il caso del Samburu del Kenya

16

La conservazione della fauna selvatica basata sulla comunità è spesso promossa come una soluzione vantaggiosa per tutti. L’idea alla base di questo approccio è che le persone che vivono vicino alla fauna selvatica possono essere coinvolte nella sua protezione e hanno interesse a farlo.

Ciò si traduce nella protezione della fauna selvatica (una vittoria per la biodiversità globale) e la popolazione locale beneficia della conservazione attraverso entrate turistiche, posti di lavoro o nuove infrastrutture come scuole, cliniche e forniture idriche.

Tuttavia, la realtà della conservazione della fauna selvatica basata sulla comunità a volte è meno semplice, come dimostra l’esperienza del Kenya.

Il Kenya ospita spettacolari risorse naturali, paesaggistiche e culturali che guidano l’industria del turismo safari. Ciò porta milioni di visitatori – e miliardi di dollari USA – nel paese ogni anno. Tuttavia, le attrazioni turistiche del Kenya affrontano minacce significative. Questi includono il cambiamento climatico, il commercio illegale di animali selvatici, la perdita di habitat a causa della deforestazione e il conflitto uomo-fauna selvatica. Per affrontare alcuni di questi rischi, sono state istituite riserve di comunità in tutto il paese.

Le riserve comunitarie sono aree protette dalla fauna selvatica istituite su terreni di proprietà o occupati dalla comunità. Costituiscono una parte significativa del panorama della protezione della fauna selvatica in Kenya, con implicazioni per migliaia di persone.

Attualmente ci sono 76 di questi spazi, che coprono decine di migliaia di chilometri quadrati. Risalgono agli anni ’80, ma negli ultimi 20 anni sono aumentati di numero e di estensione.

Nel nord del Kenya, caratterizzato da un’ampia distesa di praterie, la maggior parte delle riserve sono sostenute dal Northern Rangelands Trust. Questa è una ONG nazionale finanziata da donatori globali e agenzie di conservazione internazionali.

Inoltre: le politiche keniote sulla fauna selvatica devono estendersi oltre le aree protette

È difficile stabilire quanti finanziamenti siano destinati alle conservazioni comunitarie. Tuttavia, nel 2020, la Kenya Wildlife Conservancies Association, un ente ombrello, ha riferito che le riserve del paese sostengono costi operativi annuali per circa 25 milioni di dollari. Questo è in gran parte finanziato attraverso i donatori e, in misura limitata, il governo.

In oltre 30 anni di ricerca antropologica sul campo tra le comunità Samburu nel nord del Kenya, ho notato che la conservazione della comunità stava guadagnando popolarità, ma c’erano poche prove sul suo funzionamento o sui suoi effetti. Ho condotto uno studio per esplorare la questione in modo più dettagliato. Questa ricerca ha portato a un libro che illustra l’impatto delle conservazioni sulla cooperazione e sui conflitti nelle comunità.

Il numero di animali selvatici in Kenya sta diminuendo, ma si trovano più animali selvatici nei terreni protetti che nelle aree non protette. Sebbene ciò sia promettente, la mia ricerca ha scoperto che le riserve hanno aumentato il conflitto uomo-fauna selvatica, con le comunità che sopportano il peso maggiore delle perdite e dei danni causati dalla fauna selvatica. Inoltre, i vantaggi economici delle conservazioni comunitarie per i membri erano minimi.

Le radici della conservazione della comunità

La conservazione basata sulla comunità ha le sue radici nella consapevolezza che il modello di conservazione “fortezza” – che è la creazione di parchi e riserve che escludono ogni uso umano – è insostenibile. Gli animali selvatici hanno bisogno di vasti paesaggi per prosperare. Non possono essere contenuti entro i confini dei parchi.

Allo stesso modo, quando la popolazione locale viene esclusa dai parchi, viene loro negato l’accesso alle risorse di cui ha bisogno per sopravvivere. Trattare le persone come meno importanti della fauna selvatica le rende meno inclini a proteggere la fauna selvatica. Ciò è particolarmente vero in un luogo come il nord del Kenya, dove società di pastori come i Samburu hanno vissuto per secoli a stretto contatto con la fauna selvatica.

