 2019 al 2020 e del 16% dal 2020 al 2021. Nell’Amazzonia brasiliana, le strade vengono costruite a un ritmo così rapido che i ricercatori sono rivolgendosi all’intelligenza artificiale per mappare l’espansione.

Come la costruzione di strade porta alla rapida deforestazione dei terreni circostanti. Le mappe satellitari mostrano l’espansione stradale dal 2003 al 2021 nel Parco Nazionale della Serra do Divisor e nella sua zona cuscinetto. Yunuen Reygadas/ABSAT/Università di Richmond, CC BY-ND

Le strade sono l’infrastruttura più dannosa nella foresta pluviale tropicale, causando la deforestazione e una serie di impatti culturali e ambientali correlati.

La ricerca mostra che le terre indigene sono fondamentali per salvaguardare gli ecosistemi forestali e gli immensi depositi di carbonio. Questi territori, che coprono circa un terzo della regione amazzonica, fungono da cuscinetto contro l’espansione delle strade, riducendo sia la deforestazione che gli incendi.

Ma le comunità indigene vicino al confine tra Perù e Brasile stanno subendo un assalto alle loro terre d’origine.

Una vista satellitare del territorio indigeno di Parakanã nell’Amazzonia brasiliana dimostra visivamente la capacità dei territori indigeni di mantenere la foresta in piedi (verde scuro) nonostante siano circondati dalla deforestazione legata alle strade e dal degrado forestale (marrone, marrone chiaro e verde chiaro). David Salisbury/ABSAT/Università di Richmond

Quando la pandemia ha costretto i governi a ridurre il monitoraggio e le forze dell’ordine nelle remote foreste pluviali, i costruttori di strade illegali, i taglialegna, i minatori e i trafficanti hanno aumentato la loro presenza e il ritmo di lavoro. L’assenza dello stato ha dato loro una relativa tregua dalle forze dell’ordine e in Brasile sono stati spinti dalla retorica anti-ambientale, anti-indigena e anti-scienza del presidente Jair Bolsonaro.

Una combinazione di costruzione di strade, riscaldamento e essiccazione delle foreste indotti dai cambiamenti climatici e relativa deforestazione sta spingendo la foresta pluviale amazzonica verso un punto di svolta che potrebbe trasformare la più grande foresta pluviale e riserva di biodiversità terrestre del mondo in una savana scarsamente boscosa in pochi decenni . Migliaia di incendi stanno bruciando nell’Amazzonia brasiliana mentre scrivo questo alla fine di settembre 2022.

Le elezioni potrebbero cambiare le sorti

Poche ore a valle da dove ha affrontato i taglialegna, Paredes e altri leader indigeni peruviani si sono incontrati con le loro controparti brasiliane nel settembre 2022 per discutere le strategie per fermare le invasioni. I leader brasiliani includono Francisco Piyako e Isaac Piyako, due fratelli indigeni Ashéninka in corsa per le elezioni a livello federale e statale.

Il primo turno di votazioni delle elezioni brasiliane del 2 ottobre 2022 include più candidati indigeni di qualsiasi altro nella storia brasiliana, con i 175 candidati che rappresentano un aumento del 37% rispetto al 2018.

È in gioco il futuro dell’Amazzonia.

Da una parte delle elezioni c’è Bolsonaro, un populista che ha deriso gli indigeni, gli ambientalisti e la scienza, indebolendo le agenzie ambientali e indigene e incitando minatori, taglialegna, allevatori e leader dell’agrobusiness ad abbattere la foresta.

Dall’altra parte c’è Luiz Inácio Lula da Silva – comunemente chiamato Lula – un veterano del Partito dei Lavoratori ed ex presidente brasiliano che sostiene la deforestazione zero.

Più importante della retorica nazionale potrebbe essere il successo di candidati indigeni come i Piyako che si impegnano per la sostenibilità, la cooperazione transfrontaliera e la diversità culturale.

“Non ci sarà futuro senza lo stato e i poteri uniti per rispettare la nostra storia e ascendenza”. -Francisco Piyako

Anche il Perù ha le elezioni il 2 ottobre, ma a livello regionale e municipale. Nella regione di Ucayali, il 37% dei candidati sono indigeni, ma storicamente hanno avuto risultati molto scarsi. Al contrario, i vincitori hanno spesso forti legami con le industrie del disboscamento, dell’estrazione mineraria o della coca.

