I ricercatori vogliono che l'industria medica riduca i rifiuti e riutilizzi più dispositivi

9

La battaglia contro la plastica monouso ha guadagnato slancio negli ultimi anni, poiché le persone sono diventate più consapevoli delle implicazioni ambientali durature dell'utilizzo di oggetti di plastica solo una volta prima di buttarli via. C'è una crescente pressione sulle aziende per trovare alternative riutilizzabili e modi per sterilizzarle correttamente, e sugli individui per fornire i propri contenitori e borse ogni volta che fanno acquisti.

Il settore sanitario non è esente da queste pressioni. Anche se potrebbe sembrare un obiettivo sorprendente per i prodotti riutilizzabili (la sicurezza e la sterilità devono essere sempre la priorità assoluta), l'Associazione dei rigeneratori di dispositivi medici (AMDR) afferma che gli ospedali potrebbero fare molto per ridurre le loro impronte di carbonio rifiutando l'attuale " economico" che normalizza il monouso e abbraccia la riutilizzabilità su scala maggiore.

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Health Affairs, ha scoperto che il ritrattamento dei dispositivi medici potrebbe avere profondi benefici ambientali. La catena di approvvigionamento di un ospedale è responsabile di circa l'80% delle sue emissioni e, quando gli ospedali hanno collaborato con i ricondizionatori regolamentati, ha portato a miglioramenti significativi: "Nel 2018, il ritrattamento dei dispositivi medici ha deviato 15 milioni di libbre di rifiuti medici dalle discariche e ha fatto risparmiare alle istituzioni sanitarie circa 470 milioni di dollari".

I tipi di dispositivi rielaborati in modo più efficace sono considerati di "complessità di fascia media", descritti in Grist come "attrezzature come sonde a ultrasuoni, polsini per la pressione sanguigna, alcuni tipi di pinze e strumenti laparoscopici, che possono essere puliti e riutilizzati". ." Non include articoli ad alto rischio come cateteri, siringhe e aghi.

L'elaborazione di processi per il riutilizzo di questi elementi potrebbe persino migliorare la salute pubblica in generale, suggerisce AMDR, poiché la riduzione dei rifiuti crea un mondo più sano per tutti. Dan Vukelich, Esq. Il presidente e CEO di AMDR, ha dichiarato a Treehugger, "Probabilmente gli operatori sanitari non sanno che le emissioni di gas serra degli ospedali stanno abbreviando la vita e facendo avanzare il cambiamento climatico e che i dispositivi monouso, se usati una volta e buttati fuori, sono una delle principali cause del problema. ."

Questo fa eco a una ricerca pubblicata su The Lancet all'inizio di dicembre, che rivela come l'attuale crisi climatica minacci di minare molti dei guadagni realizzati nel settore sanitario negli ultimi 50 anni. Grist ha citato Alan Weil, caporedattore di Health Affairs: "Se lavori nell'assistenza sanitaria, c'è un ruolo non solo nel rispondere e nell'adattarsi, ma anche nel prevenire le emissioni che portano al cambiamento climatico".

Il riutilizzo dei dispositivi medici fa esattamente questo e, secondo Vukelich, non richiederebbe grandi cambiamenti nei comportamenti degli operatori sanitari. Come ha detto a Treehugger:

"Il cambiamento è quasi identico all'aggiunta di un programma di riciclaggio a casa tua. La tua famiglia deve essere addestrata a gettare qualcosa in un cestino diverso. I ricondizionatori entrano e prendono il cestino. Non è complicato. Gli operatori sanitari devono cambiare la loro mentalità per considera i dispositivi monouso come risorse piuttosto che come spazzatura."

Il ritrattamento dei dispositivi medici è stato regolamentato dalla FDA dal 2000, in risposta a un'impennata nell'uso della plastica avvenuta negli anni '80, guidata in parte dai tassi di infezione da HIV e dai nuovi prodotti economici disponibili dalla Cina. Vukelich si è lamentato con Treehugger che "il pendolo non è mai tornato indietro verso attrezzature durevoli e riutilizzabili e invece ha purtroppo mantenuto questo consumo dispendioso e lineare e il modello "take-make-waste"". Ma mantiene la speranza che la fiorente industria del ritrattamento medico continuerà a crescere. Finora la FDA ha approvato 300 diversi articoli monouso per il ritrattamento regolamentato.

Non tutti sembrano speranzosi quanto Vukelich e gli autori dello studio sugli affari sanitari. Treehugger ha parlato con Ben Reesor, manager di BLES Biochemicals, Inc., una società farmaceutica canadese, della sua visione dei riutilizzabili. Sebbene le apparecchiature farmaceutiche differiscano dalle apparecchiature utilizzate negli ospedali, entrambe fanno parte dell'industria medica più ampia. Reesor afferma di vedere più una tendenza verso articoli e dispositivi monouso che lontano da essi. Suggerisce due ragioni principali legate alla gestione dei costi e del rischio.

I costi diretti sono un fattore trainante principale, con l'approvvigionamento globale più economico e più facile che mai. Reesor ammette che la pandemia potrebbe cambiare questa situazione, soprattutto se la produzione di dispositivi si spostasse più vicino a casa, aumentando così il costo del lavoro, ma non pensa che sarebbe sufficiente cambiare drasticamente il riutilizzo di alcune forniture: "Molto probabilmente i produttori di farmaci aumenterebbero semplicemente i prezzi. proporzionato all'aumento dei costi di produzione”.

I costi indiretti, tuttavia, sono un deterrente maggiore rispetto ai materiali riutilizzabili. Le conseguenze di dispositivi non adeguatamente sterilizzati sono troppo grandi per rischiare. Reesor offre l'analogia di un pezzo di tubo da $ 10 utilizzato per dispensare un prodotto farmaceutico. Se vuole riutilizzarlo, è responsabile della pulizia e della sterilizzazione tra gli usi (il che significa un sacco di scartoffie), oltre a garantire che non si degradi nel tempo:

"Anche il costo della sterilizzazione a vapore (autoclave) è elevato a causa del grande consumo di elettricità e acqua. Quindi quei tubi da $ 10 che potrei acquistare pre-sterilizzati e pronti all'uso non mi fanno risparmiare $ 10 ogni volta che li uso. I' probabilmente sarà necessario utilizzarlo per anni affinché abbia un senso economico. Il costo indiretto finale è il potenziale di responsabilità e danni alla reputazione. Se dobbiamo richiamare un lotto a causa della contaminazione da batteri e determiniamo che la causa principale è quel pezzo da $ 10 di tubi che riutilizziamo ogni settimana siamo molto rapidamente in rosso. Il monouso riduce in una certa misura questo rischio".

Reesor afferma che l'attuazione di politiche ambientali più severe e di tasse sul carbonio e sullo smaltimento dei rifiuti potrebbe potenzialmente spingere l'industria verso un maggiore riutilizzo; ma sfortunatamente, i riutilizzabili non possono attualmente competere con l'economia del monouso, almeno non all'interno di un laboratorio farmaceutico.

Quando si tratta di kit chirurgici più piccoli e altri dispositivi utilizzati negli ospedali, Vukelich non si arrende. Crede che il passaggio ai materiali riutilizzabili aumenterà man mano che le persone ne comprenderanno i benefici. Proprio come non dubitiamo della pulizia delle posate in un ristorante, le persone dovrebbero avere un alto livello di fiducia nella capacità dei ricondizionatori di sterilizzare i dispositivi medici.

"I dispositivi ricondizionati vengono raccolti, smistati, etichettati per il monitoraggio, puliti, testati e ispezionati, quindi disinfettati e/o sterilizzati e restituiti agli ospedali. Il sistema è incredibilmente rigoroso e accurato. Tutti i dispositivi hanno dimostrato di essere puliti, funzionali e sterili come nuovo di zecca."

Gli autori dello studio Health Affairs chiedono riprogettazioni dei prodotti, modi innovativi per utilizzare vecchi articoli e normative aggiornate che motivino i produttori di dispositivi medici a considerare il riutilizzo. Nel tempo, può verificarsi uno spostamento verso una maggiore circolarità e di conseguenza la salute pubblica ne trarrà beneficio.