Il cambiamento climatico significa che gli agricoltori dell’Africa occidentale hanno bisogno di più modi per combattere i parassiti

54

Il legame tra il cambiamento climatico e la diffusione dei parassiti delle colture è stato stabilito da ricerche e prove.

Gli stessi agricoltori stanno notando il collegamento, insieme a temperature più elevate e una maggiore variabilità delle precipitazioni. Tutti questi cambiamenti stanno avendo un impatto sui raccolti in tutta l’Africa.

Le condizioni mutevoli a volte consentono agli insetti e alle malattie di diffondersi e prosperare in posti nuovi. La minaccia è maggiore quando non ci sono predatori naturali a tenere sotto controllo i parassiti e quando le strategie di controllo umano si limitano all’uso di insetticidi sintetici non adatti.

I parassiti invasivi possono prendere piede in un nuovo ambiente e causare danni molto costosi prima che le autorità nazionali e i ricercatori siano in grado di escogitare e finanziare modi per proteggere colture, raccolti e mezzi di sussistenza.

Le prime ricerche sui metodi di controllo biologico (uso di altri organismi per controllare i parassiti) mostrano risultati promettenti per la salvaguardia dei raccolti e della sicurezza alimentare. Il rapido cambiamento climatico, tuttavia, significa che i ricercatori stanno correndo contro il tempo per sviluppare l’intera gamma di strumenti necessari per una minaccia crescente.

Il più notevole dei recenti parassiti invasivi arrivati ​​in Africa è stato il verme dell’esercito, che si è diffuso nel continente dalle Americhe nel 2016.

Da allora, 78 paesi hanno denunciato il bruco, che attacca una serie di colture, inclusi prodotti di base come il mais, e ha causato perdite stimate di 9,4 miliardi di dollari all’anno.

À lire aussi : Esplorare le migliori tattiche per combattere i focolai di vermi autunnali in Africa

Gli agricoltori africani stanno ancora lottando per contenere la piralide del grano più grande, o Prostephanus truncatus Horn, che ha raggiunto il continente negli anni ’70. Può distruggere fino al 40% del mais immagazzinato in soli quattro mesi. In Benin, è una minaccia particolare per le chips di manioca e può causare perdite fino al 50% in tre mesi.

Si prevede che la piralide del grano più grande continuerà a diffondersi man mano che le condizioni climatiche diventeranno più favorevoli. I paesi africani hanno urgente bisogno di maggiore sostegno e ricerca su diverse strategie di controllo, compreso l’uso di nemici naturali, resistenza varietale e biopesticidi.

Il mio lavoro di ricerca è all’interfaccia tra piante, insetti e genetica. Ha lo scopo di contribuire a un’agricoltura più produttiva, rispettosa dell’ambiente e della salute umana, controllando gli insetti nocivi con metodi biologici innovativi.

Ad esempio, abbiamo dimostrato che una specie di insetto chiamato Alloeocranum biannulipes Montr. e segno. mangia alcuni parassiti delle colture. Anche alcuni tipi di funghi (Metarhizium anisopliae e Beauveria bassiana) possono uccidere questi parassiti. Sono potenziali agenti di controllo biologico della piralide del grano più grande e di altri parassiti.

Un migliore controllo dei parassiti è particolarmente importante per le donne agricoltrici, che costituiscono una quota significativa della forza lavoro agricola.

In Benin, ad esempio, circa il 70% della produzione è svolto da donne, ma gli alti tassi di analfabetismo fanno sì che molte non siano in grado di leggere le etichette dei pesticidi sintetici.

Ciò può comportare un uso improprio o eccessivo di prodotti chimici per la protezione delle colture, che rappresenta un rischio per la salute degli agricoltori che applicano il prodotto e un rischio di inquinamento ambientale.

Inoltre, l’uso inadatto e intensivo di insetticidi sintetici potrebbe portare allo sviluppo di resistenza agli insetticidi e alla proliferazione di insetti resistenti.

Alternative biologiche al salvataggio

Vari studi hanno dimostrato che l’uso delle seguenti alternative biologiche non solo gioverebbe alla sicurezza alimentare, ma aiuterebbe anche gli agricoltori che hanno un’istruzione formale limitata:

  • I predatori naturali come altri insetti possono essere efficaci nel controllo dei parassiti. Ad esempio ho scoperto che il predatore Alloeocranum biannulipes Montr. e segno. è un efficace agente di controllo biologico contro un coleottero chiamato Dinoderus porcellus Lesne in patatine di igname immagazzinate e la trivella più grande in patatine di manioca immagazzinate. In condizioni di stoccaggio in fattoria, il rilascio di questo predatore in patatine di igname infestate ha ridotto significativamente il numero di parassiti e la perdita di peso. In Benin, gli ignami sono un alimento base e un importante raccolto da reddito. I tuberi vengono essiccati in scaglie per evitare che marciscano.

  • Anche ceppi di funghi come Metarhizium anisopliae e Beauveria bassiana hanno mostrato la loro efficacia come agenti di controllo biologico contro alcuni parassiti. Ad esempio, isolare Bb115 di B. bassiana ha ridotto significativamente le popolazioni di D. porcellus e la perdita di peso delle patatine di igname. Il fungo ha avuto anche un effetto sulla sopravvivenza di una specie di insetto, Helicoverpa armigera (Hübner), noto come il verme del cotone. Lo ha fatto invadendo i tessuti delle piante coltivate che la larva dell’insetto mangia. Le larve hanno quindi mangiato meno di quelle piante.

  • L’uso di estratti botanici e parti di piante in polvere è un’altra alternativa biologica all’uso di pesticidi sintetici dannosi. Ad esempio, ho scoperto che gli estratti botanici di piante coltivate in Benin, Bridelia ferruginea, Blighia sapida e Khaya senegalensis, hanno attività insetticida, repellente e antifeedant contro D. porcellus e possono essere utilizzati anche in polvere per proteggere i trucioli di igname.

  • La mia ricerca ha anche scoperto che gli oli essenziali di alcune foglie possono essere usati come un modo naturale per impedire a D. porcellus di nutrirsi di patatine di igname.

  • Ho anche fatto ricerche sulla resistenza varietale (genetica) e ho scoperto che cinque varietà di igname (Gaboubaba, Boniwouré, Alahina, Yakanougo e Wonmangou) erano resistenti al coleottero D. porcellus.

  • Strumenti di nuova generazione

    Per sviluppare strategie efficaci di gestione integrata dei parassiti, i ricercatori hanno bisogno di sostegno e finanziamenti. Devono testare questi potenziali metodi di biocontrollo e le loro combinazioni con altri metodi ecologici in condizioni di allevamento.

    À lire aussi : Nessuna soluzione perfetta: i piccoli agricoltori africani devono utilizzare sia pratiche tradizionali che nuove

    Investire in ulteriori ricerche aiuterebbe a rafforzare la strategia 2021-2030 dell’Unione africana per la gestione delle specie invasive e a proteggere gli agricoltori, i paesi e le economie da perdite più devastanti poiché il cambiamento climatico porta nuove minacce.

    Iniziative come la One Planet Fellowship, coordinata da African Women in Agricultural Research and Development, hanno contribuito a promuovere la ricerca e la leadership degli scienziati all’inizio della carriera in quest’area, dove il clima e il genere si sovrappongono.

    Ma è necessario molto di più per sbloccare la piena esperienza di donne e uomini in tutto il continente per fornire agli agricoltori gli strumenti di nuova generazione per le minacce di prossima generazione.