I ghiacciai delle Svalbard hanno perso il loro cuscinetto protettivo a metà degli anni '80 e da allora si sono sciolti

117

L'arcipelago delle Svalbard, terra di ghiaccio e orsi polari, si trova a metà strada tra la Norvegia continentale e il Polo Nord. La sua capitale Longyearbyen sull'isola principale di Spitsbergen è la città più a nord del mondo, a circa 800 miglia all'interno del Circolo Polare Artico.

Le Svalbard ospitano anche alcuni dei ghiacciai più settentrionali della Terra, che seppelliscono la maggior parte della superficie dell'arcipelago sotto non meno di 200 metri di ghiaccio spesso. Presi insieme, i ghiacciai delle Svalbard rappresentano il 6% dell'area glaciale mondiale al di fuori delle grandi calotte glaciali della Groenlandia e dell'Antartide: se si sciogliessero completamente, aumenterebbero il livello del mare di 1,7 cm.

Le Svalbard hanno all'incirca le dimensioni dell'Irlanda o dello Sri Lanka, ma in gran parte ricoperte di ghiaccio.
Google Maps

Poiché sono così a nord, questi ghiacciai si trovano ad altitudini relativamente basse, per lo più inferiori a 450 metri sul livello del mare rispetto a 800 metri o più altrove nell'Artico. Inoltre, hanno la forma di cupole con lati ripidi e ampi interni piatti. Queste caratteristiche peculiari rendono i ghiacciai delle Svalbard altamente vulnerabili al riscaldamento climatico, come abbiamo scoperto nella nostra ricerca ora pubblicata su Nature Communications.

Firn, il miglior tampone per l'acqua di disgelo

Le Svalbard hanno un clima relativamente secco e ogni anno la quantità di acqua di disgelo supera la quantità di neve che alimenta i ghiacciai. Questo era il caso anche prima che il clima iniziasse a riscaldarsi sul serio. Allora come sopravvivono questi ghiacciai a condizioni così sfavorevoli?

Avviso orso polare: "si applica a tutte le Svalbard"
Kaca Skokanova / shutterstock

Il loro segreto è nascosto sotto la superficie, in un manto di neve fredda e compressa – chiamata "firn" – che ricopre l'interno dei ghiacciai. Lo strato poroso di firn può essere profondo fino a 40 metri e agisce come una spugna in grado di immagazzinare enormi quantità di acqua di fusione nelle sue sacche d'aria.

Circa la metà di tutta l'acqua di disgelo prodotta alle Svalbard nell'estate artica viene immagazzinata e ricongelata nello strato di firn, preservando la massa glaciale impedendo all'acqua di fluire nell'oceano. Quando i ghiacciai smettono di sciogliersi in inverno, la capacità tampone dello strato di firn viene reintegrata dall'accumulo di neve fresca e soffice, preparandola per immagazzinare l'ondata di acqua di disgelo della prossima estate.

Il riscaldamento globale raggiunge l'estremo nord

Essendo situate al margine della copertura di ghiaccio marino in rapido declino nell'Oceano Artico, le Svalbard sono tra le regioni a più rapido riscaldamento della Terra. E questo riscaldamento sta testando i limiti della capacità dello strato di firn di immagazzinare l'acqua di disgelo.

L'aumento della temperatura dell'aria a metà degli anni '80 aumentò considerevolmente la quantità di acqua che si stava sciogliendo attraverso i ghiacciai e riempì rapidamente le sacche d'aria nel firn, indebolendone progressivamente la capacità tampone. A peggiorare le cose, lo strato di firn si è ritirato rapidamente nell'entroterra per raggiungere l'elevazione di 450 metri, un punto critico che ha lasciato più della metà dell'area del ghiacciaio dell'arcipelago non protetta.

La scomparsa del firn lascia i ghiacciai privi del loro cuscinetto protettivo, esponendo in superficie il ghiaccio nudo e scuro sottostante. Poiché il ghiaccio scuro assorbe più luce solare rispetto al firn più luminoso, lo scioglimento è ulteriormente aumentato.

Un ghiacciaio delle Svalbard passa dal ghiaccio ricoperto di firn sullo sfondo al ghiaccio nudo in primo piano.
Willem Jan van de Berg, Università di Utrecht, autore fornito

La rapida ritirata del firn a metà degli anni '80 ha innescato un periodo di perdita di massa prolungata, che è stata confermata dalle osservazioni satellitari. La perdita del cuscinetto dell'acqua di disgelo rende i ghiacciai delle Svalbard altamente vulnerabili a un ulteriore aumento della temperatura. Nella calda estate del 2013, l'acqua ha raggiunto l'oceano da tre quarti dell'area del ghiacciaio e la perdita di massa è più che raddoppiata rispetto agli anni precedenti. Nel luglio 2020, le Svalbard hanno registrato ancora una volta temperature record. Alcuni climatologi prevedono aumenti fino a 10 ℃ entro la fine di questo secolo: se ciò accadrà, i ghiacciai dell'arcipelago potrebbero scomparire completamente nei prossimi 400 anni.

Una crisi climatica porta a una crisi di identità

Un ulteriore riscaldamento ridisegnerà completamente il clima delle Svalbard, il suo paesaggio e i suoi fragili ecosistemi. La pioggia sostituirà progressivamente le nevicate. I ghiacciai scambieranno il loro manto di abete bianco con ghiaccio scuro. Le acque aperte invaderanno i fiordi mentre il ghiaccio marino e le lingue dei ghiacciai galleggianti si ritireranno. Sulla terraferma, il ritiro dei ghiacciai lascerà morene e laghi come una reminiscenza di un'era glaciale passata. Il paesaggio inizierà ad assomigliare a quello dell'Islanda di oggi, con rocce nude circondate da erba, muschi e arbusti.

Islanda … o Svalbard tra pochi secoli?
daniel.t.johansson / shutterstock

Il ghiaccio in ritirata consentirà una maggiore attività umana, tra cui l'estrazione mineraria, l'agricoltura e il turismo, e aumenterà ulteriormente la pressione sulla fauna selvatica, inclusi gli iconici orsi polari. Gli orsi polari sono già più frequentemente avvistati sulla terra poiché il rapido declino del ghiaccio marino li ha costretti ad adattarsi e cercare nuovi terreni di caccia, mettendo in pericolo sia gli umani che gli orsi polari stessi.

Essendo situati tra le regioni a più rapido riscaldamento della Terra, i ghiacciai delle Svalbard sono i canarini nella miniera di carbone. Possono essere visti come termometri che monitorano gli impatti devastanti della crisi climatica. Potrebbe non essere troppo tardi per salvare parte del paesaggio glaciale delle Svalbard e dei fragili ecosistemi che esso supporta, ma il tempo stringe rapidamente.