Il cambiamento climatico potrebbe alimentare l'ascesa del nazionalismo di destra?

0
21

Due tendenze hanno definito l'ultimo decennio ed entrambe sono state esposte nella sessione di quest'anno dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Uno è stato l'escalation degli effetti del cambiamento climatico, che sono stati al centro del vertice sull'azione per il clima delle Nazioni Unite. Gli incendi boschivi, le inondazioni e gli uragani stanno aumentando per frequenza e gravità. Otto degli ultimi 10 anni sono stati i più caldi mai registrati. I biologi marini hanno avvertito che le barriere coralline negli Stati Uniti potrebbero scomparire del tutto entro il 2040.

L'altra tendenza è stata l'aumento della politica nazionalista di destra nelle nazioni occidentali, che include l'elezione di Donald Trump negli Stati Uniti e l'ascesa di partiti politici nazionalisti in tutto il mondo.

Infatti, i primi quattro discorsi del dibattito generale delle Nazioni Unite sono stati pronunciati dal populista di destra brasiliano Jair Bolsonaro, da Trump, dal dittatore egiziano Abdel Fattah el-Sisi e dal presidente turco di estrema destra Recep Erdogan.

Queste due tendenze sono raramente discusse insieme. Quando lo sono, la loro correlazione è talvolta vista come una sfortunata coincidenza, dal momento che molti politici nazionalisti ostacolano attivamente le soluzioni al cambiamento climatico.

Tuttavia, la nostra nuova ricerca suggerisce che queste due tendenze potrebbero essere strettamente correlate e non nel modo in cui potresti pensare. Gli effetti del cambiamento climatico – e il modo in cui fa sentire le società minacciate – possono essere uno degli elementi che alimentano l'ascesa del nazionalismo di destra.

Come il clima plasma la cultura

Per capire come il clima modella la cultura, è importante allontanarsi dagli eventi attuali e considerare il modo in cui il clima ha influenzato le società nel corso della storia umana.

Le culture possono variare in quella che viene chiamata la loro "rigidità": la rigidità o la flessibilità delle loro regole e tradizioni e la gravità delle loro punizioni per chi viola le regole.

Il popolo Fellahin dell'Egitto, ad esempio, era una delle culture più strette che abbiamo analizzato. Per secoli hanno applicato rigide norme di genere e forti aspettative su come i bambini dovrebbero essere allevati.

Quando le culture si sentono minacciate – sia da guerre, malattie o sconvolgimenti economici – tendono a diventare più strette.

Ma le minacce ecologiche possono essere altrettanto fortemente connesse all'inasprimento.

In un'analisi, abbiamo dimostrato che i tassi di carestia e scarsità di terra predicevano la rigidità culturale nelle società storiche. Il popolo Fellahin ha affrontato una costante minaccia di inondazioni e ha subito frequenti terremoti, tempeste di sabbia e frane.

I Fellahin hanno resistito a secoli di disastri ambientali.
Museo di Brooklyn

Secoli di catastrofe climatica possono anche prevedere le differenze nella rigidità culturale nelle società odierne. In un altro studio abbiamo scoperto che le nazioni che hanno sopportato i più alti tassi di siccità, scarsità di cibo, disastri naturali e instabilità climatica hanno oggi le culture più strette.

Anche all'interno degli Stati Uniti, gli stati più vulnerabili ai disastri climatici hanno le culture più strette. Uno studio del 2014 ha rilevato che Stati come il Texas, l'Oklahoma e l'Alabama – che hanno i più alti tassi di esecuzioni criminali e di punizioni corporali nelle scuole – hanno anche i più alti tassi storici di disastri naturali come tornado, inondazioni e uragani.

Le analisi evolutive suggeriscono che la rigidità culturale può essere funzionale, persino necessaria, di fronte al disastro climatico. Può rendere le persone più cooperative e più propense a seguire i protocolli, come il razionamento, durante una siccità.

Ma i nostri ultimi studi hanno esaminato un lato più oscuro della rigidità culturale. Volevamo sapere se la rigidità rendesse le persone meno tolleranti nei confronti delle religioni, delle etnie o dell'orientamento sessuale delle minoranze. In altre parole, abbiamo esplorato se il pregiudizio prospera in società più tese.