Comprendere che il successo della conservazione dipende dal fatto che le popolazioni locali abbiano un interesse nel suo successo ha portato a sforzi in Kenya per coinvolgere direttamente le comunità nelle attività di conservazione. In questo approccio, la comunità mette da parte parte della sua terra per attività di conservazione in cambio di benefici previsti che deriveranno dalla conservazione.

Nel caso di Samburu, le comunità hanno destinato dal 10% al 25% della loro terra alla fauna selvatica e, in alcuni casi, alle infrastrutture turistiche. Queste riserve sono gestite da personale retribuito supervisionato da consigli composti da membri della comunità e supportati da ONG di conservazione.

Il pascolo del bestiame è vietato o severamente limitato su questa terra.

La conservazione della comunità crea confini, che sono sorvegliati da esploratori della fauna selvatica che sono spesso armati. Sebbene il loro ruolo dichiarato sia la protezione della fauna selvatica, questi scout hanno in realtà il compito di proteggere i pascoli dagli estranei e il bestiame dai furti.

Tensioni accresciute

La mia ricerca prevedeva di trascorrere un anno in diverse riserve di Samburu. Ho osservato come operavano le tutela e ho parlato con i membri di come si sentivano nei loro confronti. Ho condotto sondaggi per misurare i costi ei benefici sostenuti.

Lo studio ha rivelato una serie di impatti delle riserve sulle comunità locali che hanno principalmente a che fare con la sicurezza e con i finanziamenti.

Ho scoperto che le riserve hanno effettivamente accresciuto le tensioni tra le comunità Samburu. La creazione di zone di uso del suolo e la limitazione del pascolo rendono necessario mantenere i confini e rifiutare l’accesso ai non membri. Ciò va contro le norme Samburu di consentire l’accesso del bestiame al pascolo, in particolare durante le stagioni secche e la siccità. D’altra parte, i membri delle riserve considerano un vantaggio la sorveglianza del pascolo.

Molte volte nel corso della mia ricerca, ho sentito persone riferirsi ai loro vicini Samburu al di fuori dei confini della tutela come “estranei” o “invasori” che devono essere tenuti fuori. Le riserve assomigliano a isole intorno alle quali i pastori devono navigare per trovare pascoli. Se e quando sbarcavano su queste isole, spesso si verificavano conflitti.

Inoltre, l’importo del finanziamento incanalato alle riserve dalle organizzazioni di donatori è stato relativamente elevato rispetto ad altre fonti di sostegno. I conservatori che dispongono di strutture turistiche guadagnano anche entrate da contratti alberghieri, addebiti per pernottamenti e tasse di conservazione.

Per saperne di più : La conservazione degli elefanti potrebbe essere compromessa dagli utenti di Twitter che trascurano le principali minacce

I membri hanno percepito che circolava molto denaro nelle riserve, controllate dai consigli di amministrazione e dal personale. Hanno riportato benefici economici minimi per se stessi, principalmente sotto forma di tasse scolastiche per gli studenti e talvolta un dividendo annuale. Ciò ha alimentato i sospetti tra i membri che il denaro fosse utilizzato in modo improprio dai consigli di tutela e dal personale.

I sospetti di uso improprio dei fondi hanno provocato aspri conflitti all’interno della comunità sulla leadership, richieste di maggiore responsabilità pubblica e azioni legali.

Queste conseguenze indesiderate della conservazione basata sulla comunità richiedono modelli più efficaci. La conservazione che pone meno enfasi su chi può o meno utilizzare un pezzo di terra e che migliora la responsabilità, potrebbe portare a risultati migliori per le persone e per la fauna selvatica.

La strada davanti

Le intenzioni alla base della conservazione basata sulla comunità sono lodevoli. Mira a correggere i fallimenti del passato, che includono l’isolamento della fauna selvatica nei parchi e l’esclusione delle persone da importanti risorse di sopravvivenza. Tuttavia, questo approccio comporta una serie di sfide. C’è il rischio che se i membri non ricevono i tipi di benefici che sono stati promessi, il loro sostegno alla conservazione potrebbe diminuire, minando l’approccio.

Un maggiore impegno dei membri e una maggiore responsabilità in merito ai finanziamenti e ai suoi usi aumenterebbero la fiducia e la titolarità tra i membri.