I riutilizzabili possono essere sicuri da usare durante una pandemia

0
4

I contenitori riutilizzabili e i divieti sui sacchetti di plastica sono caduti in disgrazia in Nord America da quando la pandemia ha colpito. Quando il coronavirus era ancora nuovo e sconosciuto, si temeva che potesse diffondersi per contaminazione superficiale. I Centri statunitensi per il controllo e la protezione delle malattie lo hanno chiarito, affermando che "la trasmissione del nuovo coronavirus a persone da superfici contaminate dal virus non è stata documentata", ma le aziende produttrici di plastica hanno continuato ad alimentare le fiamme delle polemiche citando vecchi, studi sostenuti dal settore che suggeriscono il contrario.

Presi nel mezzo del dibattito e non disposti a correre rischi con la propria salute, molti acquirenti e rivenditori si sono ritirati dai materiali riutilizzabili e hanno abbracciato la plastica monouso per un senso di necessità. Questo è preoccupante perché l'ultima cosa di cui abbiamo bisogno sono più rifiuti di plastica monouso su questo pianeta. È possibile sostenere l'importanza delle maschere di plastica e degli schermi facciali, ma la plastica sottile produce borse? Non così tanto.

L'attivista ambientale Greenpeace vuole cambiare la mente delle persone, educandole su come i materiali riutilizzabili possono essere perfettamente sicuri da usare, migliorando le condizioni ambientali a lungo termine del mondo in cui abitiamo. Ha appena pubblicato un lungo rapporto chiamato "I riutilizzabili sono fattibili" che offre esempi reali di aziende che utilizzano i riutilizzabili in modi creativi e sanitari. Queste aziende sono la prova vivente che esistono modelli alternativi e che non dovremmo accontentarci della plastica monouso, solo perché alcuni politici dicono che dovremmo.

Il rapporto sottolinea che molte persone si fidano già di dentisti e medici per disinfettare le loro apparecchiature riutilizzabili in modo sicuro e completo, quindi perché non estendiamo tale fiducia alle attività di ristorazione, che già devono rispettare rigidi protocolli di manipolazione degli alimenti?

"Quella stessa fiducia è e deve continuare a essere conferita alle aziende e ai ristoranti per disinfettare i materiali riutilizzabili, e le aziende e i governi hanno un ruolo nell'educare il pubblico sulla sicurezza del riutilizzo".

Sappiamo che è possibile. Nel 2019 la California ha creato delle linee guida per consentire ai commensali di far riempire i propri contenitori dai ristoranti in modo sicuro. Sebbene i ristoranti possano scegliere di non partecipare, è significativo che tali linee guida esistano; mostra che il governo riconosce che i materiali riutilizzabili sono sicuri, nelle giuste condizioni.

Gli esempi forniti nel rapporto di Greenpeace includono il noto programma Loop e modelli di tazze da asporto riutilizzabili, come Vessel Works, Freiburg Cup, Muuse e CupClub. Molte caffetterie hanno sviluppato procedure per riempire le tazze dei clienti in sicurezza, implementando la distanza sociale e utilizzando un terzo contenitore per riempire la tazza senza che il barista debba mai toccarla.

Alcuni ristoranti servono i pasti nei propri contenitori riutilizzabili, che richiedono un deposito e aumentano la fedeltà al marchio, in particolare se è previsto uno sconto per la restituzione del contenitore.

"Con sede a San Francisco
Dispatch Goods collabora con aziende locali che forniscono i pasti da asporto in contenitori riutilizzabili. I clienti ritirano i pasti in contenitori riutilizzabili di acciaio inossidabile dal ristorante; quando hanno finito, avvisano Dispatch Goods, che raccoglie i contenitori dai clienti e li lava per il prossimo utilizzo presso un'azienda partecipante".

Dai distributori di alimenti sfusi alimentati per gravità, ai sistemi di ricarica automatizzata come MIWA, al famoso sistema Dabbawala indiano di 130 anni che viene ricreato da The Wally Shop negli Stati Uniti, le opzioni per integrare in sicurezza i prodotti riutilizzabili nelle nostre vite sono infinite.

Il rapporto di Greenpeace afferma che c'è un enorme potenziale di crescita in questo settore, soprattutto se acquistare pasti in contenitori riutilizzabili significa doverli ordinare in anticipo: "Effettuare ordini anticipati ai ristoranti locali aiuta a fornire affari agli operatori che possono pianificare il numero di pasti da fare e le ore del personale necessarie, dati i licenziamenti significativi in ​​tutto il settore."

È un'opportunità unica per tutte le imprese, dalle giovani start-up alle grandi aziende consolidate, per entrare a far parte di un nuovo modo di fare le cose; e se non lo fanno, "rischiano di diventare obsoleti mentre altri guadagnano quote di mercato fornendo servizi ai clienti senza la necessità di imballaggi usa e getta". Il fatto è che, nonostante i timori del coronavirus, le persone sono ancora preoccupate per la plastica monouso e, se riescono a trovare un modo per evitarle, probabilmente sceglieranno quell'opzione rispetto a una più dispendiosa.

Non abbiamo davvero scelta, perché non riuscire a implementare modelli riutilizzabili finirà solo in una maggiore distruzione ambientale. Greenpeace, come al solito, non usa mezzi termini:

"Se i governi richiedono o le aziende si rivolgono a prodotti usa e getta diffusi, il mondo dovrà affrontare più inquinamento da plastica, aumento della distruzione delle foreste e peggioramento dei cambiamenti climatici, nonché sfruttamento e danni alle comunità in prima linea nell'estrazione di combustibili fossili, nella produzione petrolchimica e plastica e della plastica. l'incenerimento e lo smaltimento in discarica continueranno".

La buona notizia, però? Questi modelli riutilizzabili esistono già. Nessuno deve ricominciare da zero. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è l'assistenza e il finanziamento del governo per crescere il più rapidamente possibile e una promozione e un sostegno diffusi. "Questo è un momento per entrare a far parte di un movimento in crescita per un futuro senza plastica e una rivoluzione del riutilizzo". Potrebbe essere l'inizio di qualcosa di radicalmente nuovo e sorprendente.