Senza un’adeguata rappresentanza a favore dell’ambiente e degli indigeni, le strade e lo sviluppo estrattivo avanzeranno, rendendo il lato peruviano della foresta ancora più vulnerabile. Una vittoria per la sostenibilità, la conservazione e la cultura in Brasile potrebbe risuonare oltre i confini politici in Perù e negli altri sette paesi che condividono l’Amazzonia, proprio come l’intervento di Paredes in Perù ha impedito ai trattori di rovinare le foreste e i torrenti che sfociano in Brasile.

La deforestazione è aumentata dal 2019, con la maggior parte dell’impatto in Brasile a causa dell’approccio allo sviluppo del presidente Jair Bolsonaro in risonanza con taglialegna, allevatori e minatori. RAISG

Un lavoro pericoloso: difendere l’Amazzonia

Poiché leader come Piyakos, Paredes e altri difendono le loro foreste e le loro persone, sono anche bersagli di violenza.

Nelle terre di confine amazzoniche, il pericolo minaccia da più lati e la giustizia è raramente servita. L’uccisione del giornalista Dom Phillips e dell’attivista Bruno Pereira nel giugno 2022 è stato solo l’ultimo attacco di alto profilo.

Quindici anni fa, il leggendario leader indigeno Edwin Chota protestò contro la strada che Paredes e la sua comunità stanno bloccando oggi. Lui e tre colleghi sono stati successivamente uccisi a colpi di arma da fuoco nel 2014 dopo aver ricevuto minacce di morte da taglialegna e trafficanti. Gli assassini rimangono liberi nelle terre di confine.

Edwin Chota è stato ucciso mentre difendeva le terre indigene e la foresta. Emory Richey I bambini e i parenti di Chota e dei suoi colleghi uccisi hanno visitato la sua tomba nell’estate del 2022. David Salisbury

Quest’estate ho visitato la tomba di Chota con oltre 20 membri della famiglia e della comunità sopravvissuti dei quattro difensori uccisi. La maggior parte di queste famiglie ha paura di tornare nelle loro bellissime foreste nella comunità di confine di Saweto, e invece rimane alla periferia della città di Pucallpa, schiacciata in case fatiscenti con elettricità intermittente e acqua pulita.

Lontani dal loro villaggio, i bambini non possono costruire le loro conoscenze culturali e ambientali nella foresta.

Cinque partecipanti di Saweto erano tra i 120 rappresentanti indigeni di 13 etnie nelle terre di confine amazzoniche che si sono uniti al nostro seminario della NASA per discutere di come utilizzare le immagini satellitari per monitorare i cambiamenti nella foresta e nel clima. Integrando la conoscenza ecologica indigena e l’analisi geospaziale della foresta pluviale amazzonica e del clima, gli scienziati e i gruppi indigeni possono entrambi monitorare meglio il cambiamento dell’Amazzonia.

Le madri, i padri e i bambini indigeni ci hanno detto di volere una formazione e un’istruzione che li aiutino a proteggere il loro territorio, ad adattarsi ai cambiamenti climatici e a costruire un futuro sostenibile. Il nostro progetto NASA SERVIR sta creando piattaforme di mappatura basate sull’analisi delle immagini satellitari che le comunità indigene, le organizzazioni non governative e le agenzie governative possono utilizzare per monitorare strade, deforestazione e cambiamento climatico.

La difesa indigena è fondamentale

Tutta l’umanità sta risentendo degli effetti del cambiamento climatico. I nostri colleghi indigeni riconoscono i cambiamenti di temperatura, il ciclo dell’acqua e le stagioni già in atto nelle loro comunità.

Maria Elena Paredes parla del suo lavoro di protezione dell’Amazzonia.

I difensori del territorio ambientali come Paredes stanno lavorando per mantenere alta la foresta più grande del mondo di fronte a minacce che non danneggiano solo l’Amazzonia. Se la foresta pluviale amazzonica diventa una savana, ci saranno riverberi nei climi del Sud America, dei Caraibi, del Nord America e in tutto il mondo.

Tutti perdono se i difensori indigeni dell’Amazzonia non hanno il supporto e le opportunità educative necessarie per essere al sicuro, prosperi e autorizzati a proteggere la loro casa nella foresta pluviale.