Questa dinamica avrebbe gravi conseguenze per la nostra comprensione degli eventi geopolitici. Se le anomalie climatiche come gli uragani e gli incendi boschivi hanno un effetto di "irrigidimento" sulle culture – e queste catastrofi si verificano più frequentemente – potrebbe spingere più persone verso politici che sposano la retorica xenofoba, omofobica o razzista.

Minaccia e pregiudizio ambientale

Per testare queste idee, abbiamo riunito un gruppo di 19 ricercatori di otto diverse nazioni. Con esperienza in economia, psicologia e antropologia, il nostro team era adatto per studiare l'effetto delle minacce ambientali e della cultura sul pregiudizio e sul nazionalismo politico.

Abbiamo finito per studiare 86 società storiche, 25 nazioni moderne e 50 stati degli Stati Uniti, analizzando i dati su oltre 3 milioni di persone.

I risultati sono stati sorprendentemente coerenti tra queste popolazioni. Le culture più vulnerabili alle minacce climatiche avevano le norme culturali più rigide e i più alti livelli di pregiudizio contro le minoranze. Ad esempio, negli stati americani con storie di minaccia climatica e rigidità culturale, gli intervistati bianchi hanno riportato i più alti livelli di avversione a sposare qualcuno che era nero, asiatico o ispanico. La Turchia e la Corea del Sud avevano le culture più strette e mostravano anche la maggiore avversione a vivere vicino a qualcuno che era di etnia, sessualità o religione diversa.

Successivamente abbiamo verificato se potevamo coltivare questi atteggiamenti sociali e politici in un ambiente di laboratorio. Abbiamo reclutato 1.000 persone da tutto il mondo. Alcuni hanno scritto di un evento minaccioso nel loro ambiente, incluso, ma non limitato a, il clima. Altri hanno scritto di un evento minaccioso nella loro vita personale. L'ultimo gruppo ha scritto di quello che hanno mangiato a colazione.

I soggetti che hanno scritto di un evento minaccioso nel loro ambiente hanno riportato il massimo sostegno per regole e regolamenti sociali più rigidi. Queste stesse persone hanno anche segnalato il maggior pregiudizio nei confronti delle minoranze etniche. Questo studio ha dimostrato che anche brevi promemoria di una minaccia ecologica potrebbero avere un effetto sulle tendenze politiche delle persone e renderle meno tolleranti.

Infine, abbiamo esplorato il modo in cui questi problemi sono legati alle elezioni moderne. Abbiamo reclutato individui americani e francesi durante le ultime elezioni presidenziali dei rispettivi paesi.

Abbiamo scoperto che gli elettori che si sentivano più minacciati erano più propensi a sostenere punizioni più dure per chi infrange le regole, più aderenza alle norme tradizionali ed espresso i più alti livelli di pregiudizio. Gli elettori che si sentivano minacciati avevano anche più probabilità di votare per Donald Trump e Marine Le Pen, ognuno dei quali correva su piattaforme legali e anti-immigrazione.

Uno nutre l'altro

Secondo quasi tutte le stime, il cambiamento climatico non farà che peggiorare. Senza una riforma seria e immediata, le temperature e il livello del mare continueranno a salire, insieme al rischio di eventi climatici destabilizzanti.

I pericoli naturali del cambiamento climatico sono già evidenti a molte persone. Ma la nostra ricerca sottolinea un pericolo geopolitico meno visibile. Man mano che il cambiamento climatico aumenta il livello di minaccia ambientale, le culture di tutto il mondo potrebbero diventare più rigide e la retorica di esclusione dei politici nazionalisti di estrema destra potrebbe sembrare sempre più allettante.

Poiché i nazionalisti di estrema destra sono noti per ignorare il cambiamento climatico, l'ascesa di questi politici potrebbe anche esacerbare gli effetti della minaccia ambientale. Ciò potrebbe creare un circolo vizioso, in cui la minaccia del disastro climatico e il nazionalismo di estrema destra si incoraggiano a vicenda nel tempo.

In questo modo, un'azione bipartisan sul cambiamento climatico potrebbe non essere necessaria solo per salvare l'ambiente. Potrebbe anche essere un modo importante per garantire che valori come la libertà di parola e la tolleranza siano preservati nei paesi e nelle culture di tutto il mondo.

[ Expertise in your inbox. Sign up for The Conversation’s newsletter and get a digest of academic takes on today’s news, every day. ]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui